Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Youssim, Iaroslav (2015) Social Determinants of Economic Behavior of Older Adults in Europe. [Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document (PhD thesis) - Submitted Version
3652Kb

Abstract (english)

This PhD thesis contributes to the growing economic literature which studies effects of social and cultural variables on economic behavior of older adults in Europe. Landes, cited in Guiso et al. (2006), states that "if we learn anything from the history of economic development, it is that culture makes all the difference” (p. 29). Indeed, in the recent years economists put an effort to apply their analytical frameworks and empirical tools to study the role of culture on economic outcomes (Guiso et al., 2006). Many studies have already linked economic outcomes directly to cultural differences. In my papers I use culture as it is defined by Guiso et al. (2006). This definition is focused only on such aspects of culture (beliefs, values or skills) that are inherited by an individual from the previous generations (“transmitted fairly unchanged from generation to generation”) of his or her social group (p. 23). The persistence of these “slow-moving” components of culture allows us to use such variables as ethnic origin or culture inherited from the family of origin as exogenous predictors of economic outcomes, thus avoiding the issue of reverse causality. In my study I rely in particular on the assumption of Bisin and Verdier (2000), who maintain that parents have a natural tendency to teach their children what they have learned from their own parents, usually without an appropriate assessment of adequacy of this education.
Referring to Cunha and Heckman, Mazzonna (2011) states that a vast body of theoretical and empirical literature already showed that the formation of cognitive and socio-emotional skills is a function of the transfers from the family of origin (e.g. cognitive ability, physical appearance, attitudes, and family connections as well as cultural traits). In the next step it has been already shown that these transfers are a key determinant of the economic success of children at an adult age (Mazzonna 2014: 26). The three current papers take this claim one step further and show that the effect of these transfers go far beyond the adult outcomes to influence the older adults’ economic performance. These papers, therefore, might be regarded as a contribution to the life course approach studies, where controlling for the current social and economic variables, one looks at the effects of the inherited culture on older adult’s economic behavior.
To study this process I use the Survey on Health, Aging and Retirement in Europe (SHARE). SHARE is a multidisciplinary and cross-national panel database, which collects detailed micro data on health, socio-economic status and social and family networks of more than 85,000 individuals (approximately 150,000 interviews) from 20 European countries (+Israel) aged 50 or over. At the time of writing this thesis, 4 waves of this longitudinal study became available. These waves extend from 2004 to 2012 and are supplemented by the life histories that were collected in Wave 3 (SHARELIFE) and which provide background information as far back in time as childhood health and socio-economic status. Together, SHARE and SHARELIFE provide a wealth of data to address relevant for my study questions (see Börsch-Supan et al., 2013). For example, I examine whether disparities in early-life endowments correlate with older people’s proclivity to engage in unpaid ‘productive activities’ (such as volunteering or informal help). Whether norms, transmitted inside families, help older parents (who make monetary transfers to their grown-up children) to estimate the risk with which the child will renege on created “nonguaranteed debt?” Finally, I study, whether belonging to a linguistic community in Europe matters in determining the participation of older adults in the financial market. Regarding the last question, I rely on the assumption that “language and culture constitute one another, with language being the stable factor that constrains the development of cultural norms” (Licht et al., 2007: 661).
The first paper is entitled Early-Life Conditions and Unpaid Productive Involvement at the Age 65 and Older in European Countries. It studies relationships between disparities in early-life conditions and extent and intensity of unpaid productive involvement among people aged 65 and older. The suggested measures of early-life conditions are “cultural capital” of the family of origin, mathematical ability and historical and institutional circumstances, such as experiencing an institutionally caused traumatic event during childhood. The paper uses data from SHARE wave 2 and SHARELIFE. The results confirm that, even after accounting for many other individual-level variables, there exist long-lasting correlations between some of the early-life conditions and involvement in the unpaid productive activities in the old age.
