Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

Fava, Michele (2016) Sviluppo di metodologie per la valutazione della vulnerabilitĂ  sismica di edifici strategici e rilevanti ed applicazione al patrimonio edilizio dell'UniversitĂ  di Padova. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
69Mb

Abstract (inglese)

Given the high level of seismic vulnerability that determines the majority of existing buildings, the development of strategies for the reduction of seismic risk requires the adoption of appropriate instruments in order to assess seismic safety and structural behaviour. The assessments of seismic vulnerability for a vast historical heritage can be conducted according to different levels, methods of analysis and multi-scale methodologies: such approaches allow the identification of the common aspects of the buildings’ behaviour and the vulnerability on a territorial scale. The vulnerability assessment must therefore take into account all the aspects that contribute to a change in the seismic behaviour of the buildings, by considering both the buildings’ context and the historical buildings in general.
The adoption of simplified methods is the reference approach for the evaluation of a vast building heritage: such methods allow the identification of the buildings’ fundamental characteristics by highlighting which aspects are to later prioritise through detailed analyses of the single structures and the representative building typologies.
The vulnerability assessment requires the use of a rigorous instrumentation, however easily applicable on macro-scale (territorial scale). Only a thorough collection of information and the careful formulation of a preliminary judgment on the level of seismic risk allow the planning of priorities for the implementation of preventative seismic improvement intervention for the mitigation of seismic risk. It is therefore fundamental the classification of different buildings through the definition of physical and mechanical parameters that characterise the different structures and that are easily recognisable. Such parameters allow the grouping of the architectural heritage into typological classes: according to the main representative variables of the urban settlement, according to the geometric characteristics and according to the structural and construction typologies.
The subject of the research is the historical buildings heritage of the University of Padova: it is composed of buildings with different structural characteristics and represents a significant sample of the constructive works within the urban context of Padova. The focus was mainly on historical masonry constructions, which are generally more vulnerable, having been built or later modified through structural interventions that did not follow anti-seismic regulations.
The aim of the research envisages the adoption of a methodological approach, starting from a simplified evaluation of the buildings, which allows the definition of the levels of analyses and interventions by putting in order the different structures on the characterisation of the seismic risk factors (the seismic vulnerability, the structural safety and the personal safety of users). The defined criterion focuses on the identification of the buildings’ characteristics and on the definition of appropriate models in order to assess the damages on the occurrence of an earthquake of varying intensity. The adopted working procedure, after a general overview of the heritage analysed, defines the seismic vulnerability assessment for masonry building typologies through a behavioural analysis of local collapse mechanisms and a global analysis for the formulation of damage scenarios.

Abstract (italiano)

