Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Staffler, Lukas (2014) Tod durch Körperverletzung: Deliktsspezifische Zurechnungsdogmatik im Vergleich Deutschland, Österreich und Italien. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF (Tesi di dottorato pubblicata presso la casa editrice Duncker & Humblot, Berlino.) - Versione pubblicata
Tesi non accessible per motivi correlati alla proprietà intellettuale.
Visibile a: nessuno

3421Kb

Abstract (inglese)

The doctoral thesis regards regarding the crime „bodily harm with lethal consequences“ as defined by section 227 of the German Penal code, by section 86 of the Austrian Penal Code and by section 584 of the Italian Penal Code.

The author focuses on crucial questions and problems in Legal Theory. He illustrates problems regarding the theory of objective imputation in the field of criminal negligence, which were applied in limiting cases by the national Supreme Courts.

Abstract (italiano)

La presente tesi di dottorato, redatta nell‘ambito del programma di dottorato di ricerca congiunto dell‘Università di Innsbruck e di Padova, è dedicata all‘esame critico in chiave dogmatico-comparatistica della figura delittuosa dell‘omicidio preterintenzionale di cui al paragrafo 227 del codice penale tedesco, ai paragrafi 86 e 87 del codice penale austriaco ed all‘art. 584 del codice penale italiano.

La parte introduttiva (capitolo I e II) espone lo stato dell‘arte riguardo all'omicidio preterintenzionale nella legislazione, nella dottrina e nella giurisprudenza dei tre paesi ed esplicita i limiti del lavoro ed il metodo comparatistico seguito. L’elaborato scientifico si articola successivamente in tre registri di interesse specifico: la prima parte (capitolo III) dell‘opera è dedicata alla ricostruzione storica e dogmatica della figura delittuosa de qua, focalizzandosi sui punti storicamente cruciali relativi allo sviluppo dell‘istituto. La seconda parte (capitolo IV) riguarda l‘interpretazione della fattispecie preterintenzionale nella dottrina e giurisprudenza dei tre paesi. La parte conclusiva (capitolo V) è dedicata alla comparazione dell‘istituto nei tre paesi e prende in considerazione quattro aspetti concettuali di rilievo cruciale nella dogmatica penalistica, esplicitando per ciascuno di essi una comparazione critica di carattere costruttivo: (1) il rapporto tra i delitti di lesione qualificati dall‘evento morte con i delitti di omicidio; (2) la natura (ratio essendi) della colpa in attività illecita; (3) il criterio di prevedibilità nel delitto di lesione qualificato dall‘evento morte; (4) il legame specifico tra il delitto compiuto e lo scopo di protezione della norma.

Gli esiti scientifici della tesi di dottorato sono stati pubblicati nel 2015 nella forma di una monografia, edita dalla casa editrice „Duncker & Humblot“ nella collana „Beiträge zum Internationalen und Europäischen Strafrecht – IES“, diretta dal prof. Kai Ambos dell‘Università di Göttingen, con il titolo: „Präterintentionalität und Zurechnungsdogmatik. Zur Auslegung der Körperverletzung mit Todesfolge im Rechtsvergleich Deutschland und Italien“ nonchè attraverso il riassunto intitolato "Zur Grenze des Zurechenbaren bei der Körperverletzung mit tödlichem Ausgang" nella rivista austriaca „Journal für Strafrecht“ nel 2015.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Ronco, Mauro - Schwaighofer, Klaus - Helfer, Margareth
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 27 > scuole 27 > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:16 Marzo 2015
Anno di Pubblicazione:Giugno 2014
Parole chiave (italiano / inglese):Preterintenzione, omicidio preterintenzionale, dommatica penale
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/17 Diritto penale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Codice ID:8082
Depositato il:10 Nov 2015 11:17
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record