The second paper, Uncertainty in Private Inter-Generational Transfers of Money and Time, contributes to the burgeoning literature on private downward intergenerational transfers of money and time in the Western countries. Building on the research, which finds support for the exchange motive of such transfers, this study further investigates determinants of the parental decision to transfer money. The empirical analysis is based on variables from three waves of SHARE, 14,889 parent-child dyads from 12 European countries. After discussing the risky nature of the exchange, I find that this decision to transfer money is dependent on the measures of current and childhood social status of the parents. This is congruent with the findings in the literature on trust that people from higher social status are less likely to be cheated; and that the people, who expect less to be cheated, are more willing to participate in risky transactions. This finding suggests that the parental decision to transfer money is determined by estimated uncertainty regarding the likelihood that the financial transfer will be reciprocated by children, who are expected to provide services later in life. Moreover, the study supplies an empirical support for the idea that this decision is informed by parental knowledge about the cultural norms characterizing their family.
Finally, the third paper, Linguistic Communities and Financial Behavior of Older Adults in Europe, compares financial behavior (holding stocks, bonds, mutual funds and/or individual retirement accounts (IRA)) of older adults, belonging to 10 different European linguistic communities: German-speakers in South Germany, German-speakers in Austria and in Switzerland; Italian-speakers in Northern Italy and those in Switzerland; French-speakers in East France, in Belgium and in Switzerland; and finally Dutch in the Netherlands and Flemish in Belgium. Previous research found profound differences in financial behavior among older adults across European countries. However, belonging to different linguistic groups in a country; or to the same linguistic group across different countries was usually neglected as a possible predictor of financial behavior. Recently many other noneconomic factors were found as important determinants of the household financial behavior of older adults, such as effects of social institutions and culture. However, the literature has missed the fact that belonging to different linguistic communities in Europe might serve as a proxy for a latent construct of having/lacking skills and values that are necessary for holding stocks, bonds, mutual funds and/or individual retirement accounts. Using the fourth wave of SHARE, I find first that for three kinds of financial instruments (holding stocks, risky assets and risky assets plus IRA) – after controlling for all possible determinants of private financial market participation – the behavior of the three linguistic communities in Switzerland and of the two communities in Belgium isn't the same, despite they face identical institutions. Second, in some cases (especially, concerning the French-speakers), the financial behavior of a language speaker can be identical, even when facing heterogeneous financial environment (i.e. the behavior is identical across countries). Thus, it is evident that language matters for private financial decisions – at least for some of the major European linguistic groups – even after controlling for a wide range of adequate variables.

Abstract (italian)

Questa tesi di dottorato offre un contributo alla sempre più crescente letteratura economica che studia gli effetti delle variabili di tipo sociale e culturale sul comportamento economico degli adulti anziani in Europa. Landes, citato in Guiso et al. (2006), afferma che “se possiamo apprendere qualcosa dalla storia dello sviluppo economico, è che la cultura fa tutta la differenza” (pag. 29). In effetti, in questi ultimi anni gli economisti stanno cercando di applicare i loro quadri teorici di analisi e i rispettivi strumenti empirici per studiare il ruolo della cultura sugli effetti economici (Guiso et al., 2006). Molti studi hanno già direttamente collegato gli effetti economici alle differenze culturali. Nei miei paper utilizzo il termine cultura così come viene definito da Guiso et al. (2006). Questa definizione si sofferma solo su quegli aspetti della cultura (credenze, valori o capacità) che vengono ereditati da un individuo dalle generazioni precedenti (“trasmessi in modo relativamente immutato di generazione in generazione”) del proprio gruppo sociale (pag. 23). La persistenza di queste componenti “rallentate” della cultura ci permette di utilizzare variabili come l'origine etnica o la cultura ereditata dalla famiglia di origine come elementi predittori di natura esogena degli effetti economici, evitando così la questione della causalità inversa. Nel mio studio mi affido in particolare all’ipotesi di Bisin e Verdier (2000), che sostengono che i genitori hanno una naturale tendenza ad insegnare ai loro figli ciò che hanno imparato dai propri genitori, di solito senza un’adeguata valutazione dell’adeguatezza di questa educazione.
Riferendosi a Cunha e Heckman, Mazzonna (2011) afferma che una vasta letteratura teoretica ed empirica ha già dimostrato che la formazione di abilità cognitive e socio-emotive dipende dalle eredità della famiglia di origine (ad esempio, le abilità cognitive, l’aspetto fisico, le abitudini, i legami familiari, nonché i tratti culturali e genetici). Nel successivo sviluppo di queste tesi, è stato già dimostrato che queste eredità sono un fattore determinante del successo economico e sociale dei bambini quando arrivano all’età adulta (Mazzonna 2014: 26). Questi tre paper fanno fare a questa affermazione un ulteriore passo avanti, poiché dimostrano che il risultato di queste eredità va ben oltre l’effetto sull’età adulta, arrivando ad influenzare il comportamento economico degli adulti anziani. Questi paper, quindi, potrebbero essere considerati come un contributo agli studi che utilizzano un approccio mirato all’intero ciclo di vita, in cui attraverso il controllo delle variabili sociali ed economiche contemporanee, si guarda agli effetti della cultura ereditata sul comportamento economico degli adulti più anziani.