Lo sviluppo di strategie di riduzione del rischio sismico, vista l’elevata vulnerabilità che caratterizza gran parte dell’edilizia storica esistente, richiede l’adozione di opportuni strumenti utili alla valutazione della sicurezza e del comportamento strutturale. Le analisi di vulnerabilità sismica per un vasto patrimonio storico possono essere condotte investendo diversi livelli e metodologie di analisi, e adottando approcci multi scala che permettano di individuare gli aspetti comuni tra il comportamento del singolo edificio e la vulnerabilità su scala territoriale. La valutazione della vulnerabilità, pertanto, deve prendere in considerazione tutti quegli aspetti che contribuiscono alla variazione del comportamento sismico degli edifici coinvolgendo sia il contesto edificato sia il costruito storico in generale.
L’adozione di approcci semplificati rappresenta il punto di riferimento nella valutazione di un vasto patrimonio: consentono di individuare i caratteri generali del costruito definendo una linea di indirizzo delle priorità da seguire, successivamente, attraverso analisi di dettaglio su singoli manufatti e su tipologie edilizie rappresentative.
La valutazione della vulnerabilità richiede l'utilizzo di una strumentazione rigorosa, tuttavia facilmente applicabile su macro scala. Solo una scrupolosa raccolta di informazioni e l'attenta formulazione di un preliminare giudizio sul livello di rischio sismico consente di pianificare le priorità per l'esecuzione di interventi preventivi di miglioramento sismico per la mitigazione del rischio. Importante, quindi, la classificazione dei diversi edifici attraverso la definizione di parametri fisico-meccanici caratterizzanti le differenti strutture presenti ed identificabili in maniera speditiva. Tali parametri consentono di rappresentare l’intero patrimonio edilizio in classi tipologiche secondo le principali variabili rappresentative del contesto insediativo, delle caratteristiche geometriche, delle tipologie edilizie e strutturali.
Oggetto del lavoro di ricerca è il patrimonio edilizio storico dell’Ateneo di Padova: composto da edifici di differenti caratteristiche strutturali rappresenta un significativo campione delle opere costruttive presenti nel contesto della città di Padova. L’attenzione è posta sui complessi storici in muratura: generalmente più vulnerabili essendo stati costruiti o hanno subito interventi successivi in assenza di normative antisismiche.
L’obiettivo prevede l’adozione di un percorso metodologico che consenta, a partire da uno studio semplificato di tutti gli edifici, di definire i livelli di analisi e di intervento, ordinando le diverse strutture sulla caratterizzazione dei fattori di rischio sismico: in particolare per quanto riguarda la vulnerabilità, la sicurezza strutturale e le sicurezza degli utenti degli edifici stessi. Il criterio definito focalizza l’attenzione sull'identificazione delle caratteristiche dell’edificato e nella definizione di opportuni modelli che permettano di valutare il danno e il danneggiamento al manifestarsi di un evento sismico di varia intensità. La procedura di lavoro seguita prevede, dopo un inquadramento generale del patrimonio analizzato, la valutazione della vulnerabilità sismica per tipologie edilizie attraverso analisi del comportamento locale per meccanismi di collasso e globale nel piano per la formulazione di scenari di danno.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Modena, Claudio
Correlatore:Da Porto, Francesca
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 28 > Scuole 28 > SCIENZE DELL'INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE
Data di deposito della tesi:31 Gennaio 2016
Anno di Pubblicazione:31 Gennaio 2016
Parole chiave (italiano / inglese):vulnerabilitĂ  sismica, edifici rilevanti, patrimonio edilizio UniversitĂ  di Padova, curve di fragilitĂ , scenari di danno
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/09 Tecnica delle costruzioni
Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/19 Restauro
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale
Codice ID:9463
Depositato il:06 Ott 2016 16:59
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Basoz N., Kiremidjian A. S., 1994. Bridge damage from the 1994 Northridge earthquake. NEHRP Conference and Workshop on Research on the Northridge, California Earthquake of January 17, 1994, Vol. 3-A. Cerca con Google

Benedetti D., Petrini V., 1984. Sulla vulnerabilità sismica degli edifici in muratura: un metodo di valutazione. L’industria delle Costruzioni, n. 149. Cerca con Google

Bernardini A. (a cura di), 2000. La vulnerabilitĂ  degli edifici: Valutazione a scala nazionale della vulnerabilitĂ  degli edifici ordinari. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Bernardini A., 2004. Classi macrosismiche di vulnerabilità degli edifici in area veneto-friulana.XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Bernardini A., Giovinazzi S., Lagomarsino S., Parodi S., 2007. Matrici di probabilitĂ  di danno implicite nella scala EMS-98. XIII Congresso Nazionale "L'Ingegneria Sismica in Italia" - ANIDIS, Pisa. Cerca con Google

Bernardini A., Giovinazzi S., Lagomarsino S., Parodi S., 2007. VulnerabilitĂ  e previsione di danno a scala territoriale secondo una metodologia macrosismica coerente con la scala EMS-98. XIII Congresso Nazionale "L'Ingegneria Sismica in Italia" - ANIDIS, Pisa. Cerca con Google

Bernardini A., Gori R., Modena C., 1989. An application of coupled analytical models and experimential knowledge for seismic vulnerability analyses of masonry buildings. In A. Kortiza (ed.), Engineering aspects of earthquake phenomena, Omega Scientific, Oxon. Cerca con Google

Binda L., Cardani G., Modena C., Valluzzi M.R., Marchetti L., 2004a. Indagini sulla consistenza dell’edilizia storica, sul danno pregresso e sull’efficacia degli interventi svolta su quattro centri campione in Umbria: Montesanto, Roccanolfi, Campi e Castelluccio. XI Convegno Nazionale - L’ingegneria Sismica in Italia, Genova. Cerca con Google

