Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Vedovato, Diana (2015) L'interpretazione dei soggetti pronominali in coordinazione e subordinazione: osservazioni sul fenomeno all'interfaccia tra sintassi e pragmatica. [Altro] NON SPECIFICATO. (Inedito)

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
689Kb

Abstract (inglese)

The aim of this work is to formally account for the several interpretations associated to Italian third singular pronouns in both coordination and subordination contexts.
Assuming that pragmatic representations are encoded in the syntactic structure, we will identify the syntactic conditions which are to be met in order to allow coreferentiality between a null pronoun and a lexical constituent; then the function of the strong pronoun will be taken into account, as well as its syntactic position.
The central idea is that the Subject of the Predication feature, responsible for the selection of the pronoun antecedent, is realized in different projections, both in the higher part of the IP field and in CP (thematic projections). Some differences will be found between coordination and subordination contexts: coordination and subordination processes described in Chapter two will show that those differences rely on these processes, which crucially involve the syntactic areas where thematic projections are found.

Abstract (italiano)

Nel presente lavoro si osserva come in italiano vengano interpretati soggetti pronominali nulli e realizzati di terza singolare in contesti di subordinazione e coordinazione.
Assumendo che a interpretazioni pragmatiche diverse corrispondano rappresentazioni sintattiche differenti, individueremo le condizioni sintattiche che si devono incontrare perché un costituente e un soggetto nullo siano coreferenziali; analizzeremo poi la funzione del pronome forte e ne proporremo una collocazione in struttura.
L'ipotesi centrale, che verrà presentata nel terzo capitolo a seguito di un'attenta descrizione dei dati, è che il tratto 'soggetto della predicazione', responsabile della diversa distribuzione dei pronomi, sia realizzato in struttura in diverse proiezioni che si guardano tra loro, collocate nella porzione alta di IP e in CP (proiezioni tematiche). Le differenze che si osservano in contesti di coordinazione e di subordinazione troveranno spiegazione alla luce di quanto presentato nel capitolo secondo, in cui si mostra come entrambi i processi, seppur in modi diversi, coinvolgano questi stessi pezzetti di struttura, modificando la disponibilità di proiezioni tematiche (come nel caso della coordinazione) o limitandone l'accessibilità.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Altro
Anno di Pubblicazione:28 Luglio 2015
Parole chiave (italiano / inglese):pronomi soggetto, pragmatica, sintassi, soggetto della predicazione
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-LIN/01 Glottologia e linguistica
Struttura di riferimento:NON SPECIFICATO
Codice ID:8878
Depositato il:28 Lug 2015 16:38
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Versioni disponibili di questo documento

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record