Per studiare questo processo, utilizzo l’Indagine su Salute, Invecchiamento e Pensioni in Europa (SHARE - Survey on Health, Aging and Retirement in Europe). SHARE è una banca dati multidisciplinare e multipaese che raccoglie dati individuali su salute, status socio-economico e relazioni sociali e familiari di più di 85.000 individui ultracinquantenni (raccolti approssimativamente attraverso 150.000 interviste) di 20 paesi europei (più Israele). Al momento di scrivere la mia tesi, 4 serie di questa ricerca longitudinale erano disponibili. Queste serie vanno ora dal 2004 al 2012 e sono integrate dalle storie di vita che sono state raccolte durante la terza rilevazione (denominata SHARELIFE), che forniscono informazioni retrospettive che risalgono alla salute e allo status economico nel periodo dell'infanzia. Insieme, SHARE e SHARELIFE rappresentano un importante patrimonio di dati per poter affrontare le mie questioni di ricerca (vedi Börsch-Supan et al., 2013). Ad esempio, è per me possibile studiare se le disparità nei mezzi a disposizione nei primi anni di vita siano correlate con la propensione degli anziani di impegnarsi in “attività produttive” (come, ad esempio, il volontariato o l’aiuto di natura informale). Se le norme trasmesse all’interno delle famiglie aiutino i genitori anziani (che procurano un reddito ai propri figli ormai adulti) a stimare il rischio che il figlio si sottrarrà alla restituzione di questo “debito non garantito”. In ultima analisi, se l’appartenenza ad una comunità linguistica in Europa sia importante nel determinare la partecipazione degli adulti anziani al mercato finanziario. Relativamente a quest’ultima domanda, mi baso sul presupposto che “la lingua e la cultura si compongono l’una dell’altra, poiché la lingua è il fattore costante che vincola lo sviluppo di norme culturali” (Licht et al, 2007: 661).
“Condizioni personali nelle fasi iniziali della vita e la partecipazione in attività produttive non remunerate dai 65 anni in poi”. Il primo articolo studia le relazioni tra le disparità esistenti nelle fasi iniziali della vita di una persona e l'entità e l'intensità di un suo successivo coinvolgimento in attività produttive non remunerate dai 65 anni in poi. Si suggeriscono le seguenti misure delle condizioni personali di vita durante le sue prime fasi: il “capitale culturale” della famiglia di origine, le capacità matematiche dell'individuo e le circostanze storiche e istituzionali in cui egli si trova a vivere , come ad esempio la sua reazione ad un evento traumatico istituzionalmente causato durante l'infanzia. Questo articolo utilizza i dati del "Survey on Health, Aging and Retirement" per l'Europa (SHARE) e la sua indagine retrospettiva (SHARELIFE) in cui si raccolgono informazioni sul "background" familiare degli intervistati durante la loro infanzia in 13 paesi europei. I risultati confermano che, anche dopo aver considerato molte altre variabili a livello individuale, esistono correlazioni di lunga durata tra alcune delle condizioni delle prime fasi di vita di una persona e il suo coinvolgimento in attività produttive non retribuite durante vecchiaia.