Binda L., Cardani G., Modena C., Valluzzi M.R., Marchetti L., 2004b. Analisi della vulnerabilità sismica di un centro storico umbro e valutazioni sui possibili interventi. XI Convegno Nazionale - L’ingegneria Sismica in Italia, Genova. Cerca con Google

Binda, L., Cardani, G., Saisi, A., Modena, C., Valluzzi, M.R., Marchetti, L., 2004. Guidelines for restoration and improvement of historical centres in seismic regions: the Umbria experience. 4th International Seminar on Structural Analysis of Historical Constructions, Padova. Cerca con Google

Borri A., Avorio A., Cangi G, 1999. Riparazione e consolidamento degli edifici in muratura. In Regione dell’Umbria – Gurrieri F. (a cura di), Manuale per la riabilitazione e la ricostruzione post-sismica degli edifici, DEI – Tipografia del Genio Civile, Roma. Cerca con Google

Braga F., Dolce M., Liberatore D., 1982. “Southern Italy November 23, 1980 Earthquake: A Statistical Study on Damaged Buildings and an Ensuing Review of the M.S.K.-76 Scale”, CNR-PFG n.503, Roma. Cerca con Google

Braga F., M. Dolce, D. Liberatore, 1983. Influence of Different Assumptions on the Maximum Likelihood Estimation of the Macroseismic Intensities,. 4th International Conference on Applications of Statistics and Probability in Soil and Structural Engineering, Firenze. Cerca con Google

Brunetta G., 1966. Gli interventi dell’Università di Padova nel riutilizzo di antichi edifici, La Garangola, Padova, pp. 51-52. Cerca con Google

C.N.R. – Gruppo Nazionale per la Difesa dei terremoti, 1993. Rischio sismico di edifici pubblici, Parte I – Aspetti metodologici, Roma. Cerca con Google

Calvi G. M., 1999. A displacement-based approach for vulnerability evaluation of classes of buildings. Journal of Earthquake Engineering, n. 3, pp. 422-438. Cerca con Google

Cattari S., Curti E., Giovinazzi S., Lagomarsino S., Parodi S., 2004. Un modello meccanico per l ’ analisi di vulnerabilità del costruito in muratura a scala urbana. XI Congresso Nazionale "L'Ingegneria Sismica in Italia" - ANIDIS, Genova. Cerca con Google

Cherubini A., Martinelli A., Milano L., Mannella A., Cherubini F., Antonucci B., Goretti A., Benetti D., Ferlito R., Di Capua G., Peppoloni S.,E. Speranza, Lagomarsino S., Bernardini A., Parodi S., Binda L., Anzani A., Cardani G., Polese M., Verderame G., Iervolino I., Valluzzi M.R., Munari M., Busolo G., Fistola R., Pascale C., 2009. Rischio sismico di Sistemi Urbani utilizzando l’analogia delle reti neuronali. XIII Congresso Nazionale "L'Ingegneria Sismica in Italia" - ANIDIS, Bologna. Cerca con Google

Chopra. A. K., Goel. R. K., 1999. Capacity-Demand-Diagram Methods Based on Inelastic Design Spectrum Earthquake Spectra: November 1999, Vol. 15, No. 4, pp 637-656. Cerca con Google

Circolare n. 15 Prot. 5041 del 30 aprile 2015. Disposizioni in materia di tutela del patrimonio architettonico e mitigazione del rischio sismico, e "scheda sinottica”. Cerca con Google

Circolare n. 617 del 02/02/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Istruzioni per l’applicazione delle “Norme Tecniche per le Costruzioni” di cui al D.M 14.01.2008. G.U. n. 47 del 26.02.2009 suppl. n. 27. Cerca con Google

Circolare Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento Protezione Civile prot n. DPC/SISM/0031471 del 21.04.2010. Circolare sullo stato delle verifiche sismiche previste dall'O.P.C.M. 3274/03 e programmi futuri. Cerca con Google

Circolare Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento Protezione Civile prot. n. DPC/SISM/0075499 del 07.10.2010. Chiarimenti alla Circolare del Capo Dipartimento prot. n. DPC/SISM/31471 del 21.04.2010 sullo stato delle verifiche sismiche previste dall’O.P.C.M. 3274/03 e programmi futuri. Cerca con Google

