Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

Aversano, Tatiana (2017) Impresa illecita e illecito d'impresa nel quadro della responsabilitĂ  degli enti da reato, con riferimento in particolare ai reati associativi. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF (Tesi Dottorato)
1175Kb

Abstract (inglese)

Thesis: Illegal and illicit business within the framework of the corporate entity’s liability for the offense, with particular emphasis on criminal enterprises.

In recent years, the distinction between illicit and illegal business has assumed significant importance in Italian criminal law; the point relates to the relationship between crimes and conspiracy, and the effects of sanctions on assets and particularly confiscation.

Part one outlines the concept of illegal business, as it relates to the offense of criminal corporate enterprise, as written in art. 24-ter of Legislative Decree no. 231/2001, as defined by L.94 / 2009.
Theoretically, the distinction is clear.
Illegal business is the result of companies whose economic activity is aimed exclusively at crime.
For example, considering a company that operates exclusively in drug trafficking or money laundering or fraudulent misrepresentation to obtain public subsidies, or to a company set up for the sole purpose of committing tax fraud (in particular to VAT). Such activity is akin to the Continuing Criminal Enterprise, punished by the US Code § 848.
Illicit business is, by contrast, a crime committed by a company that is operating within the law.

The criminal consequences for both are clear.
Illegal business is a form of organized crime and normally requires the participation of all members of the company; so all of them can be subject to the confiscation of their assets.
Illicit business, on the other hand, holds responsible only those people who commit the crime. For them, confiscation applies only to the product, profit or, at most, their equivalent value.

However, new laws and new practices have drastically changed the parameters. The most interesting suggestions come from the analysis of criminal associations that are practiced within "legal contexts".
That is the borderline between illicit and illegal organizations.

Companies who practice traditional crimes tend to use intimidating methods to make profits that border on lawlessness and extortion.
You can find these kinds of criminal organizations, with increasing frequency, in successful businesses with a lot of economic turnover.

It’s essential to realize that within companies, there is an important distinction between
corporate crime and organized crime, and article 416 of the Italian Criminal Penal Code can be applied only to organized crime.

Sometimes the distinction between lawful and unlawful organizations (or business enterprises) is not so clear, especially in the field of Environmental Criminal Law and rules relating to criminal waste.
These rules are aimed at entrepreneurs and not at private citizens.

The analysis breaks down in two areas of investigation.
On the one hand we need to define what makes an organization illegal, even looking into civil law.
On the other hand, we also need to examine the rules laid out in art. 24-ter of Legislative Decree no. 231/2001.

This article was incorporated by Law no.94 / 2009, and was designed to provide timely legislative action against companies who operate with the appearance of legitimacy, but in reality are connected to criminal elements.
So, when corporate organizations show evidence of criminal involvement, they are practicing illegal rather than illicit associations. In these cases article 416 of the Italian Criminal Penal Code. et seq. and art. 24-ter of Legislative Decree no. 231/2001 can be applied.
Article 24 -ter can also be used for a wide range of other crimes not specified in this law. This sets a dangerous precedent for all companies, because this law could be widely interpreted.
The problem is that the loose interpretation makes it difficult for companies to create valid and efficient compliance programs.
What is more, aspects of the law are being constantly updated.

The second part of the thesis examines the conflicts that arise as a result of criminal corporate liability, especially in relation to tax fraud legislation.
The lack of specifics in this legislation described in Decree 231/2001 has created a lot of problems and a serious legal debate.
Some jurists wish to see the law more strictly applied. Proponents believe that the system should have better overall effectiveness in terms of the fight against tax fraud and tax evasion.
Opponents fear that it would create unnecessary obstacles for companies by increasing the number of sanctions that could be brought against them.
In general, the legislature's choice of excluding tax fraud from the Decree 231/2001 has been widely criticized and subject to subsequent attention from Parliament, which –in 2013- tried to include tax crimes in the Legislative Decree.
Tax fraud is the trademark of organized economic crime. There is an intense need for criminal policy to strengthen the fight against tax evasion.
The point is to prevent illegal tax evasion by adopting valid compliance structures and programs.

After reviewing the complex debate on the inclusion of tax fraud into the Legislative Decree no. 231/2001, this theses aims to identify multiple methods by which tax fraud has an indirect impact on corporate criminal liability.

a) Firstly the Legislative Decree no. 231/2001 already addresses some tax crimes, for example money laundering.

b) Secondly, some links have recently been made between tax fraud and Legislative Decree no. 231/2001, for example with the introduction of seizure and confiscation taxes.

Finally, the last part of the thesis makes interesting comparisons between the Italian system and corporate criminal liability in China on the one hand, and the Anglo-American model on the other hand.
Chinese law provides for different types of crimes, attributable both to persons and to companies. The Chinese model has been qualified as a "social system of personalized responsibility," this expression means a system in which the company has its own will and operating methods, so its actions are not to be confused with those of individuals.
Whereas in US law the rules of “diversion procedures” (deviations from the normal sequence of the criminal process before the delivery of sentencing) can also be applied to companies. They are, today, the main instrument used to fight against corporate crimes.
Since the '90s, we have noticed the gradual growth of the DPA (deferred prosecution agreement) and NPA (non-prosecution agreement). Also the United Kingdom has recently introduced a specific regulation regarding corporate criminal liability.

Abstract (italiano)


Il lavoro si pone l’obiettivo di esaminare un tema di alta difficoltà e complessità. In anni recenti, la distinzione tra impresa illecita e illecito d’impresa ha assunto nel diritto penale italiano un’importanza significativa: il rilievo attiene sia ai rapporti tra concorso di persone nel reato e associazione per delinquere, sia agli effetti dell’applicazione delle sanzioni di natura patrimoniale e della confisca in particolare.

La prima parte delinea il concetto di impresa illecita, in rapporto all’illecito penale dell’impresa e alla sua qualificazione avvenuta con l’art. 24-ter del D.Lgs. 231/2001, così come definito dalla L.94/2009.

In via teorica e in astratto, la distinzione Ăš precisa.
L’impresa penalmente illecita ù l’impresa (o società) la cui attività economica ù volta esclusivamente al crimine: si pensi ad una società che opera esclusivamente nel traffico degli stupefacenti o nel riciclaggio di denaro o nella percezione fraudolenta di sovvenzioni pubbliche, oppure ad una società costituita al solo scopo di commettere frodi fiscali (all’Iva in particolare). La figura, dunque, ù affine al Continuing Criminal Enterprise, punito dal § 848 US Code.
L’illecito penale dell’impresa Ăš, invece, il reato commesso episodicamente da un’impresa dedita ad un’ attivitĂ  economica lecita in sĂ©.
La distinzione, ancora in via teorica ed in astratto, Ăš precisa anche per le conseguenze penali.
L’impresa penalmente illecita si colloca nel campo della criminalitĂ  organizzata e comporta normalmente l’applicazione dei delitti associativi a tutti i soggetti partecipi dell’impresa; nel contempo la confisca si puĂČ applicare all’impresa nel suo complesso.
L’illecito penale dell’impresa (lecita), invece, comporta la responsabilitĂ  soltanto del soggetto che ha commesso quel reato che sia riconducibile all’impresa: se i soggetti sono piĂč di uno si applica l’istituto del concorso di persone; nel contempo, la confisca riguarda soltanto il prodotto, profitto, prezzo di quel reato o, tutt’al piĂč, il valore equivalente di essi.

Tuttavia, nuove leggi e nuove prassi hanno mutato profondamente i termini della questione. Le suggestioni piĂč interessanti in tema di organizzazione sono quelle che provengono dall’analisi giurisprudenziale e dottrinale in materia di associazione per delinquere applicata a “contesti leciti”.
Ecco farsi strada la problematica del confine tra organizzazioni illecite e illeciti delle organizzazioni.

Superate queste premesse di tipo tradizionale, la ricerca vive all’interno di uno scenario piĂč complesso dove la criminalitĂ  tradizionale cerca di assomigliare all’impresa lecita e dove le imprese lecite tendono a usare mezzi di ricerca del profitto che sfiorano l’illegalitĂ , anche metodi intimidativi ed estorsivi tipicamente mafiosi. L’impressione Ăš che si debba andare alla ricerca delle premesse criminologiche di questa realtĂ  nuova, in condizione di crisi economica, tra agire sul mercato, lecito o illecito che sia, e aggirare il mercato, lecito o illecito che sia.
L’associazione per delinquere, con sempre maggiore frequenza, trova un campo d’applicazione privilegiato rispetto a ipotesi delittuose tipicamente riconducibili allo svolgimento di attività economiche, in particolare di carattere imprenditoriale.
Dall’analisi condotta, il soggetto collettivo non rappresenta l’effettivo destinatario dell’arricchimento patrimoniale conseguente alla realizzazione delle fattispecie oggetto del programma criminoso, e nemmeno il destinatario, anche indiretto, della risposta sanzionatoria. Siamo, piuttosto, di fronte alla strumentalizzazione dell’ente a opera di soggetti che realizzano le fattispecie criminose per un fine e un profitto esclusivamente personali. L’affermazione si regge sull’interpretazione che vuole, ai fini della configurabilitĂ  di un'associazione per delinquere, non l'apposita creazione di un'organizzazione sia pure rudimentale, ma di una struttura che puĂČ anche essere preesistente all’ideazione criminosa, anche se dedita a finalitĂ  lecite.
Fenomeno concettualmente distinto, riconducibile al caso in cui l’organizzazione lecita sia funzionale alla sola perpetrazione di reati, si ha nell’ipotesi in cui l’associazione per delinquere si annidi all’interno di un’organizzazione indiscutibilmente lecita, utilizzandone la struttura per la commissione di reati, senza tuttavia piegarla a finalità criminali. La liceità dei fini dell’associazione destinataria dei profitti si riverbera sul dolo di ciascun imputato, il quale, se convinto di partecipare alla realizzazione di scopi leciti, non poteva essere consapevole di partecipare a un’associazione criminale. Trattasi, dunque, di reiterate condotte criminose non rappresentanti l’ordinarietà quanto piuttosto di “deviazioni occasionali dalle regole di condotta generali” , tali da non fondare una responsabilità ex art. 416 c.p..
L’organizzazione rappresenta, dunque, uno degli argomenti interpretativi portati a sostegno della ontologica distinzione tra fenomeno dell’accordo e fenomeno associativo. Porre l’accento sull’elemento organizzativo consente di prospettare un interessante spunto di indagine.

Si impone quindi di guardare con particolare attenzione ai concetti di organizzazione lecita e organizzazione illecita e ai fenomeni a essi sottesi della criminalità d’impresa e della criminalità organizzata.
Criminalità d’impresa e criminalità organizzata mantengono ambiti soggettivi e oggettivi non coincidenti .

La criminalitĂ  d’impresa Ăš definita come una manifestazione della criminalitĂ  economica colta nel suo momento genetico, quale espressione di un organismo produttivo e indipendentemente dall’incidenza lesiva che puĂČ coinvolgere interessi individuali e collettivi. A delimitare la categoria risulta comunque indispensabile un requisito di base: parlando di impresa si postula un’attivitĂ  economica fondamentalmente lecita. E si tratta di una liceitĂ  sotto il profilo dell’attivitĂ  dedotta quale oggetto dell’impresa ovvero della natura dei beni o servizi forniti al mercato. Pertanto, la criminalitĂ  d’impresa puĂČ riflettere occasionalmente delle dĂ©faillances oppure puĂČ affondare le radici in una “politica” viziata, ma sempre sul presupposto di una iniziativa come tale accettabile, tendenzialmente positiva sul piano sociale, che non puĂČ essere estranea a priori alla garanzia dell’art. 41 Cost.
Proprio il carattere incidentale rispetto a una legittimitĂ  di fondo, differenzia la criminalitĂ  d’impresa dalla criminalitĂ  organizzata, nella quale la violazione della legge penale assurge a scopo, a oggetto dello scopo associativo. PerciĂČ, anche nelle sue forme piĂč gravi la criminalitĂ  di impresa non puĂČ varcare la soglia dell’art. 416 c.p. .
In termini di rilevanza penale la distinzione risulta chiara: data un’associazione criminale, la semplice partecipazione costituisce reato, indipendentemente dal concorso nei delitti scopo; la criminalità d’impresa pone al contrario un problema di imputazione delle manifestazioni devianti, nessun rilievo assumendo il mero inserimento nell’organizzazione. Nel secondo caso, a differenza che nel primo, posta la valenza neutrale e anzi costruttiva dell’iniziativa imprenditoriale, si impone una repressione “oggettivamente (nei limiti degli aspetti devianti) e soggettivamente mirata”.

L’esigenza di dare risposta alla domanda prospettata in precedenza, ovvero la necessità di definire cosa debba intendersi per illiceità del requisito organizzativo, se esistano delle caratteristiche che rendano l’organizzazione intrinsecamente illecita o se tale tratto dipenda, in ultima istanza, dalla mera scelta dell’interprete in sede di applicazione della fattispecie incriminatrice, induce a soffermarsi sulla disciplina dei reati in materia di rifiuti. Infatti nel settore del diritto penale ambientale si realizza, quella commistione concettuale, precedentemente evidenziata, tra impresa lecita e impresa illecita. Commistione che, tuttavia, rappresenta il frutto di una certa tipizzazione delle fattispecie incriminatrici. Sebbene si tratti di fattispecie comuni, realizzabili da chiunque tenga la condotta incriminata, sia che si tratti di gestione, traffico o attività organizzata, la gran parte dei reati possono essere commessi solo nell’ambito di attività d’impresa, posto che la produzione e la gestione nella quale rientrano la raccolta, il trasporto, lo smaltimento e il recupero di rifiuti sono quasi sempre appannaggio di imprenditori e non di privati cittadini.

