Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Lonardi, Simone (2015) L'anima dei governi. Politica, spionaggio e segreto di Stato a Venezia nel secondo Seicento (1645-1699). [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione sottomessa
3647Kb

Abstract (inglese)

This work intends to analyze the link between politics and secrecy in early modern Venice. Seventeenth-century Europe has seen the birth of periodical press and the beginning of a market of information. Venice was one of the main European centers involved in the dissemination of news during XVI° and XVII° centuries. Secrecy also had a great importance in the ideology of Venetian ruling class. It was an essential premise for the harmony and serenity of the Republic and important as well for the efficiency of policy-making. The Serenissima had also another peculiarity: its form of government involved several hundreds of patricians and bureaucrats, such posing serious threats to the preservation of State secrets. The great awareness of the importance of secrecy among the Venetian patriciate, led to the institution of the Inquisitori di Stato. This magistrature was specifically created to watch over the spread of State secrets and it was also involved in the organization of intelligence and counter-intelligence services. Through the analysis of its activity, that became more and more important during the Seventeenth century, and the study of internal political communication at Palazzo ducale I could understand the structure of the institutions involved in foreign politics and in the management of State secrets. Then I focused my attention on the methods of preservation of both confidential documents and information and finally to the organization of Venetian secret services, paying attention also to the dissemination of news in late Seventeenth-century Venice in both oral and written dimensions. Through the analysis of its activity, that became more and more important during the Seventeenth century, and the study of internal political communication at Palazzo ducale I could understand the structure of the institutions involved in foreign politics and in the management of State secrets. Then I focused my attention to the methods of preservation of both confidential documents and information and finally to the organization of Venetian secret services, paying attention also to the dissemination of news in late Seventeenth-century Venice.

Abstract (italiano)

Questa ricerca intende approfondire il nesso tra segretezza e politica nella prima età moderna a Venezia. L’Europa del Seicento fu teatro della nascita dei primi mezzi di comunicazione periodici e di un mercato dell’informazione. Venezia fu uno dei centri principali attorno ai quali si sviluppò la circolazione delle informazioni a tra XVI° e XVII° secolo. Nella Repubblica marciana, inoltre, la segretezza aveva un ruolo fondamentale nell’ideologia politica della classe dirigente: essa era lo strumento principale per la salvaguardia dell’armonia e della coesione interna, oltre che il presupposto fondamentale di ogni azione di governo. Ma la Repubblica aveva anche un’altra peculiarità: una forma di governo in cui la classe dirigente era formata da centinaia di persone, che poneva seri problemi alla conservazione del segreto di Stato. La grande sensibilità del patriziato veneziano verso questo tema, portò alla creazione nel XVI° degli Inquisitori di Stato, un’istituzione che aveva come scopo costitutivo la sorveglianza sulla propalazione dei segreti e l’organizzazione dello spionaggio. Attraverso l’analisi della sua attività - giunta a pieno regime nella seconda metà del Seicento - e della comunicazione interna a Palazzo ducale ho potuto comprendere l’assetto istituzionale dei maggiori consigli della Repubblica coinvolti nella gestione del segreto di Stato e nella politica estera della Repubblica (Consiglio di Dieci, Collegio, Senato) per poi rivolgere la mia attenzione alle tecniche usate per la conservazione dei documenti e delle informazioni riservati e infine all’organizzazione dello spionaggio e alla circolazione delle informazioni nella Venezia seicentesca, nella sua dimensione orale e scritta.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Viggiano, Alfredo
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 28 > Scuole 28 > SCUOLA SUPERIORE DI STUDI STORICI, GEOGRAFICI E ANTROPOLOGICI (INTERATENEO) > STUDI STORICI E STORICO-RELIGIOSI
Data di deposito della tesi:30 Settembre 2015
Anno di Pubblicazione:29 Settembre 2015
Parole chiave (italiano / inglese):Segretezza - Isituzioni - Spionaggio - Repubblica di Venezia - Comunicazione politica / Secrecy - Political communication - Espionage - Early modern Venice - Institutions
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-STO/02 Storia moderna
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell'Antichità
Codice ID:8976
Depositato il:17 Ott 2016 16:36
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record