Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Parekh, Mohit (2017) Human corneal endothelial cell culture and corneal transplantation. [Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document
6Mb

Abstract (english)

Cornea is the front transparent window of the eye which is responsible for optimal and clear vision. Transparency of this tissue is highly inevitable and cannot be compromised. Human cornea is made up of multiple layers out of which the posterior layer ‘endothelium’ is responsible for the transparency of the cornea. Endothelium is a monolayer of cells that allow the ions and solutes to transport from aqueous humour to the cornea and back which in turn maintains the transparency of the cornea by preserving the homeostasis between the anterior and posterior cornea. Earlier, it was observed that the endothelium had non regenerating capability however; recent studies have shown that these cells could be proliferated in vitro. Currently, the only method of treatment is the replacement of the diseased endothelium with the healthy donor endothelium. Penetrating keratoplasty which transplants a full thickness cornea was the only solution a decade ago. However, with the new advancements in the field of corneal transplants, specific surgical techniques like DMEK and DSAEK which replace only a part of the cornea have been identified. DSAEK replaces a part of the stroma along with the Descemet’s membrane and endothelium whereas DMEK only replaces the Descemet’s membrane and the endothelium and does not involve stroma. The results in terms of visual rehabilitation and outcomes have been found to be advantageous in these specific surgical procedures. However, DMEK is more challenging then DSAEK as DMEK is not yet a widespread technique, associated with steep learning curves and difficult donor tissue preparation. Despite DMEK is a challenging procedure it is becoming more popular because of the significant advantages in term of faster visual recovery, less postoperative astigmatism and reduced risk of transplant rejection, as compared to the other EK procedures. DMEK has several advantages in terms of rehabilitation rate and post-operative visual outcomes and therefore it is necessary to further refine this technique for a higher uptake of such surgeries and also considering that this is the only possible treatment for treating the patients suffering from endothelial dysfunctions. Although the corneal transplantation is well advanced, due to a limited supply of donor corneas for the transplantation purposes, alternative approaches like culturing corneal endothelium in vitro play an important role. Culturing the endothelium is not the only problem in EK but transplanting a 20 micron thick graft inside the recipient eye is another challenge. Moreover, the donor availability for culturing the corneal endothelium is less, making this strategy further more complicated. The thesis is therefore structured to highlight two significantly important issues in current scenario of endothelial keratoplasty, 1) posterior corneal transplantation or EK which is the on-going method of treatment for EK and 2) Human corneal endothelial cell culture which is the future of EK.
Chapter 1 is an introduction to the world of eye banking, its current nature and development in the modern world and as a support to the surgeons not only in terms of new techniques but also devices for selective surgeries. It also highlights the preservation of the corneal tissues which is an important element in the field of eye banking. Eye banks play a significant role in the field of corneal transplants as they collect the human corneas and process them for transplantation. The corneas that are rejected for transplantation can be used for research and therefore development of eye banking and its research can change the field of corneal transplantation. Chapter 2 introduces the field of corneal cell culture and current techniques that are followed for culturing and possible transplantation of the cultured cells.
To understand the reason and requirement of tissue engineering, it is important to study the human cornea, its extracellular matrix and its behaviour in different media. The biomechanical behaviour of the thin tissue i.e. the DM in different conditions becomes a relevant part of this study for future engineering which is studied in chapter 3. It is also important to standardize the currently available treatment options to reduce the burden of endothelial compromised patients in the future and avoid damages or tissue wastage that is currently occurring in the surgical theatres by providing standardized tissues in validated preservation medium which is studied in chapter 4. DMEK promises to become a more popular technique for the replacement of unhealthy corneal endothelium as it shows advantages like early rehabilitation rate and visual outcomes. Chapter 5 highlights the importance of new technique in rolling the DMEK tissue for easy insertion and unfolding in the recipient eye compared to the currently used technique with endothelium rolled in opposite direction. Presently, the DMEK tissues are either prepared in the surgical theatre or are stripped in the eye bank and shipped to the surgeons. However, there is no standardized procedure that could help validate a graft before surgery and provide a ready-to-use graft to the surgeons. Chapter 6 describes about a new technique of pre-loading a graft in a commercially available IOL cartridge which can be used as a preservation, transportation and transplantation device. This technique will further reduce graft wastage and will provide the surgeons a pre-validated graft further reducing the overall time in the surgical theatre and related costs. Thus different approaches for standardizing the DMEK technique were studied in the first phase of the thesis.

