Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Padovan, Miriam (2016) Il corpo e la sua condizione giuridica in Roma antica. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
8Mb

Abstract (inglese)

This research originates from the modern questions about the human body, which is subject to legal rules concerning vital processes and biotechnological measures, creators of unprecedented dimensions. This thesis aims to study how human concreteness has influenced the development of the ius personarum, while also questioning whether a specific legal status concerning the body can be found in the ancient legal system. Of the several views advanced by scholars, the one which claims that in Roman Law the body was concealed through the creation of disembodied beings - the body being a res belonging to the divine sphere - has received increasing consensus.
Following the biological stages, this thesis will examine, first of all, the sources dealing with the conceptus, whose body does not exist yet. From the forms of protection that may be put into action during pregnancy a cautious law emerges, which is unable to definitely express itself before the event birth (chapter I). This work will then consider the editio partus and the cases in which a human body does not come to light, together with those cases in which a human body does come to light, but with no life, with the aim of pointing out the impact of these events on the law (chapter II). Moreover, further insight will be given both to traditional medicine - which was characterised by domestic and sacred fetures - and to professional medicine - which was subordinate and alien to Roman values -, in order to unveil its relationship with the law, that was supported by the bio-political trend (chapter III). Finally, the thesis will consider the concept of dead body and the legal change of the place in which a body, human or not, is buried (chapter IV). From this analysis, the idea of a law which is finite and affected by human space-time borders will emerge, with the subsequent lack of the need to develop a real legal status for the body.

Abstract (italiano)

La ricerca è sollecitata dai moderni interrogativi in tema di corpo umano, destinatario di norme giuridiche sui processi vitali e di interventi biotecnologici creatori di dimensioni inedite. Mira a verificare in che modo la concretezza umana abbia condizionato l’attivazione del ius personarum e se entro l’ordinamento antico sia rinvenibile uno statuto giuridico del corpo. Tra le tesi proposte, ha ricevuto crescente consenso quella che radica nel diritto romano l’occultamento del corpo – res appartenente all’ambito di competenza divina – con la creazione di soggetti disincarnati. Ripercorrendo le tappe biologiche, si analizzano dapprima le fonti riguardanti il conceptus, il cui corpo ancora non c’è, con le tutele previste attivabili durante la gravidanza, dalle quali emerge un diritto prudente e incapace di esplicarsi in modo definitivo prima della nascita (capitolo I). Successivamente si guarda all’editio partus e ai casi in cui non viene alla luce un corpo umano, o questo vi sia, ma risulti privo di vita, onde desumere le conseguenze dell’evento sul diritto (capitolo II). Viene poi riservato uno sguardo alla medicina tradizionale, dai caratteri domestico e sacrale, e professionale, subalterna ed estranea ai valori romani, per desumere quale fosse la relazione con il diritto cara alla corrente biopolitica (capitolo III). Infine, si approda al corpo privo di vita e al mutamento giuridico del luogo in cui un corpo, umano e non, viene sepolto (capitolo IV). Emerge complessivamente un diritto finito e condizionato dai confini spazio-temporali umani, la cui conseguenza è la mancata necessità di elaborare un vero statuto corporeo.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:LAMBRINI, Paola
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 28 > Scuole 28 > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:01 Agosto 2016
Anno di Pubblicazione:01 Agosto 2016
Parole chiave (italiano / inglese):corpo umano / body concepito / conceptus morte / death
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/18 Diritto romano e diritti dell'antichità
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Codice ID:9729
Depositato il:02 Nov 2017 17:38
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record