Circolare Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento Protezione Civile prot. DPC/SISM/0083283 del 04.11.2010. Chiarimenti sulla gestione degli esiti delle verifiche sismiche condotte in ottemperanza all'art. 2, comma 3 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 23 marzo 2003. Cerca con Google

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Linee guida per il rilevamento della vulnerabilitĂ  degli elementi non strutturali nelle scuole (Intesa Rep. 7/CU 28/1/2009). Cerca con Google

de Buhan P., de Felice G., 1997. Homogenization Approach to the ultimate strength of masonry, Journal for the Mechanics and Physics of Solids, vol. 45, n.7, pp. 1085-1104. Cerca con Google

Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137. GU n.45 del 24.02.2004 - Suppl. Ordinario n. 28 . Cerca con Google

Decreto Ministeriale del 14.01.2008. Norme Tecniche per le Costruzioni. G.U. n. 29 del 04.02.2008 suppl. ord. n. 30. Cerca con Google

Decreto Ministeriale del 14.09.2005. Norme Tecniche per le Costruzioni. G.U. n. 222 del 23.09.2005 Cerca con Google

Decreto Ministeriale del 16.01.1996. Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche. G.U.n. 29 del 05.02.1996. Cerca con Google

Decreto Ministeriale del 24.01.1986. Norme tecniche relative alle costruzioni antisismiche. GU n. 108 del 12.05.1986. Cerca con Google

Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, 2011. Guida Tecnica. Linee di indirizzo per la riduzione della vulnerabilità sismica dell’impiantistica antincendio. Cerca con Google

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 09.02.2011. Valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle Norme Tecniche per le costruzioni di cui al D.M 14.01.2008. G.U. n. 47 del 26.02.2011 suppl. ord. n. 54. Cerca con Google

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri-Patrimonio Culturale del 12/10/2007. Linee Guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle Norme Tecniche e all’applicazione dell’ O.P.C.M. n. 3274 del 2003 e successive modifiche e integrazioni. G.U. n. 24 del 29.01.2008 suppl. ord. n. 25. Cerca con Google

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri-Patrimonio Culturale n. 3685 del 21.10.2003. Disposizioni attuative dell’art. 2, commi 2, 3 e 4, dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, recante “Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica”. G.U. n. 252 del 29.10.2003. Cerca con Google

Doglioni F., 2000. Codice di pratica (linee guida) per la progettazione degli interventi di riparazione, miglioramento sismico e restauro dei beni architettonici danneggiati dal terremoto umbro-marchigiano del 1997. Bollettino ufficiale della Regione Marche, Ancona. Cerca con Google

Dolce M., 1996. Seismic vulnerability evaluation and damage scenarios. US – Italian Workshop Seismic Evaluation and Retrofit. Columbia University, New York City. Cerca con Google

Dolce M., Moroni C., 2005. La valutazione della vulnerabilitĂ  e del rischio sismico degli edifici pubblici mediante le procedure VC (vulnerabilitĂ  c.a.) e VM (vulnerabilitĂ  muratura). Progetto: SAVE - Strumenti Aggiornati per la VulnerabilitĂ  sismica del patrimonio Edilizio e dei sistemi urbani, Task 2. Cerca con Google

Drdácký M., Director, Binda L., Herle I., Lanza L.G, Maxwell OBE I., Pospíšil S., 2007. La protezione del patrimonio culturale dalle calamità naturali. Studio della Direzione generale delle Politiche interne dell'Unione - Dipartimento tematico delle Politiche strutturali e di coesione del Parlamento Europeo. Cerca con Google

Eurocode 8, 2005. Design of structures for earthquake resistance - Part 3: Assessment and retrofitting of buildings. Cerca con Google

Faccioli E., Pessina V. (a cura di), 1999. The Catania Project: earthquake damage scenarios for a high risk area in the mediterranean. C.N.R. – G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Fajfar P., 1999. Capacity spectrum method based on inelastic demand spectra. Earthquake Engineering & Structural Dynamics. 28(9):979–993. Cerca con Google

Fava M., da Porto F., Modena C., D’Este E., Ravazzolo E., 2013. Ricerca di una metodologia per la valutazione della vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio dell'Università degli Studi di Padova. XV Convegno ANIDIS "L'Ingegneria Sismica in Italia", Padova. Cerca con Google