L’analisi si scompone a questo punto in due aree d’indagine.

Da un lato vi ù la necessità di proseguire nella definizione, laddove possibile, di cosa renda illecita un’organizzazione, anche indagando settori disciplinari complementari a quello penale, come la disciplina civilistica ed in particolare l’ipotesi di impresa illecita come impresa apparentemente lecita.

Nella disciplina civilistica il concetto di organizzazione non si connota in termini di neutralitĂ , non si presta agevolmente ad essere plasmato in relazione alle esigenze di tutela che emergono in sede applicativa. CiĂČ Ăš fatto palese proprio dal rilievo costituzionale dato all’attivitĂ  economica, che nella quasi totalitĂ  dei casi Ăš organizzata a impresa, ancorchĂ© l’esercizio di un’attivitĂ  d’impresa non Ăš sinonimo dell’esercizio di un’attivitĂ  economica. L’attivitĂ  imprenditoriale, dunque, produce ricchezza ed Ăš preordinata alla circolazione di questa con una positiva ricaduta sulla comunitĂ , per questo l’art. 41 Cost. ne indica i caratteri e le finalitĂ , nonchĂ© i limiti da osservare. Nell’ottica civilistica, l’organizzazione Ăš fatta coincidere con un’attivitĂ  che corrisponde in modo sistematico alle esigenze di funzionalitĂ  e di efficienza di un’impresa, per lo piĂč collettiva. E che, per la giurisprudenza, diviene la capacitĂ  dell’imprenditore di organizzare uno qualsiasi dei fattori della produzione e quindi anche il solo capitale, non essendo l’assunzione della qualitĂ  di imprenditore necessariamente correlata all’utilizzazione del lavoro altrui, o, addirittura, la mera attivitĂ  svolta in modo sistematico e continuo anche con mezzi rudimentali e limitati. Ne deriva che il discorso sull’organizzazione Ăš un discorso sulle modalitĂ  di esercizio dell’attivitĂ . Per esercitare l’attivitĂ , occorre necessariamente l’opera di coordinamento dei fattori produttivi – capitale, lavoro, terra – nel senso che l’imprenditore deve organizzarsi e organizzare tali fattori.

Dall’altro lato, si ritiene necessario esaminare la disciplina della responsabilità amministrativa da reato degli enti collettivi, specie dopo che il legislatore vi ha ricondotto, come ipotesi di reato-presupposto, alcune fattispecie associative previste dall’art. 24 ter del d.lgs. 231/2001.

Nel volgere di alcuni anni si ù assistito ad un progressivo allontanamento dall’originario modello di responsabilità degli enti, che operano per il perseguimento di finalità lecite al cui interno possono essere commessi reati che non incidono sulla generale liceità dell’esercizio d’impresa. Quindi, a seguito di molteplici interventi normativi sul d.lgs 231/2001 l’ipotesi di ente criminale – prima rappresentata come del tutto eccezionale – adesso si delinea come figura destinataria del precetto.
La legge n.94/2009, inserendo nel d.lgs. 231 i reati di associazione - prima rilevanti solo se aventi il carattere della trasnazionalità (ai sensi della legge n. 146 del 2006) - aveva l’obiettivo di rispondere alla necessità di prevedere un opportuno intervento legislativo contro le ipotesi in cui l’attività illecita derivasse da un intervento da parte di associazioni mafiose o fosse direttamente realizzata da un’impresa mafiosa, operanti con apparenza di legittimità ma in realtà dirette da poteri criminali.
Dunque, quando si estende la responsabilitĂ  degli enti rispetto ai reati che sembrano essere espressione di associazioni per delinquere, allora ci troveremo di fronte ad associazioni illecite piuttosto che ad illeciti di associazione.
Di conseguenza nel caso in cui, all’interno dell’ente, vengano commessi reati espressione di associazioni penalmente rilevanti, da soggetti i quali avvalendosi proprio della struttura organizzata dell’ente ne intacchino la liceità, si rientrerà all’interno delle fattispecie sanzionate dagli artt. 416 c.p. e seg. e dall’art. 24 ter D.lgs. 231/2001.
La peculiarità di questi nuovi reati presupposto, introdotti nel 2009, ù proprio quella di non essere accomunati dall’obiettivo di tutela di un determinato bene giuridico da particolari forme di offesa (si pensi ai reati contro la P.A, ai reati finanziari, ai reati colposi della sicurezza sul lavoro). Il collante dei nuovi delitti ù essenzialmente empirico-criminologico, essendo tutti diretti a contrastare attività criminose particolarmente gravi, normalmente appannaggio delle grandi organizzazioni criminali e spesso strumentali alla loro stessa esistenza.
In questa prospettiva di lotta alla criminalitĂ  organizzata sono ricompresi sia alcuni importanti reati-fine (traffico di stupefacenti, commercio e fabbricazione di armi, sequestro di persone a scopo di estorsione), sia i due principali reati-mezzo codicistici, cioĂš le condotte associative in senso stretto tipizzate dagli artt. 416 e 416 bis c.p.).
È proprio il richiamo a queste due fattispecie incriminatrici che potrebbe determinare effetti di estensione delle ipotesi tipiche di responsabilitĂ  dell’ente probabilmente assai piĂč ampi di quelli che il legislatore aveva preventivato.
Sul piano dell’organizzazione societaria ù allora evidente come il reato associativo sia astrattamente contestabile per il semplice fatto che l’ente abbia realizzato degli illeciti.

Le conseguenze pericolose: difficoltà di predisporre validi ed efficaci modelli organizzativi di gestione e prevenzione dei reati che rischieranno di risultare vaghi ed inadeguati, proprio per il fatto che si pone l’ulteriore variabile di poter estendere l’applicazione dell’art. 24 ter anche a fattispecie delittuose non comprese nel novero dei reati presupposto di cui al d.lgs 231/2001.

È evidente come il legislatore abbia impresso alla disciplina della responsabilità degli enti, prevista dal D.Lgs. 231, una doppia velocità:
- da un lato l’apparato sostanzialmente immutato, delle disposizioni di parte generale con i principi di garanzia, i presupposti della responsabilità dipendente da reato, l’apparato sanzionatorio e le norme processuali;
- dall’altro lato una serie di reati presupposto caratterizzato dal rapido ampliamento rispetto alla soluzione iniziale alquanto ristretta.

La seconda parte del lavoro, esamina alcuni conflitti che sorgono nell’ambito della disciplina della responsabilità delle organizzazioni, soprattutto in relazione al rapporto con la normativa tributaria, alla possibilità di aggredire i beni della persona giuridica e alla questione delle effettive vie di ingresso dei reati tributari all’interno del decreto sulla responsabilità degli enti da reato.

Nell’ambito del sistema previsto dal decreto 231/2001, e specificamente nell’elencazione dei reati presupposto per la configurabilità della punibilità degli enti, spicca la mancanza dei reati di tipo tributario. La produzione normativa comunitaria alla base del decreto 231 era volta innanzitutto a tutelare gli interessi finanziari dell’UE e dello Stato, eppure il legislatore italiano scelse consapevolmente di non inserire i reati tributari nella delega al governo per la costruzione della responsabilità da reato degli enti.
I reati tributari, tuttavia, pur assenti dalla lista dei delitti presupposto della responsabilità dell’ente, sono concettualmente e logicamente al centro dell’attività di mappatura dei rischi, che costituisce l’antecedente logico necessario per l’elaborazione del modello di organizzazione e gestione individuato come una specifica forma di esonero della responsabilità dell’ente.
La scelta politico-criminale del legislatore Ăš sicuramente criticabile in quanto Ăš fisiologico che gli adempimenti tributari, di maggiore spessore e consistenza, concretizzano ben precise scelte di politiche di impresa alle quali conseguono vantaggi indebiti per l’ente. Infatti insieme ai reati societari, i reati tributari sono gli antecedenti logici per la costituzione di fondi riservati destinati ad alimentare i reati di scopo, come la corruzione. Dunque, le aree strumentali piĂč pericolose sono proprio quelle dimensioni organizzative dell’ente che presiedono alla gestione di risorse economiche o di strumenti di tipo finanziario che possono supportare la commissione dei reati nelle aree a rischio di reato.

Il presente lavoro si pone l’obiettivo di spiegare come attraverso la contraddizione tra l’assenza dell’architettura della responsabilitĂ  degli enti e la colonizzazione dei gangli vitali del sistema 231, si puĂČ raccontare il rapporto tra i reati tributari e la responsabilitĂ  degli enti collettivi: da un lato il dibattito sulla loro mancata introduzione e dall’altro lato le vie sostanziali attraverso cui i reati tributari realizzano un’incidenza diretta sulla responsabilitĂ  da reato delle persone giuridiche.

La disciplina fissata dal diritto penale tributario ha suscitato un intenso dibattito dottrinario in merito all’opportunità di includere le fattispecie di cui al d.l. n. 74/2000 tra i reati presupposto di cui al decreto n. 231/2001.
I fautori di tale inclusione evidenziano come il sistema potrebbe avere un’efficacia complessiva migliore anche sul piano della lotta alla criminalità in ambito tributario: l’introduzione degli illeciti fiscali tra i reati di cui al decreto n. 231/2001 non presenterebbe comunque un’innovazione problematica, visto che l’ordinamento nazionale già prevede casi in cui vi sia contestualmente una responsabilità penale, una responsabilità amministrativa ed una responsabilità dell’ente di cui al decreto stesso, come ad esempio nel caso del “market abuse” di cui agli artt. 25-sexies del decreto n. 231/2001, 187-quinquies e 187-terdecies del TUF.
I contrari invece all’inclusione dei reati fiscali nell’elencazione di cui al decreto n. 231/2001 ritengono che il diritto vigente già prevede la possibilità di irrogare una sanzione tributaria all’ente, ai sensi dell’art. 19, comma 2, del d.l. n. 74/2000; inoltre, ù necessario evitare una moltiplicazione delle sanzioni a carico dell’ente, secondo un sistema che dovrebbe prevedere la sanzione penale per la persona fisica, la sanzione tributaria per la persona giuridica e la sanzione di cui al decreto n. 231/2001sempre per la persona giuridica.
In generale, comunque, la scelta del legislatore di escludere i reati tributari dal novero dei reati presupposto ù stata ampiamente criticata e oggetto di successive attenzioni da parte del Parlamento: si segnala a tal proposito il disegno di legge S.19- Grasso del 15 marzo 2013 con il quale si proponeva di “estendere la responsabilità da reato degli enti ai reati tributari, colmando così una lacuna ingiustificabile sul terreno politico-criminale”.
Analizzando piĂč a fondo la problematica appare evidente come il sistema del decreto 269 del 2003, in tema di responsabilitĂ  amministrativa da illecito tributario, sia orientato esclusivamente a una funzione risarcitoria del danno subito dall’erario per il mancato introito fiscale; non conosce finalitĂ  di tipo preventivo.
La responsabilità da reato degli enti, invece, ù pensata e costruita allo scopo di catalizzare i processi di adeguamento spontaneo alle normative di riferimento, di modernizzare i procedimenti interni volti alla gestione e al controllo dei centri di rischio di commissione di illeciti penali. C’ù una sorta di sistema etico che prova a introdurre nella realtà organizzativa e gestionale dell’ente misure cautelari di impedimento di reati commessi nell’interesse o a vantaggio dell’ente stesso.
Questa Ăš la ragione principale per cui non Ăš possibile sostenere la scelta di non inserimento dei reati tributari, neanche facendo riferimento all’argomento della moltiplicazione delle sanzioni per un medesimo fatto. In settori particolarmente delicati, come si Ăš visto, l’ordinamento conosce molti livelli di sanzione per un medesimo fatto. Sono ambiti in cui massima Ăš l’attenzione alla prevenzione e non solo alla punizione degli illeciti. La soluzione non potrebbe essere proprio quella della obliterazione della responsabilitĂ  da reato degli enti; sarebbe piĂč ragionevole, invece, una tecnica legislativa che prevedesse criteri di sussidiarietĂ , o che accorpasse nel decreto 231 tutta la normativa sulla responsabilitĂ  degli enti per illecito tributario.
Per i reati tributari che sono l’emblema della delinquenza economica organizzata, c’ù un’intensa esigenza di politica criminale che orienta la normativa al rafforzamento della lotta all’evasione fiscale; e la politica criminale in questo settore non puĂČ che essere quella della prevenzione mediante organizzazione, con relativa responsabilizzazione per difetto organizzativo. Non si tratta, in sostanza, di punire maggiormente un illecito tributario, la questione Ăš quella di prevenire gli illeciti tributari incentivando gli enti all’adozione di strutture di compliance volte all’introduzione di regole cautelari mediamente dirette all’impedimento di reati tributari. Tale prevenzione si realizza attraverso la segmentazione del attivitĂ  esecutive in tema di gestione degli obblighi fiscali, di monitoraggio sulle attivitĂ  strumentali alla costituzione di fondi riservati, con la ramificazione di procedure e protocolli ispirati dall’adeguamento a standard procedurali internazionali.
Questo Ăš il motivo per cui non si puĂČ prescindere dalla ricomprensione dei reati tributari nel sistema creato da decreto sulla responsabilitĂ  degli enti da reato; oltre naturalmente ad una maggiore incisivitĂ  del contesto processuale penale e del sistema sanzionatorio dovuta alla disponibilitĂ  di sanzioni interdittive, alla possibilitĂ  di applicare misure cautelari, alla effettivitĂ  e dissuasivitĂ  della sanzione della confisca per equivalente che rende inutile l’occultamento del profitto ed esonera l’accusa dalla prova della diretta provenienza del delitto.