HCECs are currently being cultured using young donor corneas. There are two major issues, firstly, the availability of the young donor corneas is less compared to the old donor corneas and secondly, there is no standard method of culturing the HCECs obtained so far. Therefore, to reduce the global tissue demand, there is a strong need to culture the HCECs from the old donor corneas which are less proliferative and less robust in nature but with high availability of the donor source. Chapter 7 is a study on isolation of HCECs and further culture of these cells from old donor corneas. Once the protocol was obtained, a full length study was performed with high sample size to prove the consistency of this technique which is highlighted in chapter 8. Meanwhile it was also noted that cells from old donors can be cultured using ROCK inhibitor in combination with Hyaluronic Acid (HA). HA induces mechanical force to the cells attaching them forcefully on the base and allows a higher proliferation of old donor cells which was studied in chapter 9. The second part of the thesis therefore investigates the culturing technique of HCECs from old donor corneas. However, once the cells are cultured, another challenge is to transplant them in the anterior chamber of the eye. This can be performed using two strategies, first, to implant the cells as suspension in the anterior chamber which is already been proposed, but the clinical evidence is still not confirmed yet, and second, to develop a carrier to transport the cultured cells. In chapter 10, we identified fish scales as a great source of collagen and therefore have investigated it as a potential scaffold to be used for HCECs culture and transplant in the future. It is also important to understand the regulations that govern the scientific studies and its use for clinical applications. Therefore, we also identified rHSA as a source to replace FCS for preserving human corneas in chapter 11. This will also help to create a synthetic media that could be used for GMP purposes for HCECs culture in the future.

In conclusion, it was observed that pre-loading the tissues with endothelium-flapped inwards and preserved in dextran based medium could be a potential solution for providing a validated and standardized DMEK graft for the treatment of current endothelial dysfunction. Eye banks play a major role in the development of these surgical techniques and related devices which will change the face of corneal transplantation in the future. Alternatives like HCECs culture has a potential for the treatment of endothelial disorders and carriers like FSS could be used for culturing and transplanting these cells. However, the efficacy of these cells will only be validated after the clinical study. Considering the regulatory issues, synthetic medium would help both, the eye banks for preserving the corneas and its new products like pre-loaded DMEK and for cell culture in the future.

Abstract (italian)

La cornea è quel tessuto trasparente che riveste la superficie anteriore dell'occhio, e che consente di avere una visione ottimale e chiara. La trasparenza di questo tessuto è fondamentale e non può essere compromessa. La cornea umana è costituita da più strati,tra cui lo strato posteriore o “endotelio” è responsabile della trasparenza della cornea. L’ endotelio è un monostrato di cellule che permettono agli ioni ed ai soluti di essere trasportati dall’ umor acqueo alla cornea e viceversa, e che a sua volta mantiene la trasparenza della cornea conservando l'omeostasi tra la cornea anteriore e posteriore. L’endotelio non possiede capacità rigenerative. Attualmente, l'unico metodo di trattamento è la sostituzione dell'endotelio danneggiato con l'endotelio di un donatore sano. La cheratoplastica perforante, che prevede trapianti di cornea a tutto spessore,rappresentava l'unica soluzione terapeuticafino ad un decennio fa. Tuttavia, con i nuovi progressi nel campo dei trapianti di cornea, sono state identificate specifiche tecniche chirurgiche, come DMEK e DSAEK, che sostituiscono solo una parte (o uno strato) della cornea. Sono I risultati ottenuti, in termini di riabilitazione visiva, si sono rivelati vantaggiosi grazie all’utilizzo di queste procedure chirurgiche specifiche. Tuttavia, la DMEK è più impegnativarispetto alla DSAEK in quanto non è ancora completamente standardizzata. La DMEK ha diversi vantaggi in termini di tasso di riabilitazione e risultati visivi post-operatori e quindi è necessario standardizzare questa tecnica per una maggiore diffusione di tali interventi e anche considerando che questo è l'unico trattamento possibile per la cura di pazienti affetti da disfunzioni endoteliali. Sebbene il trapianto di cornea sia in fase avanzata, a causa di una quantità limitata di cornee da donatori ai fini di trapianto, approcci alternativi come la coltura di endotelio corneale in vitro svolgono un ruolo importante. La coltura di endotelio non è l'unico problema nel trapianto di endotelio (EK)dal momento che trapiantare un innesto di 20 micron di spessore all'interno dell'occhio destinatario rappresenta una sfida ulteriore. Inoltre, la disponibilità dei donatori per la coltura di endotelio corneale è inferiore, rendendo questa strategia ulteriormente più complicata. La tesi è quindi strutturata in modo da mettere in evidenza due questioni molto importanti nell’ attuale scenario della cheratoplastica endoteliale, 1) trapianto di cornea posteriore o EK, che è l'attuale metodo di trattamento per la cheratoplastica endoteliale e 2) coltura delle cellule endoteliali della cornea umana, che rappresenta il futuro della cheratoplastica endoteliale.
