Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Fassina, Laura (2015) Diritto dello sport e diritto dello Stato. Per un superamento della configurazione in termini autonomistici del sistema di giustizia sportiva. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1713Kb

Abstract (inglese)

The research faces the question about the relationship between sport justice and jurisdiction.
Law no. 280/03 established that sporting decisions dealing with technical or disciplinary measures could not be contested in front of the national courts.
This paper aims, first of all, to check the compatibility of this regulation with the constitutional guarantees.
Italian courts have oscillated on defining sporting decision's legal nature. In some cases, national courts ruled that sporting decisions were a sort of administrative measure. In other rulings sporting trials were qualified as a specific type of arbitration.
Law no. 280/03 had a strong impact on this debate. Jurisprudence was divided on interpretation of the exclusive sporting jurisdiction established by the law no. 280/03.
At first, courts has preferred a constitutional interpretation of the clause in order to respect the human right of action.
In the ruling no. 49/11, Constitutional Court rejected interpretation previously followed by the main jurisprudence. Constitutional judges underlined that law no. 280/03 does not allow any challenge of sporting decisions dealing with technical or disciplinary acts. This choice, they clarified, is safe from any charge of unconstitutionality. They explained that the censored provision does not exclude every kind of reaction: people who think that a technical or disciplinary decision may have caused a damage can apply to the ordinary judge for getting a money compensation.
Legal doctrine has opposed solution prospected by Constitutional Court, especially because it doesn't take in account that money compensation is not always satisfactory. On the contrary, italian administrative jurisprudence has always affirmed that compensation is just one of available repairing techniques.
Research proceeded trough a second critical profile. It has focused on theoretical reasons invoked by the law no. 280/03 to sustain the internal justice reserve.
Law no. 280/03 justified the justice denial as a tribute to the pluralism. In other words, italian legislator has defined sporting phenomenon as a closed system that features autonomy and internal justice.
Legislator has referred to the Institutionalism to provide a rational support to its provision that, as said before, is highly in contrast with the constitutional rights. Only if qualified as an autonomic system, sporting process can aspire to be independent from any outer control by the ordinary judges.
It must be said that legal doctrine has conceived sporting order as a derivate system that lives and expires according to the state rules. In critical position, it can be noted that derivate systems definition is in conflict with the essence of Institutionalism that was to overcome the unsatisfactory conception of law as a complex of formal provisions.

Abstract (italiano)