Dopo aver esaminato il complesso dibattito sull’inserimento dei reati tributari nella disciplina del decreto 231, il presente lavoro mira ad individuare molteplici itinerari attraverso i quali i reati tributari realizzano un’incidenza indiretta sulla responsabilità da reato degli enti collettivi:

a) in primo luogo alcuni reati tributari possono essere in concreto elementi o parti di un reato già presupposto della responsabilità ex d.lgs. 231/2001. A questa tipologia si possono ricondurre le problematiche attinenti l’associazione per delinquere, anche transnazionale, finalizzata alla commissione di un reato tributario e il riciclaggio dei proventi da illecito tributario. La nuova normativa antiriciclaggio introduce di fatto per le persone giuridiche la possibilità di configurare la loro responsabilità per tali illeciti e dunque la responsabilità diretta degli enti in caso di comportamenti illeciti di persone che agiscono per loro conto.

b) in secondo luogo si sono venuti a formare nel corso del tempo dei luoghi di intersezione tra reati fiscali e disciplina della responsabilitĂ  degli enti collettivi. A questo gruppo, invece, possono essere ricondotte alcune recenti decisioni in tema di sequestro preventivo e confisca tributaria.
A tale proposito le Sezioni Unite nel 2014 hanno aderito all’orientamento contrario all’estensione della confisca per equivalente per reati tributari alle persone giuridiche, per assenza di una base normativa alla quale ricondurre tale sanzione, confermando, invece, l’ammissibilità della confisca diretta del profitto del reato nei confronti dell’ente. Tuttavia, nonostante l’affermazione del principio dell’inapplicabilità della confisca per equivalente all’ente, la lettura estensiva della confisca diretta fornita dalla Corte, potrebbe portare ad un’estensione di fatto nell’applicazione della sanzione contro gli enti, quando il profitto dei reati tributari ù rimasto nella disponibilità della società.

Infine, nell’ultima parte del lavoro sono stati inseriti degli interessanti profili di comparazione, partendo dall’assunto in base al quale il diritto ù una creazione storica, politica, sociale, intellettuale, la cui esistenza e funzionamento in una data società poggia soprattutto sulla cultura della società stessa, ù stata svolta un’analisi comparata tra il sistema italiano e la responsabilità penale degli enti in Cina da una parte e il modello anglo-americano dall’altra.

Il diritto cinese prevede diverse tipologie di reati ascrivibili a persone fisiche ed enti: vi sono reati che possono essere commessi dall’ente e dalla persona fisica responsabile per l’ente, reati che possono essere commessi da una persona fisica o da un ente, reati che possono essere commessi da persone fisiche incaricate o responsabili del controllo, secondo una strutturazione che non segue un criterio unico a livello politico-sociale. Il modello cinese ù stato qualificato come un “sistema sociale di responsabilità personalizzata”, intendendo con tale espressione un sistema in cui l’ente ha una propria volontà e capacità, per cui le sue azioni non vanno confuse con quelle delle persone fisiche.
Nell’ordinamento statunitense, si assiste, invece, alla progressiva estensione, agli enti collettivi, di procedimenti di diversione processuale (deviazioni dalla normale sequenza di atti del processo penale, prima della pronuncia dell’imputazione) i quali sono diventati, oggi, lo strumento privilegiato per fronteggiare la criminalitĂ  d’impresa. A partire dagli anni ’90, si assiste alla progressiva estensione agli enti collettivi dei DPA (deferred prosecution agreement) e NPA (non prosecution agreement), con due obiettivi principali: chiamare a rispondere, degli illeciti commessi in ambito aziendale, un numero sempre maggiore di imprese, seppur mediante meccanismi di diversion piĂč flessibili e piĂč rapidi; scongiurare le ricadute negative che i procedimenti penali normalmente riversano sul mercato.
Anche il Regno Unito ha, di recente, introdotto una disciplina ad hoc. Tale Ăš la pervasivitĂ  della giustizia dilatoria che la stessa ha finito per stravolgere i regimi di corporate liability vigenti nei sistemi di area anglo-americana, fornendo al contempo spunti comparativi anche in prospettiva di riforma del d. lgs. n. 231 del 2001.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Riondato, Silvio
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 28 > Scuole 28 > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:17 Gennaio 2017
Anno di Pubblicazione:17 Gennaio 2017
Parole chiave (italiano / inglese):art. 24 ter d.lgs. 231/2001 Responsabilità degli enti da reato Impresa illecita Illecito d'impresa Reati associativi Criminalità organizzata Criminalità d'impresa Imprenditore Società Modelli organizzativi Illecito tributario antiriciclaggio Diritto penale ambientale Reati in materia ambientale Catalogo dei reati presupposto Diritto cinese modello aglo-americano deferred prosecution agreement non prosecution Agreement diversion processuale Continuing Criminal Enterprise illicit and illegal business criminal corporate enterprise corporate entity’s liability Environmental Criminal Law tax fraud and tax evasion US law diversion procedures
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/17 Diritto penale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Codice ID:9859
Depositato il:06 Nov 2017 14:52
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

AA.VV., Diritto penale delle societĂ , Cedam, Padova, 2014 Cerca con Google

AA.VV., Diritto Penale, Lineamenti di Parte Speciale, Monduzzi, Bologna, 2003 Cerca con Google

AA.VV., Impresa e giustizia penale: tra passato e futuro, Atti del Convegno di studio “Enrico de Nicola”, Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa Sociale, Milano 14-15 marzo 2008, GiuffrĂ©, Milano, 2009 Cerca con Google

AA.VV., I nuovi illeciti penali e amministrativi riguardanti le societĂ  commerciali. Commentario al d.lgs. 11 aprile 2002, n. 61, Giappichelli, Torino, 2002 Cerca con Google

AA.VV., La responsabilità amministrativa degli enti. d. lgs. 8 giugno 2001, n. 231, Giuffré, Milano, 2001 Cerca con Google

AA.VV., La responsabilità degli enti: un nuovo modello di giustizia “punitiva”, Utet, Torino, 2004 Cerca con Google

AA.VV., La riforma dei reati tributari: le novitĂ  del d.lgs. n. 158/2015, Giappichelli, Torino, 2015 Cerca con Google

AA.VV., Misure di prevenzione, Utet, Milano, 2013 Cerca con Google

AA.VV., Reati e responsabilitĂ  degli enti, GiuffrĂš, Milano, 2010 Cerca con Google

AA.VV., ResponsabilitĂ  degli enti per illeciti amministrativi dipendenti da reato, Cedam, Padova, 2002 Cerca con Google

AA.VV., ResponsabilitĂ  “penale” delle persone giuridiche, GiuffrĂ©, Milano, 2007 Cerca con Google

AA.VV., Societas puniri potest. La responsabilitĂ  da reato degli enti collettivi, Atti del Convegno di Firenze 15-16 marzo 2002, Cedam, Padova, 2003 Cerca con Google

AA. VV., Deals de justice. Le marchĂ© amĂ©rica in de l’obĂ©issance mondialisĂ©e, a cura di A. Garapon, P. Servan-Schreiber, Parigi, 2013. Cerca con Google

AA.VV., Trattato di diritto sanzionatorio tributario, Giuffré, Milano, 2016 Cerca con Google

ABBATISTA G.,Misure di prevenzioni patrimoniali antimafia e “pacchetto di sicurezza” del 2008: un equilibrio instabile tra efficienza del sistema e recupero delle garanzie, in AA.VV. Le misure di prevenzioni patrimoniali dopo il pacchetto di sicurezza a cure di F.Cassano, Roma, 2009. Cerca con Google

AIELLO A., La confisca antimafia ed il principio “emptio non tollit locatum” in Foro it. 2002, I,291. Cerca con Google

AIELLO A., I terzi e le misure di prevenzione patrimoniale:una storia (in)finita?,in AA.VV. Scenari di mafia a cura di G. Fiandaca e C. Visconti, Torino, 2010. Cerca con Google

ALOE S., Sistema penale e criminalità’ organizzata. Le figure delittuose associative, Milano, 1999. Cerca con Google

ALESSANDRI A., Impresa (responsabilitĂ  penali) voce del dig. disc. pen.VI, Torino1992,193. Cerca con Google

ALESSANDRI A., Attività’ d’impresa e responsabilità penale, in riv. it. dir. e proc. pen. 2005, 534. Cerca con Google

AMBROSETTI E.M. – MEZZETTI – RONCO, Diritto penale dell’impresa, Zanichelli, 2012. Cerca con Google

AMBROSETTI E.M. – MOSCHETTI F. – TOSI L., Commentario alle disposizioni generali sulle sanzioni amministrative in materia tributaria, Cedam, Padova, 2000. Cerca con Google

AMODIO E., Le misure di prevenzione patrimoniale nella legge antimafia, in giust. pen. 1985, III, 632. Cerca con Google

ANGELINI M., Riciclaggio, voce del dig. Disc. Pen. Aggiornamenti II, Torino, 2005,1389. Cerca con Google

ANGELINI M., Il reato di riciclaggio (art.648 bis c.p.). Aspetti dogmatici e problemi applicativi, Bologna, 2008. Cerca con Google

ANTOLISEI F., Manuale di diritto penale, Giuffré, Milano, 2003. Cerca con Google

ANTOLISEI F., Manuale di diritto penale, Parte Speciale, Giuffré, Milano, 2008. Cerca con Google

ARCA F., Mafia, potere malgoverno. Dieci anni di clientelismo e di violenza sulla pelle della Calabria, Roma,1979. Cerca con Google

ARCANGELI A., Studi di diritto commerciale ed agrario, Cedam, Padova, 1936. Cerca con Google

ARENA M., CASSANO G., La giurisprudenza sul d.lgs. n. 231/2001. Reati e modelli organizzativi con 125 risposte a quesiti, in Nel diritto, 2010. Cerca con Google

ARLACCHI P., La Mafia e tipi di societĂ , in Rassegna Italiana di sociologia,1980, XXX, n.1,24. Cerca con Google

ARLACCHI P., La societĂ  criminale ed i suoi amici, in Micromega, 1986, n.2, 157. Cerca con Google

ARLACCHI P., Il sistema mondiale della droga, in Micromega, 1988,n.3,185. Cerca con Google

ARLACCHI P., Saggio sui mercati illegali, in Rassegna italiana di sociologia,1988, XXIX, n.3,403. Cerca con Google

ARLACCHI P., Imprenditorialità illecita e droga. Il mercato dell’eroina a Verona,Bologna,1990. Cerca con Google

ARLACCHI P., Gli uomini del disonore,Milano, 1992. Cerca con Google

ARLACCHI P., La mafia imprenditrice, Bologna, 1992. Cerca con Google

ARLEN J., Corporate criminal liability in the United States: using prosecutorial discretion to induce corporations to join the war against crime, in A. Alessandri, E. Amodio, G. Forti, P. Marchetti, M. Onadi, G. Rossi Impresa e giustizia penale: tra passato e futuro, Giuffré, Milano 2009, p. 303 ss. Cerca con Google

AULETTA G., Attività (dir. priv.), voce dell’enciclopedia del diritto, III, Milano, 1958, 987. Cerca con Google

AVERSANO T., Commento agli artt. 61 – 69 c.p., in Codice penale e Leggi collegate a cura di Forti, Patrono, Zuccalà, Commento giurisprudenziale sistematico, Cedam, 2014. Cerca con Google

AYALA G., La lobby mafiosa, in Micromega,1988, n. 4, 13. Cerca con Google

BAIMA BOLLONE L., White collar crimes: Sutherland Ăš ancora attuale?, in Riv. trim. dir. pen. ec.,1996,195. Cerca con Google

BALLONI A., Per una nuova criminologia. Ipotesi teoriche e forme di criminalitĂ  a confronto, in Ann. Soc.,1987,309. Cerca con Google

BARATTA A., Mafia e Stato. Alcune riflessioni metodologiche sulla costruzione del problema e la progettazione politica, in AA.VV., La Mafia, Le Mafie, l’economia del Crimine organizzato, a cura di S.Zamagli, Bologna,1993,95. Cerca con Google

BARATTA A., Mafia: rapporti tra modelli criminologici e scelte di politica criminale, in AA.VV., CriminalitĂ  organizzata e risposte ordina mentali. Tra efficienze e garanzie, a cura di S.Moccia,Napoli,1999,115. Cerca con Google

BARCA F., Criminalità organizzata ed effetti sull’economia legale, in Commissione Parlamentare antimafia, economia e criminalità, Atti del Forum organizzato nel maggio del 1993. Camera dei Deputati, ufficio atti e pubblicazioni, Roma, 1994. Cerca con Google

BARCA F., L’economia del crimine, Bari, 1992. Cerca con Google

BARTOLI R., C.d. Taroccamento e delitto di riciclaggio, in Dir. pen,e processo 2005,476. Cerca con Google

BARTOLI, R., Luci ed ombre della sentenza delle Sezioni Unite sul caso Thyssenkrupp, in Giurisprudenza Italiana, 2014 pp. 2566-2577. Cerca con Google

BARTOLI, R. Il dolo eventuale sbarca anche nell’attività d’impresa, in Diritto penale e processo, 2012, pp. 703-710. Cerca con Google

BARTOLOMUCCI S., Corporate Governance e responsabilità delle persone giuridiche, Giuffré, Milano, 2004 Cerca con Google

BASSI A., Epidendio T.E., Enti e responsabilità da reato. Accertamento, sanzioni e misure cautelari, Giuffré, Milano, 2006. Cerca con Google

BAUMANN Z., La societĂ  sotto assedio, trad. It., Bari, 2003. Cerca con Google

BECCHI A., La Mafia in dissolvenza, in Politica ed economia, 1989,70. Cerca con Google

BECCHI A., CriminalitĂ  organizzata, Roma, 2000. Cerca con Google

BECCHIA., L’infiltrazione criminale nei settori dell’economia legale: gli appalti di opere pubbliche, in Rapporto di ricerca UIC,2000. Cerca con Google