Il Capitolo 1 è un'introduzione sul mondo dell’ Eye Banking, sulle sue caratteristiche attuali, sullo sviluppo nel mondo moderno e sul supporto per i chirurghi, non solo in termini di nuove tecniche, ma anche di dispositivi per interventi selettivi. Si evidenzia anche la conservazione dei tessuti corneali, che è un elemento importante nel campo dell’Eye Banking. Le banche degli occhi svolgono un ruolo significativo nel settore dei trapianti di cornea, dal momento cheraccolgono le cornee umane e le analizzano per ilsuccessivo trapianto. Le cornee non idonee per il trapianto possono essere utilizzate per la ricerca e quindi lo sviluppo dell’Eye Bankinge la ricerca possono influenzare il campo del trapianto di cornea. Il Capitolo 2 introduce l’argomento delle colture cellulari corneali e le tecniche attuali che sono utilizzate per la coltura ed il trapianto di cellule coltivate.
Per capire il motivo e l'esigenza dell’ingegnerizzazione dei tessuti, è importante studiare la cornea umana, la sua matrice extracellulare ed il suo comportamento in diversi mezzi di coltura. Il comportamento biomeccanico di un tessuto sottile (DM) in condizioni diverse rappresenta una parte rilevante di questo studio per la futura ingegnerizzazione,che viene descritta nel Capitolo 3. E’ inoltre importante standardizzare il trattamento attualmente disponibile allo scopo di ridurre in futuro l’onere di pazienti con endotelio compromesso ed evitare danni o sprechi di tessuto, che attualmente avvengono nelle sale chirurgiche, fornendo tessuti standardizzati in terreni di conservazione validati, come descritto nel Capitolo 4. La DMEK è considerata il futuro della cheratoplastica endoteliale, dal momento che presenta vantaggi quali la velocità dei tempi di riabilitazione ed i risultati visivi. Il Capitolo 5 mette in evidenza l'importanza della nuova tecnica che consiste nell’arrotolare il tessuto DMEK per consentire un facile inserimento per poi dispiegarlo nell'occhio ricevente, rispetto alla tecnica attualmente utilizzata con endotelio arrotolato in senso opposto. Attualmente, i tessuti DMEK sono o preparati in sala operatoria o allestiti in Banca degli Occhi e spediti ai chirurghi. Tuttavia, non vi è alcuna procedura standardizzata che possa contribuire ad ottenereun lembo endoteliale validato prima dell'intervento e fornire un innesto ready-to-use ai chirurghi. Il Capitolo 6 descrive una nuova tecnica di pre-caricamento di un lembo endoteliale in una cartuccia IOL disponibile in commercio che può essere utilizzato come dispositivo di conservazione, trasporto e trapianto. Questa tecnica consentirà di ridurre ulteriormente gli sprechi nei trapianti e fornirà ai chirurghi un innesto pre-convalidato,riducendo ulteriormente il tempo complessivo in sala operatoria edi relativi costi. Quindi nella prima fase della tesi, sono stati analizzati i diversi approcci per standardizzare la tecnica DMEK.