Con la legge n. 280 del 2003 il Legislatore ha disciplinato i rapporti fra giustizia statale e giustizia sportiva. La normativa richiamata, all’art. 3, stabilisce una riserva di giurisdizione a favore delle corti sportive, limitatamente alle controversie che abbiano a oggetto l’applicazione di una misura tecnica o di una sanzione disciplinare. Le decisioni sportive rese in tali ambiti sono dunque insindacabili dal giudice dello Stato, pur quando sia dedotta in giudizio la lesione di un diritto soggettivo o di un interesse legittimo.
Il Legislatore esplicitamente richiama l’autonomia dell’ordinamento sportivo e, più a monte, la teoria del pluralismo ordinamentale, quali referenti teorici della scelta operata con la legge sopra citata.
La presente dissertazione sottopone a vaglio critico la disciplina legislativa per evidenziarne due profili problematici. In primo luogo, si dubita della compatibilità dell’assetto così delineato con le norme costituzionali in tema di accesso alla giustizia. In secondo luogo, si denuncia l’uso ideologico delle teorie invocate dal Legislatore a sostegno della negazione della giurisdizione.
Sul primo fronte si è reso necessario dare conto del dibattito sorto in dottrina e giurisprudenza sulla qualificazione giuridica della decisione sportiva di ultima istanza, nonché sull’ammissibilità in generale di un’autodichia sportiva.
A questo proposito si sono dapprima rassegnate le posizioni di coloro che, sul presupposto della natura privatistica delle federazioni, riconducono il sistema di giustizia endo-associativo entro la categoria dell’arbitrato, nonché di coloro che, all’opposto, ritengono che le federazioni siano organi dell’ente pubblico coni e conseguentemente qualificano le relative decisioni alla stregua di provvedimenti amministrativi.
Il secondo fronte problematico, riguardante l’ammissibilità in generale di una riserva sportiva, ha subìto un’evoluzione per effetto della legge n. 280 del 2003. Si è dunque proceduto, in primo luogo, con l’esposizione degli orientamenti giurisprudenziali antecedenti all’entrata in vigore della legge citata, i quali, nel tentativo di arginare le pretese di autonomia sportiva, hanno oscillato nel dare rilievo ora al criterio della natura del provvedimento (disciplinare, tecnico, economico o amministrativo), ora al criterio della rilevanza esterna della sanzione su una situazione giuridica soggettiva rilevante per l’ordinamento generale. Esaurita la rassegna delle posizioni della giurisprudenza ante 2003, la trattazione si è concentrata sulle interpretazioni della clausola di cui all’art. 3 della legge richiamata.
A questo proposito si è dato conto di un orientamento giurisprudenziale di compromesso, secondo il quale la norma di cui sopra non poteva essere interpretata alla stregua di un diniego di giustizia e dunque doveva essere, al contrario, oggetto di una lettura costituzionalmente accettabile. In questa prospettiva, si è dunque affermato il principio per cui la riserva potesse operare a favore delle corti sportive solo allorquando la controversia non vertesse su una posizione giuridica qualificata dall’ordinamento generale. In altre parole, in caso di lesione di diritti soggettivi o interessi legittimi, la decisione sportiva, pur se di natura tecnica o disciplinare, non poteva essere sottratta al sindacato del giudice statale.
La Consulta, però, ha ritenuto di non poter condividere la soluzione prospettata dalla giurisprudenza maggioritaria. Nella sentenza n. 49 del 2011, la Corte delle Leggi ha chiarito che la norma sospettata di incostituzionalità deve essere intesa nel senso che essa esclude in radice qualsiasi ricorso successivo al giudice statale avverso l’applicazione di una misura tecnica o disciplinare da parte delle autorità di settore.
La disciplina, prosegue la Corte, non sarebbe in contrasto con alcuna previsione costituzionale. Il singolo, infatti, pur se impossibilitato a impugnare il provvedimento sgradito, conserverebbe comunque il diritto di agire avanti al giudice ordinario per ottenere la condanna al risarcimento del danno.
La soluzione della Corte Costituzionale è stata quindi sottoposta a dure critiche da parte della dottrina. L’elaborato prospetta alcune delle perplessità destate da questa decisione nella comunità scientifica.
In particolare, si osserva come la Corte sembri contraddire se stessa: la sentenza n. 249/11, infatti, si pone in contrasto con un orientamento consolidato della Corte delle Leggi che, anche con la storica sentenza n. 204/04, ha chiarito che il risarcimento del danno, lungi dal costituire una materia di giurisdizione, rappresenta (soltanto) una delle possibili tecniche di tutela di una posizione qualificata. La Corte, al contrario, concentrando la cognizione del giudice amministrativo sul solo risarcimento del danno da provvedimento illegittimo, sembra aver ribaltato il normale criterio di riparto giurisdizionale. Quest’ultimo è fondato, com’è noto, non già sulla natura del diritto azionato (diritto di credito al risarcimento del danno), bensì sulla natura della posizione giuridica che si assume lesa (diritto soggettivo o interesse legittimo).
La trattazione si propone da ultimo di verificare i riferimenti teorici esplicitamente addotti dal Legislatore a sostegno delle proprie scelte.
In particolare, si ritiene che la nozione di ordinamento derivato, invalsa nella comunità scientifica per qualificare il fenomeno sportivo, finisca per contraddire, se non vanificare, lo scopo della teoria istituzionalista.
Quest’ultima, infatti, si era posta il pregevole obiettivo di superare l’insoddisfacente equazione normativistica che vorrebbe ridurre il diritto a sistema ordinato di norme; sennonché, proprio l’introduzione della categoria dell’ordinamento derivato, inteso quale sistema che in tanto esiste solo in quanto riconosciuto dallo Stato per effetto di una norma positiva, sembra confermare e, anzi, rafforzare la tesi formalista che fa coincidere la giuridicità delle norme nella positività delle stesse.
Si rileva inoltre come il legislatore sembri avere invocato il principio pluralistico allo scopo politico di fornire una giustificazione razionale a una previsione, quale quella contenuta all’art. 3 della legge n. 280/03, che si trova palesemente in contrasto con le norme costituzionali. In altre parole, la supposta e mai provata autonomia originaria dell’ordinamento sportivo costituisce l’unico argomento funzionale alla giustificazione del diniego di giustizia.
Più precisamente, la disciplina che ci occupa si fonda su un falso sillogismo, nel quale il termine autonomia è inteso sia come indipendenza assoluta sia come esistenza soltanto derivata, circoscritta nei limiti specificamente delineati dalla norma generale dell’ordinamento superiore. L’ambiguità del lemma utilizzato permette di giustificare, da un lato, la riserva di giustizia, dall’altro il contenimento della stessa entro la materia tecnica e disciplinare.
Da ultimo si diffida l’interprete dall’accontentarsi di una giustificazione del sistema che si fondi solo ed unicamente sull’avvallo che esso abbia ricevuto da parte della Consulta. Ogni legittimazione della norma che si fondi sull’autorità che l’ha emessa adombra il rischio di una nuova deriva verso il normativismo. Quest’ultimo, disinteressandosi del contenuto delle disposizioni e radicando la giuridicità delle norme sulla conformità formale delle stesse al paradigma previsto per la loro emanazione, ha di fatto approvato un’idea di ordinamento in cui giustizia e giuridicità possono non coincidere. Il caso di specie, del resto, pare esserne un tipico esempio: la riserva di giustizia, pur se liberticida e palesemente in contrasto con il diritto fondamentale di azione, appare tuttavia pienamente legittima per effetto della mediazione dell’autorità, in specie la Corte Costituzionale.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Franco , Todescan
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 26 > Scuole 26 > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:27 Gennaio 2015
Anno di Pubblicazione:27 Gennaio 2015
Parole chiave (italiano / inglese):Giustizia sportiva
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/20 Filosofia del diritto
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Diritto Privato e Critica del Diritto
Codice ID:7591
Depositato il:09 Nov 2015 12:02
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Agostinis B., Vigna M., Il nuovo codice di giustizia sportiva: una vera rivoluzione per lo sport italiano, in www.giustiziasportiva.it, 2014, 2, 75 ss. Vai! Cerca con Google