BECCHI A. - ReyG.M., L’economia criminale,Bari,1994. Cerca con Google

BECCHI A.,-Turvani M., Domanda e offerta nel mercato internazionale dei narcotici: effetti della proibizione, in AA.VV.,mercati illegali e mafie. L’economia del crimine organizzato, a cura di S. Zamagli, Bologna,1993, 297. Cerca con Google

BECK U., La societĂ  del rischio, trad. it.,Roma, 2000. Cerca con Google

BECK M.E. – O’ BRIEN M.E., Corporate criminal liability, in «American Criminal Law Review», 37, 2000, p. 261-289; Cerca con Google

BECKER G., L’approccio economico al comportamento umano, trad.it, Bologna,1998. Cerca con Google

BECKER G.S., Nobel lectur: The Economic way of Looking at Behavior, inJourn, Of Political Econ.,3,1991,38. Cerca con Google

BECUCCI S., La criminalitĂ  organizzata di origine straniera in Italia.Una proposta di analisi secondo la prospettiva transnazionalista, in AA.VV., Scenari di mafia, a cura di G. Fiandesca e C. Visconti, Torino,2010,15. Cerca con Google

BEQUAI A., White Collar Crime: A 20 Century crisis, Lexigton Books, Lexington (Mass)1978. Cerca con Google

BERTOLINI N., Brevi note sulla responsabilitĂ  da reato degli enti e delle persone giuridiche negli Stati Uniti: le Federal Sentencing Guidelines, in F. Ambr.,2003 Cerca con Google

BERTONI A., La criminalita’ come impresa, Milano, 1997. Cerca con Google

BESSONE M.-Di PAOLO M,. Apparenza, voce dell’enc.giur. treccani, II, Roma, 1988, 1. Cerca con Google

BODO G.-VIESTI G., La grande svolta. Il mezzogiorno nell’Italia degli anni novanta, Roma, 1997. Cerca con Google

BOLAFFIO A., Il bordelliere non Ăš commerciante, in Temi emiliana, 1929 Cerca con Google

BONGIORNO G., Tecniche di tutela dei creditori nel sistema delle leggi antimafia in riv,dir. Proc., 1988, 443. Cerca con Google

BONGIORNO G., Amministrazione dei beni sequestrati e confiscati e rapporti con i creditori, in AA.VV., Le misure di prevenzione patrimoniali. Teoria e prassi applicativa, Bari, 1998, 147. Cerca con Google

BONINI S., Riflettendo intorno al sistema penale come impresa collettiva, in Archivio Penale, n. 2, 2015, p. 1-13. , URL: www.archiviopenale.it. Vai! Cerca con Google

BRACCO R., L’impresa nel sistema del diritto commerciale, Padova, 1966, rist. Cerca con Google

BRAITHWAITE J., Enforced self-regulation: a new strategy for corporate crime control, in 81 Mich. L. Rev., 1982,1466 ss Cerca con Google

BRANCA G., PIZZORUSSO A., Commentario della costituzione, Zanichelli, Bologna, 1991 Cerca con Google

BRICOLA F., Il costo del principio societas delinquere non potest nell’attuale dimensione del fenomeno societario, in Riv. it. dir. proc. pen., 1970 Cerca con Google

BRICOLA F., Luci e ombre nella prospettiva di una responsabilitĂ  penale degli enti nei Paesi C.E.E., in Giur. Comm., 1979 Cerca con Google

BRICOLA F., voce “Teoria generale del reato”, in Noviss. Dig. It., XIX, Utet, Torino, 1973 Cerca con Google

BRIFFAULT R., Our localism part I-%e structure of local government law, in «Columbia Law Review»,90, I, 1990, p. 93 Cerca con Google

BRICKEY K. F., Andersen’s Fall From Grace, in Washington University Law Quarterly, 2003. Cerca con Google

BUCCELLATI A., Istituzioni di diritto e procedura penale, secondo la ragione ed il diritto romano, Milano, 1884 Cerca con Google

BUONCORE V.. Imprenditore, voce dell’enciclopedia dl diritto, XX, Milano, 1970, 515. Cerca con Google

CADOPPI A., Canestrari S., Veneziani P., Codice penale commentato con dottrina e giurisprudenza, CELT, Piacenza, 2011 Cerca con Google

CADOPPI A., Garuti G., Veneziani P., Enti e responsabilitĂ  da reato, Wolters Kluwer, Torino, 2010 Cerca con Google

CAFERRA M., Il sistema della corruzione, Roma-Bari, 1992. Cerca con Google

CALABRESI G., La responsabilita’ civile come diritto della societa’ mista, in AA.VV., interpretazione giuridica ed analisi economica, a cura di G.Alpa, F.Pulitini, S.Romani, S.Rodota’, Milano, 1982. Cerca con Google

CAMPANA G., Favetta M., Toma P.B., L’impresa illecita. Profili tributari e contrasto patrimoniale, GiuffrĂ©, Milano, 2015. Cerca con Google

CAMPIGLIO L., Le relazioni di fiducia nel mercato e nello stato, in AA.VV., Mercati illegali e mafie. L’economia del crimine organizzato, a cura di S.Zamagli, Bologna, 1993, 113. Cerca con Google

CAMPIGLIO L.,-Mazzocchi G. Economia della droga, in AA.VV., Droga e societa’ italiana, Milano, 1974. Cerca con Google

CAMPOBASSO F., Diritto commerciale, I, diritto dell’impresa,Torino 1986. Cerca con Google

CANTONE R., Il ruolo degli enti creditizi e degli intermediari finanziari nella legislazione di contrasto al riciclaggio in particolare: l’obbligo di identificazione e di registrazione e la segnalazione di operazioni sospette, in riv. Pen.,1995, 717. Cerca con Google

CAPECCHI G., Le sentencing guidelines for organisations e i profili di responsabilità delle imprese nell’esperienza statunitense, in Dir. comm. int., 1998; Cerca con Google

CARACCIOLI I., Reati tributari e responsabilitĂ  degli enti, in Resp. amm. soc. enti., 2007, 1, 155. Cerca con Google

CARDOVANA L., L’elusione fraudolenta del sistema aziendale di gestione della sicurezza sul lavoro. La responsabilità amministrativa delle società e degli enti, in Rivista231.it, n. 04/2012 Cerca con Google

CARMONA A. La responsabilitĂ  amministrativa degli enti: reati presupposto e Modelli organizzativi, in Rivista231.it, n. 1/2006 Cerca con Google

CARRASCO C.E.,Corporate criminal liability, in «American Criminal Law Review», 1999, p. 445 Cerca con Google

CASSANO F., L’impresa mafiosa e la tutela delle ragioni dei terzi, Laterza, Roma-Bari, 2009 Cerca con Google

CASSANO F., Il fallimento dell’imprenditore mafioso: effettivita’ della prevenzione patrimoniale e garanzia dei diritti dei terzi di buona fede, in fallimento, 1999, 1354. Cerca con Google

CASSANO F., Questioni antiche e nuove in termini di diritti di creditori nelle misure di prevenzione patrimoniale, in Dir, fall, 2001, I, 610. Cerca con Google

CASSANO F., Confisca antimafia e tutela dei diritti dei terzi, in Cass, pen, 2005, 2155. Cerca con Google

CASSANO F., La tutela dei diritti sul sistema della prevenzione, in AA.VV., Scenari di mafia, a cura di G.Fiandaca e C.Visconti, Torino, 2010, 448. Cerca con Google

CASTELLANA M., CriminalitĂ  economica e criminalitĂ  grave, in Arch. Pen., 1982, 281. Cerca con Google

CATANZARO R., Imprenditori della violenza e mediatori sociali. Un’ipotesi di interpretazione della mafia, in Polis, I, 1987, 261. Cerca con Google

CATANZARO R., Il governo violento del mercato, mafia, impresa e sistema politico, in stato e mercato, 1988, 177. Cerca con Google

CATANZARO R., il delitto come impresa. Storia sociale della mafia, Padova, 1991. Cerca con Google

CATANZARO R., La mafia tra mercato e stato: una proposta di analisi, in AA.VV. La mafia, le mafie. Tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Roma -Bari, 1994,142. Cerca con Google

CAZZOLA F., L’Italia del pizzo, Torino, 1992. Cerca con Google

CELENTANO P., Le nuove norme di prevenzione patrimoniale, in Riv. Pen. Ec., 1992, 49. Cerca con Google

CENICCOLA R., Il giudice e le misure patrimoniali, indagini statistiche e problemi interpretativi, in AA.VV., La legge antimafia 3 anni dopo, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Milano, 1986, 100. Cerca con Google

CENTONZE F., La corego lamentazione della criminalità d'impresa nel d.lgs. n. 231 del 2001. Il problema dell'importazione dei “compliance programs” nell'ordinamento italiano, in AGE 2/2009, 219 ss. Cerca con Google

CENTORRINO M., L’economia mafiosa, Catanzaro, 1986. Cerca con Google

CENTORRINO M., L’economia cattiva del mezzogiorno, Napoli 1990. Cerca con Google

CENTORRINO M., Mafia ed economie locali. Un approfondimento dei tradizionali modelli di analisi, in AA.VV., La Mafia, Le Mafie. L’economia del crimine organizzato, a cura di S. Zamagni, Bologna, 1993,245. Cerca con Google

CENTORRINO M., Economia assistita da mafia, Catanzaro, 1995 Cerca con Google

CENTORRINO M., Il giro d’affari delle organizzazioni criminali, in AA.VV., I soldi della mafia-rapporto ’98, a cura di L.Violante, Bari, 1998, 12. Cerca con Google

CENTORRINO M.-LA SPINA-SIGNORINO G.,il nodo gordiano criminalita’ mafiosa e sviluppo del mezzogiorno, Roma, 1999. Cerca con Google

CENTORRINO M.-SIGNORINO G., Criminalita’ e modelli di economia locali, in AA.VV. mercati illegali e mafia. L’economia del crimine organizzato, a cura di S.Zamagli, Bologna, 1993, 75. Cerca con Google

CERQUA L.D., L’ente intrinsecamente illecito nel sistema delineato dal d. lgs. 231/2001, in Resp. amm. soc., 2, 2012 Cerca con Google

CERQUA L.D., La responsabilitĂ  da reato degli enti. Modelli di organizzazione, gestione, controllo e strategie per non incorrere nelle sanzioni, Halley, Roma, 2006 Cerca con Google

CHINNICI G.-SANTINO U., La violenza programmata, omicidi e guerre di mafia a Palermo dagli anni 60 ad oggi, Milano, 1989. Cerca con Google

CICCONTE E., Storia criminale. La resistibile ascesa di mafia, ‘ndrangheta e camorra dall’Ottocento ai giorni nostri, Catanzaro 2008. Cerca con Google

COCCO G., L’illecito degli enti dipendenti da reato ed il ruolo dei modelli di prevenzione, in Riv. it. dir. proc. pen., 2004. Cerca con Google

COFFEE J.C., “Carrot and stick” Sentencing: Structuring Incentives for Organizational Defendants, in Federal Sentencing Reporter, Vol. 3 n. 3, Nov. - Dec. 1990, 126 ss. Cerca con Google

COLOMBO G., Il riciclaggio, Milano, 1990. Cerca con Google

COLOMBO G.-MAGISTRO L., La legislazione antimafia, Milano, 1984. Cerca con Google

Commentario al Pacchetto sicurezza. L. 15 luglio 2009, n. 94, Utet, Milano, 2011. Cerca con Google

COMUCCI P., il sequestro e la confisca nella legge “antimafia”, in riv, dir, e proc, pen, 1985, 84. Cerca con Google

COMUCCI P., Il sequestro e la confisca in riv, it, dir, e proc, pen, 1985, 90. Cerca con Google

CONSO G., La criminalita’ organizzata nel linguaggio del legislatore, in giust, pen, 1992, III, 391. Cerca con Google

CONSORTE F., Guerini T., Reati associativi e responsabilitĂ  degli enti: profili dogmatici e questioni applicative, in Resp. amm. soc. enti, 2013, 2, 265 ss. Cerca con Google

CONTI L., Fallimento (reati in materia di) voce del dig. Disc. Pen, IV, Torino, 1991, 21. Cerca con Google

CONTI L., La responsabilitĂ  amministrativa delle persone giuridiche. Abbandonato il principio societas delinquere non potest, in Trattato del Galgano, XXV, Cedam, Padova, 2001. Cerca con Google

CORNACCHIA L., L’ applicazione dei reati societari alle banche, in Meyer A. – Stortoni L. “Diritto penale della banca, del mercato mobiliare e finanziario”, Giurisprudenza sistematica di diritto penale diretta da Bricola F., Zagrebelsky V., Cap. II, Utet, Torino, 2002, pp. 43-60. Cerca con Google

CORNACCHIA L., CANESTRARI S., DE SIMONE G., Manuale di diritto penale. Parte generale, il Mulino, Bologna, 2007. Cerca con Google

CORSO P., Valido il sequestro preventivo sui beni dell’ente anche in assenza di responsabilità amministrativa, in Corr. Trib., 2011, 3210. Cerca con Google

CORSO P., Verso la responsabilitĂ  amministrativa da reato tributario, in Corr. Trib., 2008, 2348. Cerca con Google

CORSO P., Reati tributari e persone giuridiche: ancora un forte richiamo al principio di legalitĂ , in Corr. Trib., 2013, 8, 619 ss. Cerca con Google

CORSO P., Le misure cautelari interdittive applicabili agli enti responsabili di illeciti amministrativi, in Corr. Trib., 2007, 44 ss. Cerca con Google

