Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

RIZZATO, SILVIA (2016) LA RESPONSABILITA' DELLE PERSONE GIURIDICHE PER I REATI AMBIENTALI. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1481Kb

Abstract (inglese)

The thesis tackles the problems related to environmental crimes which have emerged in recent years, moving from a preliminary analysis concerning the reforms introduced in this area and paying particular attention to the case of so-called eco-crimes introduced in 2015.
The research provides important insights regarding the introduction of the company’s liability in the environmental field. The work deals with the changes occurred recently and the first case law emerging in relation to the subject of work and environmental safety, examining in particular the objective indictment criteria provided in article 5 of the Legislative Decree n. 231/2001.
Finally, the present work provides the analysis of the supervisory body’s figure and of the characteristics required to the same in relation to environmental standards, and the identification of the necessary requirements to make the organizational, managerial and controlling model adopted by the entities suitable and effective in view of prevention of the environmental crimes.

Abstract (italiano)

La tesi affronta le nuove problematiche emerse nel corso degli ultimi anni in materia di reati ambientali, muovendo da una preliminare analisi in ordine alle riforme intervenute in tale ambito, con particolare attenzione alle fattispecie dei c.d. eco-reati introdotti con la novella del 2015.
La ricerca offre importanti spunti di riflessione relativamente all’introduzione della responsabilità dell’ente nel settore ambientale. L’elaborato tratta sia le modifiche recentemente intervenute, sia i primi casi giurisprudenziali che attengono alla materia della sicurezza del lavoro e dell’ambiente, esaminando nello specifico il criterio di imputazione oggettiva dell’ente previsto dall’articolo 5 del D.lgs. n. 231 del 2001.
Parimenti articolata risulta, infine, l’analisi della figura dell’Organismo di Vigilanza e delle caratteristiche richieste al medesimo in ragione della specificità della materia ambientale, nonché l’individuazione dei requisiti necessari affinché i Modelli di organizzazione, gestione e controllo adottati dagli enti risultino idonei ed efficaci in un’ottica di prevenzione della commissione delle fattispecie a tutela dell’ambiente.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:AMBROSETTI, ENRICO MARIO
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 29 > Corsi 29 > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:22 Gennaio 2017
Anno di Pubblicazione:Novembre 2016
Parole chiave (italiano / inglese):RESPONSABILITA' ENTI / REATI AMBIENTALI
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/17 Diritto penale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Codice ID:9892
Depositato il:24 Nov 2017 10:15
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record