AA.VV., Diritto dello sport – profili penali, a cura di Guardamagna A., Milano 2009. Cerca con Google

AA.VV., Giustizia amministrativa, a cura di Scoca F.G., Torino, 2011. Cerca con Google

AA.VV., Il processo e la conversione del conflitto, a cura di A. Berardi, Padova, 2009. Cerca con Google

AA.VV., Manuale di diritto processuale amministrativo, a cura di Caringella F. e Protto M., Roma, 2012. Cerca con Google

AA.VV., Scritti giuridici in onore di Francesco Carnelutti, I, Filosofia e teoria generale del diritto, Padova, 1950. Cerca con Google

Bacosi G., Ordinamento sportivo e giurisdizione. G.a. e G.o. prima della legge 280 del 2003, in www.giustizia-amministrativa.it. Vai! Cerca con Google

Bagattini F., D’Avirro A., Ducci M., Giglioli M., Mastromatteo A., Messeri M., Taddeucci Sassolini M., Commento al nuovo codice di giustizia sportiva. Aspetti giuridici e casi pratici, Milano, 2008. Cerca con Google

Bertolissi M., Meneghelli R., Lezioni di diritto pubblico generale, Torino, 1996. Cerca con Google

Blando F., La Corte Costituzionale individua lo sport come una “formazione sociale” di dimensione internazionale, in www.giustiziasportiva.it, 2, 2011, 19 ss. Vai! Cerca con Google

Bobbio N., Teoria dell’ordinamento giuridico, Torino, 1960. Cerca con Google

Capograssi A., Opere, Milano, 1959. Cerca con Google

Capograssi G., Impressioni su Kelsen tradotto, in Riv. Trim. dir. Pubb., 1952, 798 ss. Cerca con Google

Caringella F., Manuale di diritto amministrativo, Roma, 2014. Cerca con Google

Carnelutti F., Figura giuridica dell’arbitro sportivo, in Riv. Dir. Proc., 1953, 20 ss. Cerca con Google

Casetta E., Manuale di diritto amministrativo, Milano, 2011. Cerca con Google

Cavalla F., All’origine del diritto. Al tramonto della legge, Napoli, 2011. Cerca con Google

Cesarini Sforza W., Il diritto dei privati, Milano, 1963. Cerca con Google

Cesarini Sforza W., La teoria degli ordinamenti giuridici e il diritto sportivo, in Foro it., 1933, I, 1382. Cerca con Google

Consolo C., Spiegazioni di diritto processuale civile, I, Le tutele: di merito, sommarie ed esecutive, Torino, 2012. Cerca con Google

Cossutta M., Interpretazione ed esperienza giuridica. Sulla critica della concezione meccanicistica dell’attività interpretativa, Trieste, 2011. Cerca con Google