CORVI A., Nuove risposte al crimine organizzato tra diritto penale e sanzioni amministrative, in VV.AA., il pacchetto sicurezza 2009 (Commento al d.l. 23 Febbraio 2009 n. 11 conv. In legge 23 aprile 2009, n. 38 e alla legge 15 luglio 2009, n. 94) a cura di O. Mazza e F. Vigano’ , Torino, 2009, 366. Cerca con Google

COTTINO G., Di Chio G., Abriani N., Trattato di diritto commerciale, Cedam, Padova, 1998. Cerca con Google

CRESPI F., Aziende di credito e repressione del riciclaggio dei proventi illeciti, in Riv. Della societa’, 1990, 1403. Cerca con Google

D’ANDREA F.M., De Vivo A., Martino L., I modelli organizzativi ex D.Lgs. 231/2001. La responsabilitĂ  amministrativa delle imprese, GiuffrĂ©, Milano, 2006. Cerca con Google

D’ANGELO N., Responsabilità penale di enti e persone giuridiche, Maggioli, Rimini, 2008. Cerca con Google

D’ARCANGELO F., Abuso dello schermo societario, utilizzo strumentale dell’ente e logica sanzionatoria del d.lgs. 231/01. La responsabilità amministrativa delle società e degli enti, in Rivista231.it, n. 3, 2009. Cerca con Google

D’ARCANGELO F., La responsabilità degli enti per i delitti tributari dopo le SS.UU. 1235/2010, in Rivista231.it, n. 4/2011. Cerca con Google

DAVIGO P., L’inquinamento mafioso dell’attività d’impresa, in Riv.trim.dir.pen.ec. 1989, 143. Cerca con Google

DE FRANCESCO G.A., Dogmatica e politica criminale nei rapporti tra concorso di persone ed interventi normativi contro il crimine organizzato, in Riv. It. Dir. E proc. Pen. 1994, 1266. Cerca con Google

DE FRANCESCO G.A., Prospettive de lege ferenda in materia di criminalità organizzata: un’introduzione, in AA.VV. La criminalità organizzata tra esperienze normative e prospettive di collaborazione internazionale, a cura di G.A. De Francesco, Torino, 2001, 122. Cerca con Google

D’ACRI V., La responsabilità delle persone giuridiche derivante da reato, Rubbettino, Catanzaro, 2008 Cerca con Google

DE MAGLIE C., L’etica e il mercato. La responsabilitĂ  penale delle societĂ , GiuffrĂ©, Milano, 2002, 64 ss Cerca con Google

DE MAGLIE C., Principi generali e criteri di attribuzione della responsabilitĂ , in Dir. pen. proc., 2001 Cerca con Google

DE MARSICO A., La difesa sociale contro le nuove forme di delitto collettivo, in Riv. pen., 1920 Cerca con Google

DE SIMONE G., La responsabilitĂ  da reato degli enti nel sistema sanzionatorio italiano: alcuni aspetti problematici, in Riv. trim. dir. pen. economia, 2004 Cerca con Google

DE SIMONEM. V., Le misure di prevenzione, in AA.VV. commento al codice antimafia, a cura di A.Cisterna, M.V. De Simone, B.Frattasi e S. Gambacurta, 2011, 87. Cerca con Google

DE VERO G., I reati associativi nell’odierno sistema penale, in Riv, it, dir, e proc, pen. 1998, 405. Cerca con Google

DE VERO G., La responsabilità penale delle persone giuridiche, Giuffré, Milano, 2008 Cerca con Google

DE VERO G., Struttura e natura giuridica dell’illecito di ente collettivo dipendente da reato, in Riv. it. dir. e proc. pen., 2001 Cerca con Google

DELL’ANNO P.,Il diritto di riciclaggio: contrasto tra la previsione normativa e le applicazioni giurisprudenziali, in Cass. pen. 2003, 3435. Cerca con Google

DELLA PORTA D., Lo scambio occulto. Casi di corruzione politica in Italia, Bologna, 1992. Cerca con Google

DI AMATO A., Diritto penale dell’impresa, GiuffrĂ©, Milano, 2011 Cerca con Google

DI MARTINO A., Il commento, in Dir, pen. E processo, 2007, 23. Cerca con Google

DI NICOLA A., La criminalitĂ  economica organizzata e reati associativi in Arch.pen. 1982, 263. Cerca con Google

DOLCINI E., Principi costituzionali e diritto penale alle soglie del nuovo millennio, in Riv. it. dir. proc. pen., 1999 Cerca con Google

DONATO L-MASCIANDARO D., Economia criminale ed intermediazione finanziaria, in banche e in banchieri, 1995, 19. Cerca con Google

DONATO L-MASCIANDARO D., CriminalitĂ  ed intermediazione finanziaria, Roma, 1996. Cerca con Google

DONATO L-MASCIANDARO D., Moneta, Banca, Finanza. Gli abusi del mercato, Milano, 2001. Cerca con Google

DONOLO C., Disordine, Roma, 2011. Cerca con Google

EPITENDIO T.E., La confisca nel diritto penale e nel sistema delle responsabilitĂ  degli enti, Cedam, Padova, 2011. Cerca con Google

FACCIOLI F., Appunti per un dibattito, in Dei delitti e delle pene, 1993, 59. Cerca con Google

FALCONE G., Che cos’ù la mafia, in Micromega, n.3, 1992, 7. Cerca con Google

FALCONE G.-TURONE G., Tecniche d’indagine in materia di mafia, in AA.VV., Riflessioni ed esperienze sul fenomeno mafioso, a cura di C.S.M., Roma, 1983, 46. Cerca con Google

FALZEA A., Apparenza, voce dell’Enciclopedia del diritto,II,Milano, 1958,682. Cerca con Google

FANTO E.,L’impresa a partecipazione mafiosa. Economia legale ed economia criminale. Bari, 1999. Cerca con Google

FERRACUTI F.-BRUNO F., La criminalitĂ  organizzata nella prospettiva criminologia, in Trattato di criminologia, medicina criminologia e psichiatria forense, a cura di F.Ferracuti, IX, Milano, 1988, 65. Cerca con Google

FERRARA F. JR., Gli imprenditori e la societĂ , Milano, 1984, 35. Cerca con Google

FERRI, Manuale di diritto commerciale, Torino, 1965, rist. Cerca con Google

FIANDACA G., Commento articolo per articolo, l. 13/9/1982, n. 646 norme “antimafia”, Art. 1 e art. 8, in Legisl. pen. 1983, 259. Cerca con Google

FIANDACA G., CriminalitĂ  organizzata e controllo penale, in Ind. pen., 1991, 5. Cerca con Google

FIANDACA G., La contiguitĂ  mafiosa degli imprenditori tra rilevanza penale e stereotipo criminale, in Foro it., CXlV, 1991, 472. Cerca con Google

FIANDACA G., Misure di prevenzione (profili sostanziali), voce del Dig. disc. pen., Vlll, Torino, 1994, 111. Cerca con Google

FIANDACA G.-COSTANTINO S., La mafia degli anni ’80. Il fenomeno mafioso tra vecchi e nuovi paradigmi, in Sociologia del diritto, 1990, 92. Cerca con Google

FIDELBO G., L’accertamento dell’idoneità del modello organizzativo in sede giudiziale, in A.M. Stile – V.Mongillo – G. Stile (a cura di), La responsabilità da reato degli enti collettivi, in Resp. amm. soc. enti, 2011, 173. Cerca con Google

FIDELBO G., Le misure cautelari, in AA. VV., Reati e responsabilitĂ  degli enti. Guida al d. lgs. 8 giugno 2001, n. 231, a cura di G. Lattanzi, Milano, 2010, 503 ss. Cerca con Google

FILIPPI L.-CORESI M. F., Novità sulle misure di prevenzione, in Il decreto sicurezza – dl n. 92/2008 convertito con modifiche in legge n. 125/2008, a cura di A. Scalfati, Torino, 2008, 242. Cerca con Google

FIORELLA A. – SELVAGGI N., Compliance programs e dominabilità “aggregata” del fatto. Verso una responsabilità da reato dell’ente compiutamente personale, in Dir. pen. cont. - Riv. trim., n. 3-4/2014, 125 Cerca con Google

FIORELLAA., Corporate Criminal Liability and Compliance Programs – Vol. I Liability “ex crimine” of legal entities in member states, Napoli, 2012 Cerca con Google

FISHER S.R., Corporate criminal liability, in «American Criminal Law Review», 41, 2004, p. 367-395 Cerca con Google

FLICK G.M., La repressione del riciclaggio ed il controllo dell’intermediazione finanziaria. Problemi attuali e prospettive, in Riv. it. dir. e proc. pen., 1990, 1261. Cerca con Google

FLICK G.M., Prospettive e problemi del controllo penale degli intermediari finanziari, in Riv. delle societĂ , 1990, 792. Cerca con Google

FLICK G.M., Le regole di funzionamento delle imprese e dei mercati. L’ incompatibiltà con il metodo mafioso: profili penalistici, in Riv. it. dir. e proc. pen., 1993, 906. Cerca con Google

FOLCO, Atto illecito ed atto di commercio, in Riv. dir. comm., 1942, II, 99. Cerca con Google

FONDAROLI D., Le ipotesi speciali di confisca nel sistema penale. Ablazione patrimoniale, criminalitĂ  economica, responsabilitĂ  delle persone fisiche e giuridiche, Bologna, 2007, 335. Cerca con Google

FONDAROLI D., L.D. CERQUA L.D., sub Articolo 9, in AA. VV., La responsabilitĂ  amministrativa delle societĂ  e degli enti. D. lgs. 8 giugno 2001, n. 231, diretto da M. Levis, A. Perini, Bologna, 2014, 259. Cerca con Google

FORLENZA O., Con l’avvicinamento tra persone fisiche e giuridiche un primo passo verso il completamento della delega, in Guida al dir., 26, 2001 Cerca con Google

FORMIGGINI A., AttivitĂ  commerciale illecita, in Foro it., 1950, I, 918. Cerca con Google

FORNARI L., CriminalitĂ  del profitto e tecniche sanzionatorie, Padova, 1997. Cerca con Google

FORNASARI G., Strategie sanzionatorie e lotta alla criminalitĂ  organizzata in Germania e in Italia, in Riv. trim. dir. pen. Ec., 1993, 619. Cerca con Google

FORNASARI G., L’ ultima forma di manifestazione della cultura del “sospetto”: il nuovo art. 12 sexies della legge n.356 del 1992, in Crit. dir., 1994, 743. Cerca con Google

FORTI G., Normatività ed empiria nel lavoro del criminologo. Il “caso” Sutherland, in Riv. it. dir. e proc. pen., 1987, 380. Cerca con Google

FORTI G., La corruzione del pubblico amministratore. Linee di un’indagine interdisciplinare, Milano, 1992. Cerca con Google

FRANCHIOTTI V., Profili privatistici della giustizia penale statunitense, in Giurisprudenza italiana, 1992, fasc. IV, 312; Cerca con Google

FRIGO G., Norme procedimentali antiriciclaggio, usura e indagine penale, in Cass. pen., 1995, 3134. Cerca con Google

GAITO A., Gli accertamenti fiscali e patrimoniali per fatti di mafia, Milano, 1983. Cerca con Google

GAITO A., Fallimento, sequestro in funzione di confisca e tutela dei terzi nella repressione del fenomeno mafioso, in giur. it., 1985, II, 397. Cerca con Google

GAITO A., Sui rapporti tra fallimento e sequestro antimafia in funzione di confisca, in Riv. dir. proc., 1996, 393. Cerca con Google

GAMBETTA D., La mafia elimina la concorrenza. Ma la concorrenza puĂČ eliminare la mafia?, in meridiana, 1990, 319. Cerca con Google

GAMBETTA D., La mafia siciliana. Un’ impresa della protezione privata, Torino, 1992. Cerca con Google

GAMBETTA D., La protezione mafiosa, in AA.VV., La Mafia, le Mafie. Tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Roma-Bari, 1994, 219. Cerca con Google

GARILLI A., Mafia e lavoro, in AA.VV., La Mafia, le Mafie. Tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Roma-Bari, 1994, 284. Cerca con Google

GARRETT B.L., Too Big to Jail. How Prosecutors Compromise With Corporations, Harvard, 2014. Cerca con Google

GARUTI G., Profili giuridici del concetto di “adeguatezza” dei modelli organizzativi. La responsabilità amministrativa delle società e degli enti, in Rivista231.it, n. 03/2007 Cerca con Google

GARUTI G., ResponsabilitĂ  degli enti per illeciti amministrativi dipendenti da reato, Cedam, Padova, 2002 Cerca con Google

GENNARO V., Il controllo di qualità delle attività di vigilanza sul funzionamento e l’osservanza del modello di organizzazione, gestione e controllo. La responsabilità amministrativa delle società e degli enti, in Rivista231.it, 02/2009. Cerca con Google

GHIDINI M., Estinzione e nullitĂ  delle societĂ  commerciali, Milano, 1937, 140. Cerca con Google

GHIZZARDI N., Concorso tra i reati di riciclaggio e di reimpiego (Artt. 648-bis e 648-ter cp ) in Riv. pen., 2003, 1105. Cerca con Google

GIACOMELLI S.- RODANO G., Denaro sporco, Roma, 2001. Cerca con Google

GIANGRANDE G., La confisca per equivalente nei reati tributari: tra legalitĂ  ed effettivitĂ , in Diritto e pratica tributaria, n. 1/2013 Cerca con Google

GIALANELLA A., Patrimoni di Mafia. La prova, il sequestro, la confisca, le garanzie, Napoli, 1998. Cerca con Google

GIALANELLA A., Il punto su misure di prevenzione patrimoniali e tutela dei terzi: nuovi passi della lunga marcia verso un orizzonte di riforme, in Crit. dir., 2002, 1. Cerca con Google

