Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Campagna, Claudio - Collavo, Alberto - Innocenti, Marco - Sattin, Maurizio (2006) Evoluzione e gestione della resistenza ai graminacidi in Lolium SPP. In: Giornate fitopatologiche 2006, 27-29 marzo 2006, Riccione RN, Italia.

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
107Kb

Abstract (inglese)

Il Lolium spp. è l’infestante che più nel mondo ha sviluppato popolazioni resistenti agli erbicidi (3,5-4 milioni di ettari infestati) con alcune popolazioni resistenti a più meccanismi di azione. Quest’attitudine è dovuta alle caratteristiche biologiche del genere Lolium: specie spiccatamente allogame, alta variabilità e plasticità genetica, produzione di una grossa quantità di semi poco dormienti, popolazioni infestanti molto competitive (specie comunali) che bene si adattano al ciclo del grano.
In Italia è diffuso soprattutto nelle regioni centrali (popolazioni con caratteristiche intermedie tra L. multiflorum e L. rigidum) ma è frequente anche nelle meridionali, soprattutto L. rigidum. I primi casi di resistenza risalgono alla metà degli anni ’90, attualmente è la monocotiledone che più a sviluppato resistenza agli inibitori dell’acetil-coenzima A carbossilasi (ACCasi).


Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Contributo a convegno (Poster)
Anno di Pubblicazione:Febbraio 2006
Parole chiave (italiano / inglese):lolium inibitori ACCasi resistenza
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/02 Agronomia e coltivazioni erbacee
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali
Codice ID:990
Depositato il:05 Feb 2008
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record