Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Campostrini, G.P. (2015) Indagini speditive nella prevenzione e riduzione del rischio sismico del patrimonio storico: un approccio Bayesiano. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF
Tesi non accessible fino a 2018 per motivi correlati alla proprietà intellettuale.
Visibile a: nessuno

4Mb

Abstract (inglese)

The seismic vulnerability of entire city centres or substantial portions of them is normally assessed by extending the typical study methods applied to single buildings to urban conglomerates. The approach used here is that of preparing reasonable large-scale a priori estimates of values not directly appreciable from the exteriors of buildings by applying knowledge of other values which, instead, can be measured from the outside. That is deducing the thickness of perimeter walls and the position of load-bearing walls from the height of the façades, can be carried out with various methods for obtaining data, including air photo surveys. The approach follows Bayesian principles, with updating of initial hypotheses as data from various sources become available.
Also examined, is the possibility of estimating the various inter-storey heights, starting from the total height of the building and its number of storeys, with special treatment of compositional data.
Lastly, the application of this method to evaluation of protection on an urban scale is discussed.

Abstract (italiano)

La valutazione della vulnerabilità sismica di interi centri storici o parti consistenti di essi viene normalmente affrontata estendendo ai vari edifici che costituiscono l’agglomerato urbano le modalità di studio tipiche del singolo edificio. L’approccio che qui si propone si basa sull’idea che sia possibile dedurre grandezze non direttamente misurabili dall’esterno da altre che sono facilmente rilevabili esternamente. In particolare ci si riferisce alla possibilità di dedurre dalle altezze delle facciate, ottenute con metodiche diverse e tra le quali viene data evidenza all’aerofotogrammetria, gli spessori delle murature perimetrali e di ipotizzare la posizione dei muri di spina. Oltre a questo si è analizzata la possibilità di considerare l‘individuazione delle varie altezze di interpiano, a partire dall’altezza dell’edificio ed il numero di piani, con le tecniche che caratterizzano la manipolazione dei dati composizionali. L’approccio seguito è quello bayesiano che prevede l’aggiornamento delle ipotesi iniziali via via che si rendano disponibili dati provenienti da varie fonti. Si discute infine sulla possibilità di applicare il metodo alla valutazione della sicurezza sismica a scala territoriale.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Modena, Claudio
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 26 > Scuole 26 > STUDIO E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI E ARCHITETTONICI > SCIENZE E TECNOLOGIE PER I BENI ARCHEOLOGICI E ARCHITETTONICI
Data di deposito della tesi:01 Febbraio 2015
Anno di Pubblicazione:2015
Parole chiave (italiano / inglese):Vulnerabilità Bayesiano Rischio Sismico Composizionali Aerofotogrammetria Scala Urbana
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/09 Tecnica delle costruzioni
Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/19 Restauro
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:7918
Depositato il:12 Nov 2015 09:28
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record