GIALANELLA A., La confisca di prevenzione antimafia, lo sforzo sistemico della giurisprudenza di legittimità e la retroguardia del legislatore, in AA.VV., Le misure di prevenzione patrimoniali dopo il “pacchetto sicurezza”, a cura di F. Cassano, Roma, 2009, 133. Cerca con Google

GIANNINI C., Economia e criminalitĂ , in Appunti di Criminologia, a cura di F. Ferracuti, Roma, 1970, 163. Cerca con Google

GIANNINI C., Criminalità, voce dell’ Enc. giur. Treccani, Appendice, Roma, 2000, 1. Cerca con Google

GIARDA A., SPANGHER G., TONINI P., ResponsabilitĂ  degli enti per illeciti amministrativi dipendenti da reato, Cedam, Padova, 2002 Cerca con Google

GIUNTA F., MICHELETTI D., Il nuovo diritto penale della sicurezza nei luoghi di lavoro, Giuffré, Milano, 2010 Cerca con Google

GIUNTA F., I modelli di organizzazione e gestione nel settoreantinfortunistico, in D. Fondaroli – C. Zoli, Modelli organizzativi ai sensi del D.lgs. n. 231/2001 e tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, Torino, 2014, 1 ss. Cerca con Google

GOBERT G., Corporate Criminality: four models of fault, in Legal Studies, 1994, 393 ss. Cerca con Google

GRATTERI N., La mala pianta, Milano, 2009. Cerca con Google

GREENBLUM B.M., What Happens to a Prosecution Deferred? Judicial Oversight of Corporate Deferred Prosecution Agreements, in Columbia Law Review, 2005, vol. 105, n. 6, 1901. Cerca con Google

GROSSO F., Repressione della criminalitĂ  mafiosa e garanzie: spunti di riflessione a margine della pratica giudiziaria, in Quest. crim., 1988, 319. Cerca con Google

GROSSO C. F., Le contiguitĂ  della mafia tra partecipazione, concorso in associazione mafiosa ed irrilevanza penale, in Riv. it. dir. proc. pen., 1993 Cerca con Google

GROSSO C.F., Padovani T., Pagliaro A., Trattato di diritto penale, Giuffré, Milano, 2008. Cerca con Google

GRUNER R.S., Corporate criminal liability and prevention, Law Journal Press, New York, 2004, par. 7.04. Cerca con Google

GUERNELLI M., La responsabilitĂ  delle persone giuridiche nel diritto penale-amministrativo dopo il D.lgs. 231 del 2001, in Studium iuris, 2002. Cerca con Google

GUERRINI R., Le modifiche al d.lgs. 8 giugno 2001, n.231, in F. Giunta – D. Micheletti, Il nuovo diritto penale della sicurezza nei luoghi di lavoro, Milano, 2010, 131 ss. Cerca con Google

GUERRINI R., Corso di diritto penale, Giappichelli, Torino, 2015. Cerca con Google

GULLO N., La destinazione dei beni confiscati alla luce delle recenti riforme legislative, in AA.VV., Scenari di mafia, a cura di G. Fiandaca e C. Visconti, Torino, 2010, 455. Cerca con Google

HE BING-SONG, ZHU BIAN, Crime and Criminal Liability of Legal Persons, China Legal Publishing Binding, 1991 Cerca con Google

HYTTEN E.-MARCHIONI M., Industrializzazione senza sviluppo. Gela: una storia meridionale, Milano, 1969. Cerca con Google

IELO P., Compliance programs: natura e funzione nel sistema della responsabilitĂ  degli enti. Modelli organizzativi e d. lgs. 231/2001, in Rivista231.it, n. 01/2006. Cerca con Google

IELO P., Reati tributari e responsabilitĂ  degli enti, in Rivista231.it, n. 3/2007. Cerca con Google

IELO P., Commissione Greco: dall’usura alla frode verso piĂč ampia responsabilitĂ  degli enti, in Guida dir., 2010, 1, 22. Cerca con Google

INPOSIMATO F., La risposta dello stato alla criminalitĂ  organizzata, in Trattato di criminologia, medicina criminologia e psichiatria forense, a cura di F. Ferracuti, III, Milano1987, 41. Cerca con Google

INSOLERA G., Considerazioni sulla nuova legge antimafia, in Pol. dir., 1982, 698. Cerca con Google

INSOLERA G., Sulle diverse forme organizzate di criminalitĂ , in AA.VV., Beni e tecniche della tutela penale. Materiali per la riforma del codice, a cura del CRS Milano, 1987, 147. Cerca con Google

INSOLERA G., Diritto penale e criminalitĂ  organizzata, Bologna, 1996. Cerca con Google

INSOLERA G., Il concorso esterno nei delitti associativi: la ragione di Stato e gli inganni della dogmatica, in Foro It., 2, 1995. Cerca con Google

INSOLERA G., L’associazione per delinquere, Cedam, Padova, 1983. Cerca con Google

INSOLERA G., Reati associativi, delitto politico e terrorismo globale, in Critica dir., 2004. Cerca con Google

IZZO G., Reati transnazionali ex l.n. 146/2006 e ricadute sanzionatorie sul contrabbando di tabacchi lavorati esteri e sulle frodi carosello, in Fisco, 2006, 4544. Cerca con Google

KHANNA V.S. “ Corporate liability standards: when should corporations be held criminally liable” in «American Criminal Law Review», 37, 2000, p. 1239 ss. Cerca con Google

KOSTORIS R.E., Manuale di Procedura penale europea, 2° ed. riveduta e ampliata, GiuffrÚ, 2015. Cerca con Google

KOSTORIS R.E., Genetica, neuroscienze e processo penale, in Riv. dir. proc., 2014, 559 ss. Cerca con Google

KOSTORIS R.E., La tutela dei diritti fondamentali, in Manuale di Procedura penale europea, GiuffrĂš, 2015, 77 ss. Cerca con Google

KOSTORIS R.E., Il nuovo pacchetto antiterrorismo, tra prevenzione contrasto in rete e centralizzazione delle indagini, in R.E Kostoris e F. ViganĂČ (a cura di), in Il nuovo pacchetto antiterrorismo, Giappichelli, 2015. Cerca con Google

LA LUMIA L., Trattato di diritto commerciale, Milano-Messina, 1940. Cerca con Google

LANZI A., CADOPPI A., I reati societari, Cedam, Padova, 2007. Cerca con Google

LATTANZI G., Reati e responsabilità degli enti, Giuffré, Milano, 2010. Cerca con Google

LEO G., Seminario internazionale di studi su “la criminalità degli affari”, in Riv. trim. dir. pen. ec.,1981, 1014. Cerca con Google

LEONCINI I., Reato e contratto nei loro rapporti reciproci, Giuffré, Milano, 2006. Cerca con Google

LIBERATI A., Contratto e reato. Interferenze tra disciplina civile e disciplina penale, Giuffré, Milano, 2004. Cerca con Google

LI DONNI V., La criminalitĂ  organizzata come freno allo sviluppo economico, in AA.VV., La Mafia, le Mafie. Tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Roma-Bari, 1994, 232. Cerca con Google

LISI L.C., L’accumulo primario di ricchezza, in AA.VV., Evoluzione mafiosa e tecnologie criminali, a cura di S. DE LEO, M. STRANO, G. PEZZUTO, L.C. Di Lisi, Milano, 1995, 190. Cerca con Google

LONGOBARDO C., Il fenomeno del riciclaggio del denaro sporco tra valorizzazione ed esigenze preventive ed ineffettivitĂ  della repressione penale, in AA.VV., Scenari di mafia, a cura di G. Fiandaca e C. Visconti, Torino, 2010, 228. Cerca con Google

LUPO S., Storia della mafia dalle origini ai nostri giorni, Roma, 1993. Cerca con Google

LUPO S.-MANGIAMELI R., Mafia di ieri, mafia di oggi, in Meridiana, 1990, 17. Cerca con Google

MACRI’ C.-MACRI’ V., La legge antimafia, Napoli, 1983. Cerca con Google

MAGATTI M., Corruzione politica e societĂ  italiana, Bologna, 1996. Cerca con Google

MAGISTRO L., Riciclaggio dei capitali illeciti, Milano, 1991. Cerca con Google

MAISANO A., Misure patrimoniali antimafia e tutela dei creditori, in Giur. comm., 1986, II, 897. Cerca con Google

MAMBRIANI A., Riciclaggio e segnalazioni di operazioni sospette, in Ind. pen., 1995, 457. Cerca con Google

MAMBRIANI A., Il riciclaggio: profili fenomenologici e processuali, in AA.VV., Mafia e criminalitĂ  organizzata, II, Il riciclaggio dei proventi illeciti, a cura di E. Palombi, Napoli, 1996. Cerca con Google

MANACORDA S., La dinamica dei programmi di compliance aziendale: declino o trasfigurazione del diritto penale dell’economia?, in Le Società, 2015, 473 ss. Cerca con Google

MANES V., SGUBBI F., ResponsabilitĂ  e modelli organizzativi: spunti problematici e questioni applicative, Bologna, 2009, 213 ss Cerca con Google

MANGANO P., La confisca nella legge Rognoni- La Torre e di diritti dei terzi, in Dir. fall., 1988, I, 687. Cerca con Google

MANGIONE A., Mercati finanziari e criminalitĂ  organizzata: spunti problematici sui recenti interventi normativi di contrasto al riciclaggio, in Riv. it. dir. e proc. pen., 2000, 1102. Cerca con Google

MANGIONE A., La misura di prevenzione patrimoniale tra dogmatica e politica criminale, Padova, 2001. Cerca con Google

MANGIONE A., Il volto attuale della confisca di prevenzione: riflessioni a margine dei “pacchetti sicurezza”, in AA.VV., Scenari di mafia, a cura di G. Fiandaca e C. Visiconti, Torino, 2010, 891. Cerca con Google

MANNA A., Riciclaggio e reati connessi all’intermediazione mobiliare, Torino, 2002, 218. Cerca con Google

MANNA A., La c.d. responsabilitĂ  amministrativa delle persone giuridiche: un primo sguardo all'insieme, in Riv. trim. dir. pen. economia, 3, 2002. Cerca con Google

MANNOZZI G., Razionalità e “giustizia” nella commisurazione della pena. Il Just Desert Model e la riforma del Sentencing nordamericano, Padova, 1996. Cerca con Google

MANTOVANI F., Il problema della criminalitĂ , Padova, 1984. Cerca con Google

MANTOVANI F., Principi di diritto penale, Cedam, Padova, 2007. Cerca con Google

MANZINI V., Trattato di diritto penale, Giappichelli, Torino, 1987. Cerca con Google

MARINUCCI G., Politica criminale, e riforma del diritto penale, in Jus, 1964, 497. Cerca con Google

MARINUCCI M., DOLCINI E., Corso di diritto penale, Giuffré, Milano, 2001 Cerca con Google

MARINUCCI M., DOLCINI E., La responsabilitĂ  delle persone giuridiche. Uno schizzo storico-dogmatico, in Riv. it. dir. proc. pen., 2007 Cerca con Google

MARKOFF G.B., Arthur Andersen and the Mythe of the Corporate Death Penalty: Corporate Criminal Convictions in the Twenty-First Century, in University of Pennsylvania Journal of Business Law, 2013, 797 ss. Cerca con Google

MARMO M., Dalla camorra impresa alla camorra impresa. Alcune riflessioni su cause e contesti, in AA.VV., La Mafia, le Mafie. Tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Roma-Bari, 1994, 258. Cerca con Google

MAROTTA G.-SCARDACCIONE F., CriminalitĂ  economica: letteratura e definizioni, in AA.VV., devianza, controllo e mutamento sociale, Milano, 1980, 1. Cerca con Google

MARSELLI E.- VANELLIGI L., Economia della criminalitĂ , delitto e castigo come scelta naturale, Torino, 1999. Cerca con Google

MARTUCCI P., La criminalitĂ  economica, Bari, 2006. Cerca con Google

MARUCCI A., Anche il malfattore commerciale puĂČ fallire, in Giust. Pen., 1949, III, 304. Cerca con Google

MARUCCIA A., Dal commissario Straordinario del governo all’Agenzia per i beni sequestrati e confiscati: realtà, azioni, prospettive, in AA.VV., Scenari di mafia, a cura di G. Fiandaca e C.Visconti, Torino, 2010, 473. Cerca con Google

MARZULLO F., Riflessioni de iure condito et de iure condendo sulla responsabilitĂ  delle societĂ  per i reati fiscali di cui al d.lgs. n. 74/2000, in G. Spagnolo, La responsabilitĂ  da reato degli enti collettivi, Milano, 2007, 157 ss. Cerca con Google

MASCIANDARO D., Analisi economica della criminalità, teoria della regola mentazione e riciclaggio finanziario, in AA.VV., mercati illegali e mafie. L’economia del crimine organizzato, a cura di S. Zamagni, Bologna, 1993, 243. Cerca con Google

MASCIANDARO D., CriminalitĂ  e attivitĂ  finanziarie illegali nel Mezzogiorno: riciclaccio ed usura, in AA.VV., Macroeconomie della mafia, a cura di M. Centorrino e M. Signorino, Roma, 1997, 120. Cerca con Google

MASCIANDARO D., Mercati ed illegalitĂ . Economia e rischio criminalitĂ  in Italia, Milano, 1999. Cerca con Google

MASCIANDARO D., CriminalitĂ  organizzata e crisi di impresa in Italia, in Economia e politica industriale, 2000, 181. Cerca con Google

MAUGERI A.M., La sanzione patrimoniale fra garanzie ed effettivitĂ , in Riv. trim. dir. pen. ec., 1983, 1996. Cerca con Google

MAUGERI A.M., Le moderne sanzioni patrimoniali e tutela fra funzionalitĂ  e garantismo, in Riv. trim. dir. pen. ec. 1996, 817. Cerca con Google