“Incertezza nei trasferimenti intergenerazionali privati di tempo e denaro”. Il secondo articolo intende offrire un contributo alla fiorente letteratura sui trasferimenti intergenerazionali "verso il basso" di tempo e denaro, ossia dagli adulti ai giovani, nei paesi occidentali. Sulla base della ricerca preesistente che supporta motivazioni di scambio tra le vecchie e le nuove generazioni, questo studio intende indagare ulteriormente sulle determinanti della decisione dei genitori di trasferire denaro ai propri figli. L'analisi empirica si basa sulle variabili delle tre ondate di indagine del "Survey of Health, Ageing and Retirement in Europe" (SHARE, 14.889 diadi di genitori-figli di 12 paesi europei). Dopo aver discusso la natura rischiosa dello scambio intergenerazionale, si trova evidenza empirica che questa decisione dipende dalle misure dello status sociale corrente e dell'infanzia dei genitori. Questo risultato è congruente con i risultati della letteratura esistente secondo cui la gente di alto status sociale ha fiducia di avere meno probabilità di essere truffata e secondo cui la gente che si aspetta meno di essere truffata è più disposta a partecipare a operazioni rischiose. Tale scoperta suggerisce che la decisione dei genitori di trasferire denaro ai figli sia determinata dalla stima dell'incertezza circa la possibilità che il trasferimento finanziario sia da loro ricambiato, in quanto ci si aspetta che siano i figli a dover fornire dei servizi ai propri genitori durante la vecchiaia. Inoltre questo studio fornisce supporto empirico all'idea che tale decisione dei genitori è consapevolmente determinata dalle norme culturali che caratterizzano la propria famiglia.
“Comunità linguistiche e comportamento finanziario degli adulti più anziani in Europa”. Infine il terzo articolo confronta il comportamento finanziario (possesso di azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento e / o conti pensionistici individuali (IRA, ossia "Individual Retirement Accounts")) degli adulti più anziani appartenenti a 10 diverse comunità linguistiche europee. Si prendono in considerazione le comunità di lingua tedesca in Germania meridionale, in Austria e in Svizzera; quelle Italofone nel Nord Italia e in Svizzera; quelle Francofone nella Francia orientale, in Belgio e in Svizzera; ed infine quelle di lingua olandese nei Paesi Bassi e di lingua fiamminga in Belgio. Le ricerche precedenti hanno evidenziato profonde differenze nel comportamento finanziario degli adulti più anziani nei diversi paesi europei. Tuttavia tali studi hanno trascurato di considerare l'appartenenza a diversi gruppi linguistici in uno stesso paese; o allo stesso gruppo linguistico in diversi paesi, come possibile variabile previsiva del comportamento finanziario degli individui. Recentemente altre ricerche hanno individuato molti altri fattori non economici rilevanti nel determinare il comportamento finanziario familiare degli adulti più anziani, come l'influenza che su di loro hanno le istituzioni sociali e la cultura. Tuttavia in letteratura non si è considerato il fatto che l'appartenenza a diverse comunità linguistiche in Europa potrebbe essere assunta come variabile "proxy" di un fattore latente, quale potrebbe essere il possedere o meno le capacità e le competenze per detenere azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento e / o conti pensionistici individuali. In questo lavoro si trova, dopo aver effettuato un controllo per tutte le possibili determinanti della partecipazione privata nei mercati finanziari, che per tre tipi di strumenti finanziari (azioni, attività rischiose e attività rischiose aggiunte agli "IRA"), il comportamento delle tre comunità linguistiche in Svizzera e delle due comunità in Belgio non è lo stesso, nonostante ciascuna di esse abbia a che fare con istituzioni identiche. In secondo luogo, in alcuni casi (specialmente per quanto riguarda i francofoni), le modalità della partecipazione ai mercati finanziari di chi parla la stessa lingua possono essere identiche anche quando il contesto finanziario è eterogeneo, in altri termini si ha un comportamento finanziario identico da parte di chi appartiene alla stessa comunità linguistica ma vive in paesi diversi. Risulta quindi evidente da questa analisi empirica che la lingua parlata, anche dopo aver controllato per una vasta gamma di variabili adeguate, è rilevante per le decisioni finanziarie private almeno per alcuni dei principali gruppi linguistici europei.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:Weber, Guglielmo
Ph.D. course:Ciclo 27 > scuole 27 > SCUOLA SUPERIORE DI ECONOMIA E MANAGEMENT (INTERATENEO)
Data di deposito della tesi:30 January 2015
Anno di Pubblicazione:30 January 2015
Key Words:Economics of Population Ageing, Unpaid Productive Activities, Early-Life Conditions, Inter-Generational Transfers of Money and Time, Financial Market Participation, SHARE
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 13 - Scienze economiche e statistiche > SECS-P/05 Econometria
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali "Marco Fanno"
Codice ID:7822
Depositato il:10 Nov 2015 12:53
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record