De Cristofaro M., Al crepuscolo la pretesa “immunità” giurisdizionale delle federazioni sportive?, in Riv. Dir. Sport, 1996, 877 Cerca con Google

De Leonardis F., Soggettività privata e azione amministrativa, Padova, 2000. Cerca con Google

De Silvestri A., La Corte Costituzionale “azzoppa” il diritto d’azione dei tesserati e delle affiliate, in www.giustiziasportiva.it, 2011, 1, 4 ss. Vai! Cerca con Google

De Silvestri A., Note a margine di un convegno sui rapporti tra ordinamento statale e ordinamento sportivo, in www.giustiziasportiva.it, 2011, 3, 41 ss. Vai! Cerca con Google

Di Nella L., Il fenomeno sportivo nell’ordinamento giuridico, Napoli, 1999. Cerca con Google

Di Chiara G., Fiandaca G., Una introduzione al sistema penale. Per una lettura costituzionalmente orientata, Napoli, 2003. Cerca con Google

Di Todaro A. A., La tutela effettiva degli interessi tra giurisdizione sportiva e statale: la strana “fuga” della Corte dal piano sostanziale a quello per equivalente, in Giur. Cost., 2011, 1, 697 ss. Cerca con Google

Fassò G., La storia come esperienza giuridica, Milano, 1953. Cerca con Google

Fassò G., Storia della filosofia del diritto, III, Bari, 2001. Cerca con Google

Fazzalari E., Procedimento e processo, in Enc. dir., XXXV, Milano, 1986. Cerca con Google

Ferrara L., Giustizia sportiva, in Enc. dir., Annali III, Milano, 2009. Cerca con Google

Fontana G., Il potere disciplinare delle associazioni sportive sui giocatori di calcio professionisti, in Riv. dir. Sport., 1967, 1-2, 46. Cerca con Google

Furno C., Note critiche in tema di giuochi, scommesse e arbitraggi sportivi, in Riv. It. Dir. Proc. Civ., 1952, 638. Cerca con Google

Garofoli R., Ferrari G., Manuale di diritto amministrativo, Roma – Molfetta, 2013 – 2014. Cerca con Google

Garofoli R., Corso di magistratura. Le lezioni. Diritto Penale – parte generale e speciale, IV, Roma, 2013. Cerca con Google

Gentile F., Filosofia del diritto. Le lezioni del quarantesimo anno raccolte dagli allievi, Padova, 2006. Cerca con Google

Gentile F., Legalità, giustizia, giustificazione. Sul ruolo della filosofia del diritto nella formazione del giurista, Napoli, 2008. Cerca con Google

Gentile F., Ordinamento giuridico tra virtualità e realtà, Padova, 2001. Cerca con Google

Gentile F., Politica et/aut statistica. Prolegomeni di una teoria generale dell’ordinamento politico, Milano, 2003. Cerca con Google

Giampetraglia R., Riflessioni in tema di responsabilità sportiva, Napoli, 2002. Cerca con Google

Giannini M.S., Prime osservazioni sugli ordinamenti giuridici sportivi, in Riv. Dir. Sport, 1949, 10. Cerca con Google

Giannini M.S., Ancora sugli ordinamenti giuridici sportivi, in Riv. Trim. dir. Pubbl., 1996, I, 2, 671. Cerca con Google

Goisis F., La giustizia sportiva tra funzione amministrativa ed arbitrato, Milano, 2007. Cerca con Google

Gramaglia D., Diritto processuale civile, Milano, 2014. Cerca con Google

Greco A., La legge 280/2003 alla luce dell’ordinanza del Tar del Lazio n. 241/2010, in www.giustiziasportiva.it, 2010, 3, 171 ss. Vai! Cerca con Google

Jannuzzi A., Per la legittimità della giurisdizione sportiva, in Riv. Dir. Sport., 1955, 3, 252. Cerca con Google

Jori M., Pintore A., Introduzione alla filosofia del diritto,Torino, 2014. Cerca con Google

Kelsen H., Dottrina generale dello Stato, Milano, 2013. Cerca con Google

Kelsen H., Il problema della giustizia, a cura di Losano M. G., Torino, 1998. Cerca con Google

Kelsen H., Lineamenti di dottrina pura del diritto, Torino, 1952. Cerca con Google

Kelsen H., Lineamenti di dottrina pura del diritto, Torino, 2000. Cerca con Google