MAUGERI A.M., Le moderne sanzioni patrimoniali tra funzionalitĂ  e garantismo, Milano, 2001. Cerca con Google

MAUGERI A.M., La riforma delle sanzioni patrimoniali: verso un’actio in rem? In AA.VV., Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica (di L.23 maggio 2008, nr.92 conv. In Legge 24 luglio 2008, n. 125) , a cura di O.Mazza e F.Vigano’, Torino, 2008, 47. Cerca con Google

MAUGERI A.M., Dall’actio in rem alla responsabilita’ da reato delle persone giuridiche: un’unica strategia politico-criminale contro l’infiltrazione criminale nee’economia?, in AA.VV. , Scenari di mafia, a cura di G.Fiandaca e C.Visconti, Torino, 2010, 268. Cerca con Google

MAUGERI A.M., Le sanzioni patrimoniali come moderno strumento di lotta contro il crimine. Reciproco riconoscimento e prospettive di armonizzazione, Giuffré, Milano, 2008. Cerca con Google

MELIOTA D., ResponsabilitĂ  patrimoniale delle societĂ  di capitali per illeciti commessi dagli amministratori, responsabilitĂ  amministrativa ex d.lgs. 231/2001 e responsabilitĂ  tributaria ex d.l. 269/2003: i due sistemi a confronto, in Resp. amm. soc. enti, 2010, 3, 97 ss. Cerca con Google

MELOSSI D., Il dibattito sulla criminalitĂ  organizzata, in La questione criminale, 1979, 317. Cerca con Google

MERZAGORA I., Achille e la tartaruga. Riflessioni sulle teorie criminologiche in tema di criminalitĂ  organizzata, in Rassegna it, criminologia, 1990, 99. Cerca con Google

MESSINETTI V., Reati tributari, principio di specialitĂ  e responsabilitĂ  amministrativa delle persone giuridiche. Riflessioni e prospettive, in Riv. dir. trib., 2002, 645. Cerca con Google

MILITELLO V., Le strategie di contrasto della criminalitĂ  organizzata transnazionale tra esigenze di politica criminale e tutela dei diritti uman, in AA.VV., AttivitĂ  di contrasto alla criminalitĂ  organizzata, a cura di C.Parano e A.Centonse, Milano, 2005, 243. Cerca con Google

MINERVINI G., L’imprenditore. Fattispecie e statuti, Napoli, 1968. Cerca con Google

MOCCIA S., Impiego di capitali illeciti e riciclaggio: la risposta del sistema penale italiano, in Tiv. It. dir. e proc. pen., 1995, 733. Cerca con Google

MOCCIA S., Riflessioni sui nodi problematici della normativa italiana in materia di criminalitĂ  economica, in Riv. trim. dir. pen. ec., 1997, 9. Cerca con Google

MOCCIA S., Considerazioni sul tema sanzionatorio nel Progetto preliminare di un nuovo codice penale, in Crit. dir., 2000, 295. Cerca con Google

MOLINARI V., Il rinnovato interesse per la confisca, in Cass. pen., 2002, 1865. Cerca con Google

MOLINARI V., Le misure di prevenzione nella legge fondamentale e nella legge antimafia, Milano, 2002. Cerca con Google

MOLINARI V., Rapporti ed interferenze tra misure di prevenzione patrimoniali e fallimento. Un caso analogo di conflitto? In Cass. pen., 2000, 748. Cerca con Google

MONGILLO V., Il giudizio di idoneitĂ  del modello di organizzazione ex d.lgs. 231/2001: incertezza dei parametri di riferimento e prospettive di soluzione. La responsabilitĂ  amministrativa delle societĂ  e degli enti, in Rivista231.it, n. 2/2011 Cerca con Google

MONTELEONE G., Effetti “ultra partes” delle misure di prevenzione antimafia. Profili di diritto processuale civile e fallimentare, in Riv. tri. Dir. e proc civ., 1988, 574. Cerca con Google

MORSELLI R.-VANNINI M., Economia della criminalitĂ , Torino, 1983. Cerca con Google

MOSSA L ., Trattato del nuovo diritto commerciale, I, Milano, 1942. Cerca con Google

NANULA G., La lotta alla mafia. Strumenti giuridici, strutture di coordinamento, legislazione vigente, Milano, 1999, 32. Cerca con Google

NANULA G., Il riciclaggio. Un quadro riepilogativo con autorevole conclusione, in Il fisco, n.37/2007, fasc. n. 1,12499,5403. Cerca con Google

NEPPI MODONA G., CriminalitĂ  organizzata e reati associativi, in AA.VV., Beni e tecniche della tutela penale, a cura del CRS Milano, 1987, 107. Cerca con Google

NEPPI MODONA G., Il difficile confine tra responsabilitĂ  politica individuale e responsabilitĂ  penale, in AA.VV., La Mafia, le Mafie, tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G.Fiandaca e S.Costantino, Roma-Bari, 1994, 177. Cerca con Google

NICOLICCHIA F., Corporate internal investigations e diritti dell’imputato del reato presupposto nell’ambito della responsabilità “penale” degli enti: alcuni rilievi sulla base della “lezione americana”, in Rivista trimestrale di diritto penale dell’economia, 2014, nn. 3-4, 781 ss. Cerca con Google

O’ MALLEY P., Appunti sulla responsabilitĂ  penale societaria negli U.S.A., in «Diritto penale XXI sec.», 2, 2008, p. 347 ss. Cerca con Google

ODED S., Deferred Prosecution Agreements: Prosecutorial Balance in Times of Economic Meltdown, in Law Journal for Social Justice, 2011, vol. 2, 6 ss.; Cerca con Google

ORLAND L., The Trasformation of Corporate Criminal Law, in Brooklyn Journal of Corporate, Financial & Commercial Law, 2006, n. 45, 84 ss. Cerca con Google

OPPO G., L’impresa come fattispecie, in Riv. dir. civ., 1982, 109. Cerca con Google

OPPO G., L’inziativa economica, in Riv, dir. civ., 1988, I, 309. Cerca con Google

OPPO G., Impresa e imprenditore, voce dell’Enc, giur. Treccani, XVI, Roma, 1989, 1. Cerca con Google

PADOVANI T., Lectio brevis, sulla sanzione, in AA.VV., le pene private, a cura di F.D.Busnelli-G.Scalfi, Milano, 1985, 62. Cerca con Google

PALAZZO F., Associazioni illecite ed illeciti delle associazioni, in Riv. it. dir. proc. pen., 1976. Cerca con Google

PALAZZO F., Introduzione ai principi di diritto penale, Giappichelli, Torino, 1999. Cerca con Google

PALAZZO F, PAPA M., Lezioni di diritto penale comparato, Torino, 2013, 216 ss Cerca con Google

PALIERO C. E., Piergallini C., La colpa di organizzazione, in Rivista231, 3 aprile 2015. Cerca con Google

PALLADINO P., Brevi osservazioni sul delitto di possesso ingiustificato di valori, in Riv. trim. dir. pen. ec., 1993, 343. Cerca con Google

PALOMBI E., Il riciclaggio dei proventi illeciti tra politica criminale e diritto vigente, Napoli, 1997. Cerca con Google

PANSA A., La farina del diavolo. CriminalitĂ , impresa e banche, in Italia, Milano, 2000. Cerca con Google

PANSARELLA M., Associazione per delinquere: spunti di riflessione ai fini dell’aggiornamento della “mappatura” delle aree a rischio, in www.rivista231.it. Vai! Cerca con Google

PANUCCI V., Note in tema di impresa illecita, in Riv. dir. civ., 1967, 588. Cerca con Google

PANUCCIO V., Impresa (dir. priv), voce dell’enciclopedia del diritto, XX, Milano, 1970, 611. Cerca con Google

PANUCCIO V., Teoria giuridica dell’impresa, GiuffrĂ©, Milano, 1974. Cerca con Google

PANUCCIO V., Impresa illecita, voce dell’Enc. giur. Treccani, XVI, Roma, 1989, I. Cerca con Google

PARADISO M ., CriminalitĂ  organizzata e modelli di organizzazione criminale, inscritti in memoria di U.Pioletti, Milano, 1982, 744. Cerca con Google

PARADISO P., La criminalitĂ  negli affari, Padova, 1983. Cerca con Google

PARODI C., Mobbing e maltrattamenti alla luce della legge n. 172/2012 di ratifica ed esecuzione della Convenzione di Lanzarote, in Dir. pen. cont., novembre 2012. Cerca con Google

PASCULLI L., Genetic, Robotic and Crime and Crime Prevention, in Provolo D., Riondato S., Yenisey F., (eds.), Genetics, Robotics, Law, Punishment, Padova - Padova University Press (2014) 187-204. Cerca con Google

PASCULLI M.A., La responsabilità da reato degli enti collettivi nell’ordinamento italiano. Profili applicativi, Laterza, Roma-Bari, 2005. Cerca con Google

PATERNITI F., La colpevolezza di impresa. Note sull’imputazione soggettiva dell’illecito all’ente. La responsabilità amministrativa delle società e degli enti, in Rivista231.it, n. 02/2013 Cerca con Google

PAVARINI M., Lo sguardo artificiale del crimine organizzato, in AA.VV., Lotta alla criminalitĂ  organizzata, a cura di G.Giostra e G.Insolera, Milano, 1995, 75. Cerca con Google

PECORELLA G., Circolazione di denaro e riciclaggio, in Riv. it. dir. e proc. pen., 1991, 1220. Cerca con Google

PEDRAZZI C., Problemi di tecnica legislativa, in AA.VV., comportamenti economici e legislazione penale a cura di C.Pedrazzi, Milano, 1979, 17. Cerca con Google

PEDRAZZI C., Interessi economici e tutela penale, in AA.VV., bene giuridico e riforma della parte penale a cura di A.M. Stile, Napoli, 1985, 299. Cerca con Google

PEDRAZZI C., Profili problematici del diritto penale di impresa, in Riv. trim. dir. pen. ec., 1988, 126. Cerca con Google

PEDRAZZI C., Mercati finanziari (disciplina penale), voce del Dig. disc. Pen., VII, Torino, 1998, 652. Cerca con Google

PEDRAZZI C., Mercati finanziari (nuova disciplina penale), voce del Dig. disc. Pen., Aggiornamento, Torino, 2000, 456. Cerca con Google

PEDRAZZI C., Diritto penale, Scritti di diritto penale dell’economia, GiuffrĂ©, Milano, 2003 Cerca con Google

PERINI A., Brevi considerazioni in merito alla responsabilitĂ  degli enti conseguente alla commissione di illeciti fiscali, in Rivista231.it, n. 2/2006. Cerca con Google

PERINI A., Verso la riforma del diritto penale tributario: osservazioni sulla legge di delegazione, in Riv. trim. dir. pen. econ., 1999, 717. Cerca con Google

PEZZINO P., Stato violenza, società. Nascita e sviluppo del paradigma mafioso, in Storia d’Italia. Le regioni dall’unità ad oggi Torino, la Sicilia, 1987. Cerca con Google

PEZZINO P., Una certa reciprocitĂ  di favori. Mafia e modernizzazione violenta nella Sicilia postunitaria, Milano, 1991. Cerca con Google

PEZZINO P., La mafia siciliana come “industria della violenza”. Caratteri storici ed elementi di continuità, in Dei delitti e delle pene, 1993, 67. Cerca con Google

PEZZINO P., Mafia, stato e societĂ  nella Sicilia contemporanea: secoli XIX e XX, in AA.VV., la Mafia, le Mafie. Tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Roma-Bari, 1994, 5. Cerca con Google

PEZZINO P., Mafia industria della violenza, Roma, 1995. Cerca con Google

PIERGALLINI C., Sistema sanzionatorio e reati previsti dal codice penale, in Dir. pen. proc., 2001. Cerca con Google

PIGNATONE G., Recenti modifiche alle misure di prevenzione patrimoniale (l. 125/2008 e l.94/2009) e il loro impatto applicativo in AA.VV., scenari di mafia, a cura di G. Fiandaca e C. Visconti, Torino, 2010, 311. Cerca con Google

PINTO A., EVANS M., Corporate Criminal Liability, Londra, 2001. Cerca con Google

PISANI N., Controlli societari e responsabilitĂ  da reato degli enti, in Banca Borsa e titoli di credito, 2008. Cerca con Google

PISANI M., Le sanzioni interdittive da responsabilitĂ  amministrativa delle persone giuridiche, in Corr. Trib., 2007, 3853 ss. Cerca con Google

PITTARO P., Una “raccomandazione” del Consiglio d’Europa in tema di criminalità economica, in Riv. it. dir. e proc. pen., 1982, 239. Cerca con Google

PIZZORNO A., I mafiosi come classe media violenta, in Polis 1987, 1. Cerca con Google

POLLARI N., I rapporti tra riciclaggio, usura ed evasione fiscale in Riv. della Guardia di Finanza, 1996, n. 4. Cerca con Google

POMANTE G., Internet e criminalitĂ , Torino, 1997. Cerca con Google

PROVINCIALI., SocietĂ  (commerciali) di truffatori e fallimento, in Temi, 1950, I, 40. Cerca con Google

PROVINCIALI R., Trattato di diritto fallimentare, I, Milano, 1974. Cerca con Google

PULITANÒ D., La responsabilità “da reato” degli enti: criteri di imputazione, in Riv. it. dir. e proc. pen., 2002. Cerca con Google

PULITANÒ D., voce “ResponsabilitĂ  amministrativa per i reati delle persone giuridiche”, in Enc. Dir., Agg., VI, GiuffrĂ©, Milano, 2002. Cerca con Google

RABITTI M., Modelli organizzativi e responsabilità degli enti: l’incerta figura dell’Organismo di Vigilanza. La responsabilità amministrativa delle società e degli enti, in Rivista231.it, 03/2010. Cerca con Google