Le HCECs sono attualmente coltivate usando cornee di donatori giovani. Ci sono due aspetti importanti, in primo luogo la disponibilità di tessuti di donatori giovani è minore rispetto a quella di donatori anziani, ed in secondo luogo non vi è, ad oggi, alcun metodo standardizzato di coltura delle HCECs. Pertanto, per ridurre la domanda di tessuti a livello mondiale, vi è una forte necessità di coltivare leHCECsderivanti da cornee di donatori anziani, che sono meno proliferative e meno resistenti in natura, ma per le quali vi è una elevata disponibilità della fonte donatrice. Il Capitolo 7 descrivelo studio sull'isolamento delle HCECs e la successiva coltura di tali cellule ottenute da cornee di donatori anziani. Una volta stabilito il protocollo, è stato eseguito uno studio completocon un alto campionamento, per dimostrare la coerenza di questa tecnica,come evidenziato nel Capitolo 8. Nel frattempo si è anche osservato che le cellule da donatori anziani possono essere coltivate utilizzando l’inibitore ROCK in combinazione con acido ialuronico (HA). HA induce una forza meccanica alle cellule per far sì che siano saldamente attaccate alla base e consentire così una maggiore proliferazione,come descritto nel Capitolo 9. La seconda parte della tesi indaga quindi la tecnica di coltura delle HCECs da cornee di donatori anziani. Tuttavia, una volta che le cellule sono coltivate, un'altra sfida è trapiantarle nella camera anteriore dell'occhio. Ciò può essere eseguito utilizzando due strategie: la prima è quella di ad impiantare le cellule in forma di sospensione nella camera anteriore, tecnica che è già stata proposta, ma che non ha ancora fornito un’evidenza clinica; la secondaè quella di sviluppare un substrato per il trasporto delle cellule coltivate. Nel Capitolo 10, si identifica la colla di pesce (FSS)come una grande fonte di collagene e quindi come un potenziale scaffold da utilizzare per la cultura HCECs e successivo trapianto. E’ inoltre importante capire le norme che regolano gli studi scientifici ed il loro uso nelle applicazioni cliniche. Pertanto, nel Capitolo 11, viene descritta l’identificazione dell’ rHSA come sostitutodell’ FCS per la conservazione di cornee umane. Questo contribuirà anche a creare un terreno di coltura sintetico che potrebbe essere utilizzato per la cultura HCECs in condizioni GMP in futuro.
In conclusione, si è osservato che il pre-caricamento di tessuti con endotelio rivolto verso l'interno e conservati in un terreno con destrano, potrebbe rappresentare una possibile soluzione per fornire un lembo per DMEK validato e standardizzato per il trattamento delle disfunzioni endoteliali. Le banche degli occhi svolgono un ruolo importante nello sviluppo di queste tecniche chirurgiche e relativi dispositivi, che potranno cambiarele modalità del trapianto di cornea in futuro. Una tecnica alternativa come la coltura di HCECs ha in sèil potenziale per il trattamento di disturbi endoteliali e substrati come FSS potrebbero essere utilizzati per la coltura edil trapianto di queste cellule. Tuttavia, l'efficacia di queste cellule potrà essere validata solo dopo uno studio clinico. Considerando le questioni regolatorie, il terreno sintetico potrebbe aiutare le banche degli occhi sia per la conservazione delle cornee e dei i nuovi prodotti come DMEK pre-caricati sia, in futuro, per le colture.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:Palu, Giorgio
Ph.D. course:Ciclo 29 > Corsi 29 > BIOMEDICINA
Data di deposito della tesi:24 January 2017
Anno di Pubblicazione:24 January 2017
Key Words:Eye Bank, Cornea, Endothelium, Keratoplasty, Cell culture, Scaffolds
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 05 - Scienze biologiche > BIO/11 Biologia molecolare
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Medicina Molecolare
Codice ID:9913
Depositato il:16 Nov 2017 11:07
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record