Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Barolo, Claudia (2016) "Le je filmé, scritture del sé nell'audiovisivo: declinazioni e sviluppi teorici nel cinema franco-belga contemporaneo dal 1986 ad oggi. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF
Tesi non accessible fino a 01 Gennaio 2018 per motivi correlati alla proprietà intellettuale.
Visibile a: nessuno

2004Kb

Abstract (inglese)


This research project is devoted to a French and Belgian autobiographical production hardly distributed outside France and Belgium except in single festivals or competitions.
Films have been firstly selected according to a chronological criteria which dating back to 1986, when the first important international conference totally dedicated to autobiographical films took place in Brussell, extends till today. Through the reading of monographic issues devoted to first person films, press releases of thematic festivals consulted in archives and foreign libraries such as the Cinémathèque Française, Centre Pompidou e la Bibliothèque Nationale de France, a first selection of films has been carried out.
After this research only those films in which the director is the main protagonist whether through the use of the voice over or through his/her presence in video. have been taken into account. Where these criteria were not applied, it was a declaration of the author to attest the autobiographical nature of the film.
The aesthetic and formal analysis of the films selected, as well as the recurrence of thematic and expressive features, has allowed the creation of single chapters (Journal filmé, Autobiography/Selfportrait/Autofiction, Subjective documentary, Essay film). Each of them has been introduced by a survey of the main theoretical assumptions at the heart of each subject matter.
This research aims at both providing an overview on English and French studies on subjective cinema and underling those innovative expressive, thematic and aesthetic choices the works analysed reveal.
The first chapter explores the literary studies which starting from the second half of the nineteenth century have fostered a prolific survey on autobiographical works laying the foundations for audiovisual studies on subjective cinema.
The second chapter gives an in-depth view on audiovisual media studies devoted to first person film narrations pointing out the core questions which inspire this specific production.
The third chapter dedicated to those films labelled as video diaries has firstly analysed those literary studies dealing with diary writing in order to find out those features which have been actually recalled or modified in the films analysed. Different kinds of diary films have been sorted out. Through their diversity they overtly testify the hybrid nature of the subjective films we are dealing with.
The fourth chapter has firstly pointed out those phases in the evolution of the documentary film which have deeply influenced the birth of strong subjective documentary productions. The films selected have been analysed adopting a theoretical approach based on Ethnic autobiography; it aims at finding out new possibilities for autobiographical films to be involved in a social, cultural and anthropological survey which could imply a dialogical relation between the subject and the world in which he lives in.
The films included in the fifth chapter embody an experimental space in which documentary, fiction, essay and autobiography, filmed diary and fiction converge into the genre of autofiction, conceived as the post-modern version of autobiography.
The sixth chapter, which deals with the essay form, tries to analyse how the most important philosophical and literary studies dedicated to a definition of the essay contributed to the development of the film essay structure.

Abstract (italiano)

Il presente lavoro di ricerca è dedicato a quelle produzioni francesi e belghe a carattere autobiografico, che non hanno ricevuto una distribuzione al di fuori dei territori di provenienza, se non nell’ambito di singoli festival tematici. L’individuazione del corpus si è effettuata a partire da una cornice cronologica che si estende dal 1986, data del primo importante convegno internazionale dedicato al diffondersi nel campo cinematografico di espressioni autobiografiche, ad oggi. Attraverso la consultazione di numeri monografici di riviste del settore dedicati a l’écriture du je au cinema e di rassegne stampa di festival tematici presso archivi e biblioteche straniere, come la sede di Bois D’Arcy della Cinémathèque Française, la Cinémathèque stessa, il Centre Pompidou e la Bibliothèque Nationale de France, si è poi provveduto ad individuare il corpus, scegliendo quei film che vedono i registi in qualità di protagonisti dell’opera o attraverso la voce narrante, o con la loro apparizione in video secondo molteplici modalità. In deroga ad esso vi sono alcuni lavori in cui sono le dichiarazioni stesse dei cineasti a confermare la natura autobiografica dell’opera. L’analisi estetico formale dei film selezionati e l’individuazione di ricorrenze tematiche ed espressive ha favorito una suddivisione in singoli capitoli (journal filmé, autofiction, documentari a carattere soggettivo, film saggio), definiti anche attraverso un’indagine dei costrutti teorici che ne costituiscono la matrice.
Oltre che arrivare ad una visione globale dello stato dell’arte rispetto agli studi che si sono sviluppati in ambito sia francofono che anglofono, la ricerca mira a rilevare quanto di innovativo i lavori esaminati rispetto a scelte estetiche, linguaggio espressivo e tematiche evidenzino.
Il primo capitolo è incentrato su di un’esplorazione delle fonti teoriche che a nel corso del Novecento, hanno intensificato una prolifica speculazione sulle declinazioni letterarie del genere autobiografico, creando le premesse agli studi sulle produzioni a carattere soggettivo nell'audiovisivo.
Compito del secondo capitolo è fornire una riflessione teorica sulle espressioni soggettive nell'audiovisivo, evidenziando le questioni nevralgiche che hanno stimolato e continuano ad animare il dibattito attorno a questa specifica produzione.
Il terzo capitolo, dedicato all'esplorazione della produzione filmica ascrivibile al journal filmé, sono stati percorsi alcuni degli studi più significativi dedicati alla declinazione letteraria del diario, con lo scopo di far emergere le caratteristiche salienti effettivamente riprese o modificate all'interno delle opere analizzate. L’analisi ha preso in considerazione modalità diverse di realizzazione di un diario filmato che, nella loro eterogeneità, dimostrano come il genere testimoni di un ibridismo quale tratto pregnante del racconto del sé del quale ci stiamo occupando.
Nel quarto capitolo è stato evidenziato come alcune delle tappe dell’evoluzione del genere documentario risultino direttamente implicate nella definizione di produzioni di forte impronta soggettiva a carattere documentaristico. Uno degli approcci teorici maggiormente implicati è quello dell'ethnic autobiography, una modalità che mira ad individuare nuove possibilità per un’indagine socio-culturale o antropologica che implichi un rapporto dialettico tra io e mondo.
I film inclusi nel quinto capitolo costituiscono uno spazio di sperimentazione che manifesta una corto-circuitazione tra documentario e fiction, saggio e autobiografia, diario filmato e finzione convergendo verso un genere autofinzionale quale variante post-moderna dell’autobiografia.
Infine nel sesto capitolo, dedicato alla forma saggio, è stato analizzato come i principali contributi di studi filosofici e letterari dedicati ad una definizione di opera saggistica abbiano contribuito a delineare gli aspetti fondanti anche di una produzione filmica.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Salvatore, Rosamaria
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 28 > Scuole 28 > STORIA, CRITICA E CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI
Data di deposito della tesi:31 Gennaio 2016
Anno di Pubblicazione:31 Gennaio 2016
Parole chiave (italiano / inglese):Autobiografia, cinema franco-belga contemporaneo
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ART/06 Cinema, fotografia e televisione
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:9465
Depositato il:21 Ott 2016 10:42
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record