RACITI A., Il crimine economico nella ricerca criminologia: dall’opera di Sutherland alle piĂč recenti formulazioni teoriche, in Riv. trim. dir. pen. ec., 2005, 677. Cerca con Google

RAGUSA MAGGIORE G., Confisca penale dei beni dei mafiosi e tutela dei terzi, in Dir. fall, 1994, III, 873. Cerca con Google

RENDA F., Storia della Sicilia dal 1960 al 1970, i caratteri originari e gli anni della unificazione italiana, Palermo, 1984. Cerca con Google

REY M., Analisi economica ed evidenza empirica dell’attività illegale in Italia, in AA.VV., marcati illegali e mafie. a cura di S. Zamagli, Bologna, 1993, 15. L’economia del crimine organizzato, Responsabilità penale delle persone giuridiche, Wolters Kluwer Italia, Milano, 2007 Cerca con Google

RIONDATO, La responsabilitĂ  penale degli enti nella Cina popolare fra tradizione e attualitĂ , in Diritto penale XXI secolo, n. 1, 2014, 17. Cerca con Google

RIONDATO S., Tipo criminologico e tipo normativo d'autore al cospetto della responsabilitĂ  penale dell'ente (d. lgs. n. 231/2001). Il caso dell'"ente pubblico", in Il soggetto autore del reato: aspetti criminologici, dogmatici e di politica criminale. Atti della Giornata di Studi penalistici in ricordo di Alessandro Alberto Calvi, Padova (Cedam), 2013, 95. Cerca con Google

RIONDATO S., ResponsabilitĂ  penale degli enti che esercitano pubblici poteri e degli enti pubblici economici (e non), tra tipo criminologico e tipo normativo d'autore, in Rivista trimestrale di diritto penale dell'economia, 2011, 505. Cerca con Google

RIONDATO S., GUERRINI R, MAZZA L., Le misure di prevenzione. Profili sostanziali e processuali, Padova, Cedam, 2004. Cerca con Google

RIVERDITI M., “Interesse o vantaggio” dell’ente e reati (colposi) in materia di sicurezza sul lavoro: cronistoria e prospettive di una difficile convivenza, in Arch. pen., 2011. Cerca con Google

RIVERDITI M., La responsabilitĂ  degli enti: un crocevia tra repressione e social-prevenzione, Jovene, Napoli, 2009 Cerca con Google

ROCCO A., Principi di diritto commerciale, Vallardi, Milano, 1929. Cerca con Google

RONCO M., L’azione personale: contributo all’interpretazione dell’art. 27 comma 1 Costituzione, Torino, 1984. Cerca con Google

RONCO M., Commentario sistematico al codice penale. La legge penale, Zanichelli, Bologna, 2006. Cerca con Google

RORDORF R., Scandali finanziari e regole di mercato (appunti a margine dei casi Cirio e Parmalat), in Questione giust., 2004, 567. Cerca con Google

ROSSI E., I rapporti tra impresa criminale e l’economia legale di riferimento. La gestione del patrimonio cumulato con attività criminose, in AA.VV., La criminalità come impresa., a cura di A. Bertone, 35. Cerca con Google

ROSSI G., Il conflitto epidemico, Milano, 2003. Cerca con Google

RUGGIERO V., Una proposta di aggiornamento delle definizioni, in Dei delitti e delle pene, 1992, 7. Cerca con Google

RUGGIERO V., Economie sporche. L’impresa criminale in Europa, Torino, 1996. Cerca con Google

RUGGIERO V., Delitti dei deboli e dei potenti, Torino, 1999. Cerca con Google

RUGGIERO R.A., Non prosecution agreements e criminalità d’impresa negli U.S.A.: il paradosso del liberismo economico, in Diritto penale e processo, 12 ottobre 2015. Cerca con Google

RUSSO A., La gestione dei patrimoni sequestrati e la tutela dei terzi nel sistema della l. n. 646/82, in Il Fallimento, 1985, 1008. Cerca con Google

SACCA’ E., Impresa individuale e societaria illecita, Milano, 1988. Cerca con Google

SACCO R., Apparenza, voce del Dig. disc. civ., sez. comm., Torino, 1987, 353. Cerca con Google

SANTISE M., Zunica F., Coordinate ermeneutiche di diritto penale 2016, Giappichelli, Torino, 2016 Cerca con Google

SANTINO U., La mafia come soggetto politico. Ovvero: la produzione mafiosa della politica e la produzione politica della mafia, in AA.VV., La Mafia, le Mafie, Tra vecchi e nuovi paradigmi, a cura di G. Fiandaca e S. Costantino, Roma-Bari, 1994, 118. Cerca con Google

SANTINO U. LA FURIA G., L’impresa mafia dall’Italia agli Stati Uniti, Torino-Milano, 1990. Cerca con Google

SANTORIELLO C., Sull’opportunità di configurare la responsabilità amministrativa delle società anche in caso di commissione di reati fiscali, in Rivista231.it, n. 1/2013. Cerca con Google

SANTORIELLO C. Reati fiscali e responsabilitĂ  degli enti, in Fisco, 2010, 3616. Cerca con Google

SANTORIELLO C., Violazione delle norme antiinfortunistiche e reati commessi nell’interesse o a vantaggio della società, in Resp. Amm. soc. ed enti, 1, 2008. Cerca con Google

SAVIGNY F.C., Persona giuridica, in Dig. Dir. Priv., XIII, Giappichelli, Torino, 1995. Cerca con Google

SAVONA U., Un settore trascurato: l’analisi economica della criminalità del diritto penale e del sistema di giustizia penale, in Sociologia del diritto, 1990, n. 1, 255. Cerca con Google

SAVONA U., I sistemi di giustizia penale di fronte al problema della criminalitĂ  organizzata, in rassegna it. crim., 1991, 203. Cerca con Google

SAVONA U., La grande corsa: mafia e legislazione anti-riciclaggio, in Pol. dir., 1994, 55. Cerca con Google

SAVONA U- MEZZANOTTE L., La corruzione in Europa, Roma, 1998. Cerca con Google

SCALERA G., Le nuove frontiere della concorsualità, la globalizzazione, la crisi senza insolvenza, l’impresa senza patrimonio, l’impresa illecita, l’impresa virtuale, la prevenzione al fallimento, in Dir. fal. soc. comm., 2003, 875. Cerca con Google

SCIALOJA A., Postilla, in Foro it., I, 1950. Cerca con Google

SEMINARA S., I soggetti attivi del reato di riciclaggio tra diritto vigente e proposte di riforma, in Dir. pen. e processo 2005, 233. Cerca con Google

SERRA C.-STRANO M., Nuove frontiere della criminalitĂ : la criminalitĂ  tecnologica, Milano, 1997. Cerca con Google

SGUBBI F., Delitti contro il patrimonio, in S. CANESTRARI, A. GAMBERINI, G. INSOLERA, N. MAZZACUVA, F. SGUBBI, L. STORTONI, F. TAGLIARINI, Diritto penale-lineamenti di parte speciale, Bologna, 2006, pp.515 ss. Cerca con Google

SGUBBI F., Gruppo societario e responsabilitĂ  delle persone giuridiche ai sensi del d.lgs. 231/2001, in Resp. amm. soc. enti, 2006, 1, 7-10 Cerca con Google

SGUBBI F., FONDAROLI D., Strumenti di corporate governance e responsabilitĂ  degli enti ai sensi del d.lgs. 231/2001, Bologna, 2008 Cerca con Google

SICILIA E., Economica, Impresa e CriminalitĂ  dei Colletti Bianchi, Bari, 2001. Cerca con Google

SIRACUSANO P., Scritti di diritto penale dell’economia, Giappichelli, Torino, 2007. Cerca con Google

SORBELLO P., Evasione fiscale e politica criminale: considerazioni sull’inopportunità sistematica della mancata corresponsabilizzazione degli enti nei reati tributari, in Ind. Pen., 2011, 214. Cerca con Google

SPADA P., Impresa, voce del Dig. disc. civ., sez. comm. VII, Torino, 1992, 55. Cerca con Google

SPAMPINATO R., Per una storia della mafia. Interpretazioni e questioni controversie, in Storie d’Italia. Le Regioni dall’Unità ad oggi, la Sicilia, Torino, 1987. Cerca con Google

STELLA F., Criminalità d’impresa: lotta di sumo e lotta di judo, in Riv. trim. dir. pen. ec., 1998, 463. Cerca con Google

STIGLITZ E., , I ruggenti anni Novanta. Lo scandalo della finanza e il futuro dell’economia Torino, 2004. Cerca con Google

STRANO LIGATO S., Le fattispecie qualificate dalla situazione soggettiva, Cedam, 2012. Cerca con Google

SUTHERLAND H., Il crimine dei colletti bianchi. La versione integrale, Milano, 1987. Cerca con Google

TAORMINA C., Il procedimento di prevenzione, Milano, 1988, 297. Cerca con Google

THIONE M.-SILVANI M., Le nuove frontiere del riciclaggio- analisi del fenomeno, linee evolutive ed elaborazioni statistiche di settore, in il Fisco, 23/2006, 3529. Cerca con Google

TORRENTE A., Del lavoro, in Commentario del codice civile, V, Torino, 1961, 58. Cerca con Google

TOSCHI F., Le disposizioni relative ai delitti di riciclaggio, impiego di denaro, beni o altra utiliĂ  di provenienza illecita, in AA.VV., Mafie e criminalitĂ  organizzata, a cura di P. Corso, G. Insolera e L. Stortoni, Torino, 1995, 387. Cerca con Google

TRANFAGLIA N., La mafia come metodo nell’italia contemporanea, Roma, 1991. Cerca con Google

TRAVERSI A., Responsabilità penali d’impresa, Cedam, Padova, 1983. Cerca con Google

TRAVERSI A., ResponsabilitĂ  amministrativa delle societĂ  anche per i reati tributari?, in Resp. amm. soc. enti, 2008, 3, 134. Cerca con Google

TURONE G., Associazioni criminose, in Dizionario di diritto e procedura penale, a cura di G. Vassalli, Milano, 1986. Cerca con Google

TURONE G., Le tecniche di contrasto del riciclaggio, in Cass. pen., 1993, 2970. Cerca con Google

TURONE G., Le strategie di contrasto dell’economia criminale, in Quest. Giust. 1994, 49. Cerca con Google

TURONE G., Le tecniche di contrasto del riciclaggio, Roma, 1994. Cerca con Google

TURONE S., Politica ladra. Storia della corruzione in Italia, 1861-1992, Roma-Bari, 1993. Cerca con Google

VALRI G., Autonomia e limiti del nuovo diritto commerciale, in Riv. dir. comm., 1944, I, 75. Cerca con Google

VANNINI A., Alle Sezioni Unite la questione sulla confiscabilitĂ  dei beni appartenenti alle persone giuridiche, in Corr. Trib., 2014, 4 326. Cerca con Google

VIOLANTE L., Conclusioni, in AA.VV., le misure di prevenzione patrimoniali, dopo il pacchetto di sicurezza, a cura di F. Cassano, Roma, 2009, 491. Cerca con Google

VITALE M., Grande capitale o grandi famiglie, in mecromega, 1996, 82. Cerca con Google

VIVANTE C., Trattato di diritto commerciale, II, Milano, 1929, 28. Cerca con Google

WEBER M., Economia e societĂ , trad. it, Milano, 1968. Cerca con Google

WRAY C.A., HUR R.K. Corporate Criminal Prosecution in a Post-Enron World: The Thompson Memorandum in Theory and in Practice, in American Criminal Law Review, 2006, vol. 43, 1104-1105. Cerca con Google

ZAFFARONI R., Il crimine organizzato: una categorizzazione fallita, in AA.VV., CriminalitĂ  organizzata e risposte ordinamentali. Tra efficienze e garanzie, a cura di S. Moccia, 1999, 63. Cerca con Google

ZAMAGNI S., Criminalità organizzata e dilemmi della mutua sfiducia: sulla persistenza dell’equilibrio mafioso, in AA.VV., mercati illegali e mafie. L’economia del crimine organizzato, a cura di S. Zamagni, Bologna, 1993, 133. Cerca con Google

ZAMAGNI S., Introduzione, in AA.VV., mercati illegali e mafie. L’economia del crimine organizzato, a cura di S. Zamagni, Bologna, 1993, 3. Cerca con Google

ZANCHETTI M., Il riciclaggio di denaro proveniente da reato, Milano, 1997. Cerca con Google

ZANCHETTI M., Illecita influenza sull'assemblea, in Il nuovo diritto penale delle societĂ  : D.Lgs. 11 aprile 2002, n. 61, a cura di Alberto Alessandri; Milano, Ipsoa, 2002, pp. 405-417. Cerca con Google

ZANOTTI R., D.l.8 giugno 1992, n.306, in AA.VV., giurisprudenza sistematica di diritto penale. Mafia e criminalitĂ  organizzata, a cura di F. Bricola e V. Zagrebelsky, II, Torino, 1995, 877. Cerca con Google

ZANOTTI R., La tutela dell’accesso al mercato nella prospettiva della lotta contro il riciclaggio: il caso dell’abusivismo, in Ind. pen., 2003, 925. Cerca con Google

ZANOTTI R., Il nuovo diritto penale dell’economia, Milano, 2008, 422. Cerca con Google

ZHONHLIN C., Una svolta storica nel diritto penale cinese: l’introduzione di un nuovo codice, in Riv. It. Dir. e proc. pen., 2, 1998 Cerca con Google

ZHOU Z., Corporate Punishment in China: History, Legislation and Future Reform, 2009, in www.waseda.jp Vai! Cerca con Google

ZINCANI V., La criminalitĂ  organizzata. Strutture criminali e controllo sociale, Bologna, 1989. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record