Fava M., Munari M., da Porto F., Modena C., 2015. Valutazione della vulnerabilità sismica locale di edifici esistenti in muratura attraverso analisi cinematica dei meccanismi di collasso e curve di fragilità. XVI Convegno ANIDIS "L'Ingegneria Sismica in Italia", L’Aquila. Cerca con Google

FEMA, 1999. HAZUS Earthquake Loss Estimation Methodology. Technical Manual. Federal Emergency Management Agency USA. Cerca con Google

Ferrini M., 1988. Progetto terremoto in Garfagnana e Lunigiana. Un modello di calcolo per la determinazione di un indice di esposizione di edifici pubblici strategici, Firenze. Cerca con Google

Freeman, S.A., J.P. Nicoletti, and J.V. Tyrell, 1975, Evaluations of Existing Buildings for Seismic Risk – A Case Study of Puget Sound Naval Shipyard, Bremerton, Washington. US National Conference on Earthquake Engineers, EERI, pp 113-122, Berkeley. Cerca con Google

Giovinazzi S., Lagomarsino S., 2001. Una metodologia per l’analisi di vulnerabilità sismica del costruito. X Congresso Nazionale "L'Ingegneria Sismica in Italia" - ANIDIS, Potenza-Matera. Cerca con Google

Giuffré A., 1991. Letture sulla meccanica delle murature storiche. Edizioni Kappa, Roma. Cerca con Google

Giuffré A., 1993. Sicurezza e conservazione dei centri storici: il caso Ortigia. Laterza, Bari. Cerca con Google

Giuffré A., Carocci C., 1999. Codice di pratica per la sicurezza e la conservazione del centro storico di Palermo. Laterza, Bari. Cerca con Google

Grunthal G., 1998. European Macroseismic Scale 1998. Chaiers du Centre Européen de Géodynamique et de Séismologie, n. 15. Cerca con Google

Guidoni E., Soragni U., 1995. Lo spazio nelle cittĂ  venete (1348-1509). Urbanistica e architettura, monumenti e piazze, decorazione e rappresentazione. I convegno di studio. Verona, 14-16 Dicembre 1995, Edizioni Kappa, Roma 1997, pagg. 140-157. Cerca con Google

Lagomarsino S., 2015. Seismic assessment of rocking masonry structures, Bulletin of Earthquake Engineering, 13: 97–128. Cerca con Google

Lagomarsino S., Podestà S., 2005. Inventario e vulnerabilità del patrimonio monumentale dei parchi dell’italia centro-meridionale e meridionale, Volume III - Analisi di vulnerabilità e rischio sismico degli edifici monumentali. I.N.G.V.-G.N.D.T., L’Aquila. Cerca con Google

Legge 5 Novembre 1971 n. 1086, Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica. Cerca con Google

Liberatore D. (a cura di), 2000. Progetto Catania. Indagine sulla risposta sismica di due edifici in muratura. C.N.R.-G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Linee guida per il rilievo, l’analisi ed il progetto di interventi di riparazione e consolidamento sismico di edifici in muratura in aggregato. ReLUIS (www.reluis.it), Bozza - Ottobre 2010. Vai! Cerca con Google

Magenes G., Bolognini D., Braggio C. (a cura di), 2000. Metodi semplificati per l’analisi sismica non lineare di edifici in muratura. C.N.R.-G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Modena C., 2008. Aspetti strutturali: normativa in campo nazionale e internazionale. In “Kermes, la rivista del restauro”, XXI, 71, pp. 99-108. Cerca con Google

Modena C., Valluzzi M.R., da Porto F., 2012. Conservazione del patrimonio architettonico e sicurezza strutturale in zona sismica: insegnamenti dalle recenti esperienze italiane. In “Materiali e strutture (problemi di conservazione)”, I, 1-2, pp. 17-28. Cerca con Google

Modena C., Valluzzi M.R., da Porto F., Casarin F., Garbin E., Panizza M., Mazzon N., Munari M., Dalla Benetta M., Bettiol G., 2007. Criteri e tecniche per l'intervento di miglioramento sismico di edifici storici. In “Il dopo-terremoto della Val Sabbia e del Garda. Tra esigenze di tutela e requisiti di sicurezza”, atti della Giornata di studio a Salò del 24 novembre 2007, pp. 123-142. Cerca con Google