Kelsen H., Problemi fondamentali della dottrina del diritto pubblico esposti a partire dalla dottrina della proposizione giuridica, Napoli, 1997. Cerca con Google

Lottieri C., Credere nello Stato? Teologia politica e dissimulazione da Filippo il Bello a Wikileaks, Napoli, 2011. Cerca con Google

Lubrano E., La “pregiudiziale sportiva” e il ruolo della Camera di Conciliazione del Coni: un sistema da riformare?, in Dir. Sport., 2007, 43. Cerca con Google

Lubrano E., La sentenza abbonati – Catania: il Consiglio Siciliano e il rischio di ritorno della tutela giurisdizionale nello sport al paleozoico, in Riv. Dir. Sport, 2007, 798. Cerca con Google

Luiso F. P., Il Tribunale nazionale arbitrale per lo sport. Il punto di vista del processualista, in Riv. Arbitrato, 2010, 1, 3 ss. Cerca con Google

Luiso F. P., La giustizia sportiva, Milano, 1975. Cerca con Google

Maltoni A., Il conferimento di potestà pubblicistiche ai privati, Torino, 2005. Cerca con Google

Manfredi G., Ordinamento statale e ordinamento sportivo. Tra pluralismo giuridico e diritto globale, in Dir. Amm., 2012, 3, 299 ss. Cerca con Google

Manfredi G., Osservazioni sui rapporti fra ordinamento statale e ordinamento sportivo, in Foro amm., Tar, 2006, 2971. Cerca con Google

Manfredi G., Pluralità degli ordinamenti e tutela giurisdizionale. I rapporti fra giustizia statale e giustizia sportiva, Torino, 2007. Cerca con Google

Marani Toro A. B., Questioni giuridiche nel procedimento per doping a carico del Bologna F.C., in Riv. Dir. Sport., 1964, 350. Cerca con Google

Marani Toro A., Sport, in Nss. Dig. It, Torino, 1947, 44. Cerca con Google

Merone A., La giustizia sportiva nell’aspetto giurisdizionale, in Giur. Merito, 2006, 1, 31. Cerca con Google

Modugno F., legge – ordinamento giuridico pluralità degli ordinamenti. Saggi di teoria generale del diritto. Milano, 1985. Cerca con Google

Moro P., Controversia tecnica ed equo processo, in www.giustiziasportiva.it, 2014, 2, 9. Vai! Cerca con Google

Moro P., De Silvestri A., Crocetti Bernardi E., Lubrano E., La giustizia sportiva: analisi critica della l. 280/2003, Forlì, 2004. Cerca con Google

Romano S., Frammenti di un dizionario giuridico, Milano, 1983. Cerca con Google

Romano S., L’ordinamento giuridico, Firenze, 1977. Cerca con Google

Santagada G., Le sanzioni disciplinari sportive: se non sono annullabili non sono “atti amministrativi”, ma “fatti storici” non arbitrabili e la domanda risarcitoria si propone davanti al giudice ordinario, in Giust. civ., 2012, 11-12, 2519 ss. Cerca con Google

Scoca F. G., I mezzi di tutela giurisdizionale sono soggetti alla discrezionalità del legislatore, in Corr. Giur., 2011, 11, 1549. Cerca con Google

Sferrazza M., Il nuovo sistema di giustizia sportiva, in www.giustiziasportiva.it, 2014, 2, 93 ss.. Vai! Cerca con Google

Tasso T. G., Oltre il diritto. Ala ricerca della giuridicità del fatto, Padova, 2012. Cerca con Google

Tognon j., Le regole del gioco e il gioco delle regole: la giustizia sportiva dopo la sentenza della Corte costituzionale n. 49/2011, in www.giustiziasportiva.it, 2013, 2, 82 ss. Vai! Cerca con Google

Tognon J., Diritto europeo dello sport, Padova, 2008. Cerca con Google

Verde G., Sul difficile rapporto tra ordinamento giuridico e ordinamento sportivo, in Fenomeno sportivo e ordinamento giuridico, Napoli, 2009. Cerca con Google

Vidiri, Autonomia dell’ordinamento sportivo, vincolo di giustizia ed azionabilità dei diritti in via giudiziaria, in Corr., giur., 2007, 1119. Cerca con Google

Vignudelli A., Diritto Costituzionale, Bologna, 2010. Cerca con Google

Vigoriti V., Giustizia disciplinare e giudice amministrativo, in Corr. Giur., 2007, 1123. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record