Munari M., 2010. Sviluppo di procedure per valutazioni sistematiche di vulnerabilitĂ  sismica di edifici esistenti in muratura. Tesi di Dottorato, UniversitĂ  degli Studi di Padova. Cerca con Google

Nielson B.G., DesRoches R., 2007. Analytical Seismic Fragility Curves for Typical Bridges in the Central and Southeastern United States. Earthquake Spectra: August 2007, Vol. 23, No. 3, pp. 615-633. Cerca con Google

Norma UNI 8290. Edilizia residenziale, Sistema tecnologico, Classificazione e terminologia. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20.03.2003. Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20.05.2003. Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3431 del 3.05.2005. Ulteriori modifiche ed integrazioni all'Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3519 del 28.04.2006. Criteri generali per l'individuazione delle zone sismiche e per la formazione e l'aggiornamento degli elenchi delle stesse zone. Cerca con Google

Pinho R., Calvi G.M., Crowley H., Colombi M., Goretti A., Meroni F., 2006. Deliverable D16: Strumenti speditivi per la definizione di priorità di intervento per edifici non adeguati. Convenzione INGV-DPC 2004 – 2006/ProgettoS1, Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la gestione della mappa di pericolosità sismica prevista dall'Ordinanza PCM 3274 e progettazione di ulteriori sviluppi. Cerca con Google

Regio Decreto Legge del 10.01.1907. Norme e condizioni per i materiali agglomerati idraulici e per le opere in cemento armato. G.U. n. 28 del 02.02.1907. Cerca con Google

Regio Decreto Legge n. 1213 del 23 Maggio 1932. Norme per l’accettazione dei leganti idraulici e per l’esecuzione delle opere in conglomerato cementizio. G.U. n. 224 del 26.09.1933. Cerca con Google

Regio Decreto Legge n. 193 del 18.04.1909. Norme tecniche ed igieniche obbligatorie per le riparazioni ricostruzioni e nuove costruzioni degli edifici pubblici e privati nei luoghi colpiti dal terremoto del 28 dicembre 1908 e da altri precedenti elencati nel R.D. 15 aprile 1909 e ne designa i Comuni. G.U. n. 95 del 22.04.1909. Cerca con Google

Regio Decreto Legge n. 2105 del 22 Novembre 1937. Norme tecniche di edilizia asismica per i paesi colpiti da terremoti. GU n. 298 del 27.12.1937. Cerca con Google

Regio Decreto Legge n. 2229 del 16.11.1939. Norme per la esecuzione delle opere in conglomerato cementizio semplice od armato. suppl. ord. alla G.U. n. 92 del 18.04.1940. Cerca con Google

Regio Decreto Legge n.431 del 13.03.1927. Norme tecniche ed igieniche di edilizia per le localitĂ  colpite dai terremoti. Cerca con Google

Rush A., 2008. Seismic Evaluation of masonry building conglomeration of adjacent structures. Master’s Thesis, Università degli Studi di Pavia. Cerca con Google

Senaldi E., Magenes G., Penna A., 2010. Numerical Investigations on the Seismic Response of Masonry Building Aggregates, Advanced Materials Research, Vols. 133-134, pp. 715-720. Cerca con Google

Shinozuka, M., Feng, M.Q., Kim, H., Kim, S., 2000. Nonlinear static procedure for fragility curve development. Journal of mechanism, 1287-1295. Cerca con Google

Stellin G., Picchiolutto E., 2014. Crescita dell’Ateneo patavino e politica urbana: reciproche influenze, armonie e conflitti. XXXV conferenza italiana di scienze regionali, Padova. Cerca con Google

Vallucci S., 2014. Costruzioni storiche in muratura: analisi della vulnerabilitĂ  sismica dalla scala urbana all'edificio e progettazione degli interventi. Il caso della Provincia di Ancona. Tesi di Dottorato, UniversitĂ  Politecnica delle Marche. Cerca con Google

VV.AA., (1999), Research Progress and Accomplishments (1997-1999): A Selection of Papers Chronicling Technical Achievements of the Multidisciplinary Center of Earthquake Engineering Research. Red Jacket Quadrangle, Buffalo, NewYork 14261, New York. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record